ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 7.933 ewriters e abbiamo pubblicato 70.880 lavori, che sono stati letti 44.149.796 volte e commentati 54.141 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato mercoledì 12 ottobre 2005
ultima lettura domenica 23 luglio 2017

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Ritratto

di Bokalov. Letto 1600 volte. Dallo scaffale Viaggi

Dopo Reggio Emilia e'stata l'apoteosi. Un viaggio, di quelli veri che vivi a pelle, quelli che senti presenti in ogni momento sono fatti di luoghi ce...

Dopo Reggio Emilia e'stata l'apoteosi. Un viaggio, di quelli veri che vivi a pelle, quelli che senti presenti in ogni momento sono fatti di luoghi certo, di sensazioni, di slabbrate o pungenti fotografie della memoria, di episodi. Ma anche di gente. Perche'e' bello parlare, e scriverene. I compagni di viaggio sono fondamentali, da te e da loro dipendono le storie e le vicende della vacanza, una lotteria piena d'imprevisti. L'animo umano e' strano, gli piace giocare alla sorte, agli avvenimenti, e quindi non sai mai cosa puo succedere, come si puo' vivere un esperienza. Vivere, si.Andare. Be', pero' ora lo posso dire, due mesi dopo con la mente lucida e i ricordi fermi. Scolpiti. Quel ragazzo e' stato consacrato, ha dato il meglio di se'. L'apoteosi, il delirio adolescenziale. Ora, il signor X, o ragazzo X o quel tale di cui parlo (anonimamente per rimanere sul vago...), fate come volete, e' un tipo che devi prendere cosi come viene. Devo dire che quando siamo saliti assieme su quell'Intercity sferragliante e in netto ritardo, almeno nel suo esordio, ho temuto il peggio. Immaginavo che sarebbe stato uno show. Metabolizzate le razioni mattutine di cazzate astronomiche comincia a sparare a zero su quel malcapitato tifoso del Palermo che non sufficientemente afflitto da 12 ore di treno all'impiedi si deve subire anche gli strafalcioni di un manipolo di romani che vanno su per la Bassa Padana a far bene non si sa cosa. Un fiume in piena. Il tale X, come se non bastasse, non e' certo un campione di affabilita', almeno al primo impatto: il suo faccione devastato dall'acne, il folto panettone in testa lo rendono buffo e caratteristico (nel suo). Ma non e' questo il problema, guai invece se apre bocca! Nonostante tutto pero', e' un grande, allieta il nostro soggiorno con le sue contorte visioni del mondo, i suoi pensieri distorti, le uscite improbabili. Disarmante, perpetuo in una settimana, e' l'escalation del grottesco e dell'ironia inevitabile. Ci fa divertire, e' un vulcano pacato: dalla sua flemme e incerta voce ne econo delle belle...e le mette pure per iscritto.. Si pone problemi pseudo-esistenziali nel bel mezzo di una vacanza sbarazzina e allegra. Insomma rimani k.o quando ti sfodera certi pezzi del suo repertorio; alle cinque e mezzo di notte, tra un giro di carte, il primo sole che fa capoccella dal campanile che sovrasta l'ostello e che ci rincoglionisce con il suo perenne e assordante battito d'ogni ora, il vino frizzante e favillante nelle vene e che rende alticci un po' tutti, il signor X se ne esce con un saggio d'alta classe sull'ASCETISMO. Avete presente cosa cazzo e' l'ASCETISMO alle sei di mattina quando il tuo corpo e' invaso dal lambrusco e dal sangiovese e ti viene da ballare sui letti, e assaporare la notte, vedere le luci scintillanti dalla finestra o cadere nel sonno tramortiti come bambini??? Una bomba all'idrogeno. E che ne dite della TEORIA DEL CONVINCERE E COSTRINGERE, DEL LAVAGGIO DEL CERVELLO, DEI PERICOLOSI CRIMINALI che vanno contromano con dei vecchi macinini di biciclette per le strade desolate di Reggio Emilia (il sottoscritto e seguaci in coda..). Oppure della qualita' dei Kebab imbottiti di carnaccia e oleosi da ungerti come niente. E mettiamoci pure Freud, l'inconscio, Aristotele,Socrate, L'essenza filosofica e oppiante dell'Himalaya. "Zitto un attimo signor X" e' giorno, i monti di reggio sono rischiarati in un unico florido e profumato quadro impressionista. La nascita giornaliera dei colori, la rivincita mattutina dall'oscurita',inizia un nuovo giorno. "Signor X la notte porta consiglio si dice...". Sei l'indispensabile, grande e psicolabile filosofo del continuo girovagare di un gruppo d'amici,sei la nostra fottuta anima teorica di vagabondi del dharma. Cazzo! "Chiudi la persiana ch'entra la luce...". Allora. Buonanotte. Ciao.


Commenti

pubblicato il 13/10/2005 20.22.45
The bad bastard, ha scritto: Una sola parola per definire questo lavoro,FANTASTICO.La curiosità che mi ha suscitato questo racconto di conoscere l'asceta è ormai insostenibile.Un saluto a Mario e a tutti i palermitani.

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: