ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato sabato 26 novembre 2005
ultima lettura domenica 18 agosto 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

L'uomo sotto il bianco

di Desmaele. Letto 794 volte. Dallo scaffale Generico

Sono ovunque. Li sento! Li sento... Come hanno fatto ad entrare? Ieri notte, ho sprangato tutte le finestre, ho chiuso la porta, ho fatto tutto qu...

Sono ovunque. Li sento! Li sento... Come hanno fatto ad entrare? Ieri notte, ho sprangato tutte le finestre, ho chiuso la porta, ho fatto tutto quanto era necessario fare. Eppure sono qui, o è qui. Che importa. Qualcosa è lì fuori. Sento il gelo del Suo respito rendermi di vetro le ossa. Sono lì a godere della mia attesa impotente. O forse aspetta che io creda di essere finalmente solo, che creda che Loro siano andati via, che Lui abbia fatto a ritroso il percorso della mia paura, che Loro abbiano desistito per qualche motivo a me oscuro, magari pietà. Ma io so... so che aspettano, che aspetta che io mi senta fuori pericolo, che io faccia un movimento o scosti questo lenzuolo dal viso per respirare ossigeno che non sappia della mia angoscia. Per poi piombarmi addosso con tutto il Loro abominio, per saziarsi delle mie illusioni prima, del mio terrore poi, di me per ultimo! Ohh, ohh se lo so. Ma io non ci penso affatto a togliermi questo lenzuolo da dosso o a muovere un solo muscolo! Le lenzuola hanno difeso generazioni intere di bambini. Ci dev'essere qualcosa di magico in un lenzuolo. Si, si, come no. La paura del buio e dell'ignoranza. Un accidenti. I bimbi sanno bene che c'è qualcosa lì fuori, le loro non sono paure di piccoli uomini indifesi, sanno che a volte Lui è lì, ad attenderli, ad attendermi. Poi si convincono, si persuadono, dimenticano, rimuovono: questo si che è psicologico! Non la paura di quando erano piccoli: avevano tutti i motivi di avere paura! Ora lo so, ora l'ho capito! ora inizio a ricordare!! Quegli Esseri vivono di paura, di quello si nutre. Lasciano vivere i loro piccoli animali umani come noi i maiali. Perchè Lo si possa saziare della nostra paura. Perchè il terrore è una fonte inesauribile, un singolo uomo può generare terrore per tutta la sua vita. Per assurdo il terrore morrà dopo di lui, perchè impregnerà le pareti, gli oggetti, gli specchi sporchi e orfani di un'immagine consunta prima e ormai cadavere. Il terrore infetterà ancora i luoghi di quell'uomo quando quell'uomo starà già decomponendosi a nutrire vermi. Ma prima dei vermi, da vivo, ha nutrito Lui! Ci fanno ingrassare di angoscia e ci lasciano avvampare nel nostro spavento a saziarLo del grasso spaventato e spaventevole che scivola via da noi. E poi ci danno tregua, per abbastanza da sentirci al sicuro, e allora ci piombano addosso a scarnificarci speranze e ricordi!!! Lo so! LO SOOO!!! Ma io non ci casco! No! Non so se è il lenzuolo a proteggermi o la Loro attesa perversa. Ma io non mi sentirò tranquillo! Godetevi il mio terrore che mi consumerà lento, ma non avrete la mia salvezza, la mia speranza, non crederò di poter essere ancora vivo perchè mi portiate via non il corpo di una persona disperata ma quello di un uomo che aveva appena cominciato a sperare! No! FOTTETEVI! Ah, è così. Allora sta funzionando, state perdendo le speranze di cogliermi impreparato. Cos'è? hai paura che io muoia di fame? Lo sapete che da qui sotto non uscirò più vero? La mia paura rassegnata ha un gusto troppo insipido rispetto al terrore sgomento che già stavi pregustando? A questo siete arrivati? Pensi di potermi ingannare, che io cada nella Vostra trappola e venga fuori? Vi illudete che io possa pensare davvero di essere sotto il lenzuolo di un obitorio o dentro il bianco imbottito di una bara? Ti illudi che io creda a queste voci che dovrei scambiare per addetti delle pompe funebri che si raccontano pettegolezzi sulla mia morte improvvisa nel sonno, di nessuno familiare che possa venire a piangere la povera salma di un uomo solo? Cosa dovrei pensare? che hanno erroneamente creduto che fossi morto? e che stanno per seppellirmi vivo? E dovrei spalancare questo bianco buio urlando "Non sono morto non sono..."? Non ci casco. Non mi fottete. Starò qui sotto per sempre se necessario...


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: