ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato venerdì 2 settembre 2005
ultima lettura lunedì 21 settembre 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Join the masquerade

di Lilith. Letto 752 volte. Dallo scaffale Pensieri

Nulla, non si accorgono di nulla. Ogni giorno è sempre peggio. Segnali subliminali...niente! Pura propaganda...niente! A chi dovrei mostrare i coc...

Nulla, non si accorgono di nulla. Ogni giorno è sempre peggio. Segnali subliminali...niente! Pura propaganda...niente! A chi dovrei mostrare i cocci della mia anima? Spero che a forza di camminarci sopra prima o poi si ferirà. Qualche scheggia gli si ficcherà nella pianta del piede e forse proverà un millesimo di quello che questa storia mi ha causato. L'avrei seguito ovunque; mi incantava con le sue stronzate e non mi accorgevo di essere solo la sua bambolina di pezza. Ora lo so, ma sono drogata. Ho bisogno del suo dolore e gli lascio accarezzare i fili di lana dei miei capelli. Cammino e lui è sempre più lontano. Affondo e lui cammina via. Devo ricordarmi di respirare e di dirgli che lo considero un ipocrita. Maschera di zucchero. Questo è stato. E nel frattempo parlava chiaro. Stillava sentenze e pensieri assiemo al sangue del mio cuore. Com'è possibile che non si accorga del mio dolore? Tutto è placido, tutto è tranquillo, il casino è solo quì dentro. Ancora stufa di falsi sorrisi, scivolo nel baratro senza nessuno a cui aggrapparmi. Giù, giù, e giù. Faccio un casino pazzesco, suona come metallo, come unghie sulla lavagna, eppure...eppure nessuno alza lo sguardo. Cerco un contatto e mi accontento di essere scopata. Sono in un pozzo e abituata al fango, ormai me lo spalmo sugl'occhi. Le ferite che ho? Non sono ancora abbastanza. Il mio cuore sta per andare in cancrena e l'unica cosa che per loro dovrebbe aiutarmi è la "perifrastica passiva"...andassero a farsi fottere. Un passatempo momentaneo, ecco cosa sono diventata e non aspiro ad essere altro. "E se ci fosse un terzo?" Ma sì, che si unisca alla mascherata. Il cerone bianco è rigato di nero. Il mascara si scioglie con le lacrime, ma lo spettacolo continua. La piccola puttana c'è sempre quando la chiami. Anche se mentre la lecchi guarda altrove. Anche se quando l'abbracci ha voglia di sputare via l'anima. Anche se quando la guardi mentre vieni lei si annoia a morte. Anche se le immagini sante la fanno foffrire come tu solo sai. Lei c'è sempre quando la chiami. Sempre. Pensa al suicidio. Pensa alla cocaina, alle lame che sono passate sulle sue braccia, pensa alle urla ingoiate e alle sigarette sui polsi. E sorride. Come ogni bambola che si rispetti. Mentre si apre e ti guarda con i suoi occhi a mandorla supplicanti, tu sai solo ripeterle che sei un debole. E lei allora? Quando finirà questa storia? Dovrò davvero ingoiare la magica boccetta di valium? Potrei anche scomparire per sempre. Penso ai giorni prima del tua arrivo e non so decidermi... Psicologicamente a terra, tremavo quando parlavi. Adesso sei con loro. Tutti loro che non capiscono, che non vogliono capire. Ho cercato di salvarti, e viene un po' da ridere a pensare alla puttana di stoffa che vuole salvare il principe azzurro, ma è stato così. Non hai voluto e adesso penso che non sei più speciale, che sei simile a tutti gli altri pedoni della scacchiera. Ti ho chiesto di raggiungermi e tu mi hai risposto cercando di infilarmi una mano nei pantaloni. Contando il numero di respiri che mi separa dalla morte, per me le città cambiano nome e camminando a dieci metri dal suolo, ripeto le tue cazzate sulla libertà. Non so più dove nascondermi. Mi sembrava eccitante essere in due, nudi e profani, ma ora ho scoperto che sei solo un manichino di cera. L'unica cosa che ho da dirti è di unirti alla mascherata. Senza di te non sono niente. Mi fai schifo. Unisciti alla mascherata!


Commenti

pubblicato il 02/09/2005 16.13.19
paM, ha scritto: limpido crudo e rancoroso come è giusto che sia. Leggetelo

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: