ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato giovedì 11 agosto 2005
ultima lettura mercoledì 20 febbraio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

L'ANELLO MAGICO

di michele marra . Letto 5861 volte. Dallo scaffale Fantasia

L'ANELLO MAGICO SCRITTA DA ANGELICA MARRA DI ANNI 10 C'ERA UNA VOLTA UNA BAMBINA POVERA CHE SI CHIAMAVA VIOLETTA , VIVEVA IN UN BOSCO S...

L'ANELLO MAGICO SCRITTA DA ANGELICA MARRA DI ANNI 10 C'ERA UNA VOLTA UNA BAMBINA POVERA CHE SI CHIAMAVA VIOLETTA , VIVEVA IN UN BOSCO SOLA SOLETTA. UN GIORNO TROVO' UN ANELLO D'ORO CON LE PIETRE AZZURRE ,SE LO MISE AL DITO E COMPARVE UNA STREGA CATTIVISSIMA CHE DISSE :- " SE NON MI DAI L'ANELLO, IO TI FACCIO MORIRE ". VENNE UN PRINCIPE, PRESE LO SCETTRO E FECE SCOMPARIRE LA STREGA . IL GIORNO SEGUENTE LA BAMBINA DIVENTO' RICCA ,PERCHE' L’ANELLO FACEVA DIVENTARE REALI MOLTI SOGNI,COSì EBBE UN CASTELLO E MOLTE RICHEZZE .IL PRINCIPE CHE L’AVEVA SALVATA DALLA STREGA S’INNAMORò ,SI SPOSARONO E VISSERO PER SEMPRE FELICI E CONTENTI.


Commenti

pubblicato il 11/08/2005 9.29.11
michele marra , ha scritto: leggetelo! La favoletta è stata scritta da mia figlia ANGELICA MARRA che ha frequeantato quest'anno la quarta elementare
pubblicato il 25/04/2007 11.55.31
michele marra , ha scritto: Il Poeta Rivoluzionario da "Un Uomo" di Oriana Fallaci Il poeta ribelle, l'eroe solitario, è un individuo senza seguaci: non trascina le masse in piazza, non provoca le rivoluzioni. Però le prepara. Anche se non combina nulla di immediato e di pratico, anche se si esprime attraverso bravate o follie, anche se viene respinto o offeso, egli muove le acque dello stagno che tace, incrina le dighe del conformismo che frena, disturba il potere che opprime. Infatti qualsiasi cosa egli dica o intraprenda, persino una frase interrotta, un'impresa fallita, diventa un seme destinato a fallire, un profumo che resta nell'aria, un esempio per le altre piante del bosco, per noi che non abbiamo il suo coraggio e la sua veggenza e il suo genio. E lo stagno lo sa, il potere lo sa che il vero nemico è lui, il vero pericolo da liquidare. Sa addirittura che egli non può essere rimpiazzato o copiato: la storia del mondo ci ha ben fornito la prova che morto un leader se ne inventa un altro, morto un uomo d'azione se ne trova un altro. Morto un poeta, invece, eliminato un eroe, si forma un vuoto incolmabile, e bisogna attendere che gli dei lo facciano resuscitare. Chissà dove, chissà quando

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: