ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato sabato 16 luglio 2005
ultima lettura domenica 29 novembre 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Dafne

di piggia. Letto 1117 volte. Dallo scaffale Racconti

Un'antica leggenda narra che Dafne visse al tempo degli antichi greci. Ma come sarebbe quella esile ragazza se vivesse ai giorni nostri?

Dafne aveva vent’anni, e viveva con il capostazione, nella piccola casetta di questo adiacente alla stazione. Viveva con lui, ma non era sua figlia. Dafne era stata trovata sul treno, un giorno ventoso. Abbandonata dalla madre sull’ultimo sedile del vagone, era stata raccolta dal caro vecchio e ospitata nella sua casa. Il treno era stato la sua unica vita, lo amava. Forse perché le aveva salvato la vita, forse perché era così simile a lei, sfuggente e veloce sui binari. Il treno in fondo era lei stessa. Non aveva legami, e se li aveva erano solo dei nodi larghi, che non la obbligavano a star ferma. In paese la giudicavano, come succede un po’ in tutti i paesi. Alcuni la vedevano come una sfaccendata, altri come l’emblema della libertà. Molti la invidiavano. Ma lei non si curava di loro, in fondo li vedeva solo la mattina, mentre faceva le compere. Poggiava le borse sul tavolo della cucina e poi via, per i campi sconfinati. Con i suoi capelli al vento, e il sorriso sulle labbra, correva. Saltava i recinti che delimitavano le proprietà e rideva dei vecchi che le urlavano contro. Poi, sfinita, crollava in ginocchio, respirando il profumo dei fiori di campo e contemplando il sole che moriva dietro l’orizzonte. Voleva raggiungerlo. Voleva vedere cosa gli accadeva, dove lo portava il suo lungo viaggio sulla volta celeste. Voleva scoprire perché si tingeva di rosso, perché diventava enorme, e perché fuggiva. Ma ogni volta moriva a un millimetro da lui, e rimandava. Domani…


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: