ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato sabato 10 settembre 2005
ultima lettura giovedì 28 novembre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Il sogno di un sogno

di Raffaele Gazerro. Letto 1091 volte. Dallo scaffale Sogni

Nel sogno tu. O forse no. Forse tu, che poi diventi altre. Alcune vere, altre inventate, altre frutto della sragione dei sogni. Comunque una tu che mi...

Nel sogno tu. O forse no. Forse tu, che poi diventi altre. Alcune vere, altre inventate, altre frutto della sragione dei sogni. Comunque una tu che mi piace. Che gioca con me sulla spiaggia di un sole che non brucia, ma che vuole stare con noi. Poi il tuo silenzio e le tue parole. I tuoi sorrisi, che sono anche quelli di altre. La tua immagine davanti a me che mi rende bello il mondo. E mi fa venire voglia di parlare e di ascoltare. Poi caldo. Sole. Sabbia fra di noi. E una complicità di silenzi e di frasi. E la poesia geometrica delle onde del mare in un vortice di colori e di azzurri, di strisce argentate e dorate fino all'orizzonte. E ti guardo mentre guardi. E sei bella. Pure se ti conosco da tanto. Se pure conosco molto di te, ma non so niente. Perché struggente e appassionante è per me ciò che non so. Perché mi intriga più non sapere, che possedere. Bevi un sorso d'acqua come fosse vino. Ed è bello guardarti, guardarvi. Ma lo faccio con discrezione, come fossi sotto osservazione. Per me sei troppo bella. E devo fare attenzione a non consumarti. Perché fosse per me ti scruterei per poterti ricordare anche quando non ci sei. Ma quando poi ci provo non riesco mai a immaginarti. Ho bisogno di vederti, vedervi per poterti avere con me. E' come una dannazione. Poi di colpo una pioggia improvvisa, ridicola, inattesa. E il tuo corpo che corre via. Ma non so se sei tu. O sei un'altra. O un'altra ancora. Forse non l'ho mai saputo. Ed è magari per quello che così mi piaci. In fuga. Lontana. Mia, ma forse irraggiungibile. Come un sogno. Che ti può appartenere per lo spazio di una notte. Finché un nuovo buio non nasce a giorno.


Commenti

pubblicato il 02/10/2005 20.50.13
accatttonadellaparola, ha scritto: magnifica dichiarazione d'amore.

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: