ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato venerdì 8 luglio 2005
ultima lettura giovedì 10 dicembre 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Making of...Reservoir Dogs

di Blue Eyes. Letto 4835 volte. Dallo scaffale Cinema

Questa è una raccolta di indiscrezioni ed errori riguardo la lavorazione, la produzione e la messa in onda di questa pietra miliare del pulp firmata da Quentin Tarantino. Ho dovuto spulciare in tantissimi archivi, tradurre almeno 4 lingue, passando ore davanti a questo capolavoro come tutti gli altri film del regista.Quindi è con grande onore "cinefilo" che vi consegno questo scritto su cui ho passato ore per ricopiare i miei appunti su carta, facendo una fatica immane! (Ah, spero non avrete rammarico dal fatto che è protetto da copyright!)

Reservoir Dogs (1992)











Regia di
Quentin Tarantino  
 
















Scritto da
Quentin Tarantino   (written by)

Roger Avary   (background radio dialog) &
Quentin Tarantino   (background radio dialog)











































































































Cast (in ordine dei titoli) verified as complete
Harvey Keitel .... Mr. White/Larry Dimmick
Tim Roth .... Mr. Orange/Freddy Newandyke
Michael Madsen .... Mr. Blonde/Vic Vega
Steve Buscemi .... Mr. Pink
Chris Penn .... Nice Guy Eddie Cabot
Lawrence Tierney .... Joe Cabot
Randy Brooks .... Holdaway
Kirk Baltz .... Marvin Nash
Quentin Tarantino .... Mr. Brown
Edward Bunker .... Mr. Blue (as Eddie Bunker)
Steven Wright .... K-Billy DJ (voice)
Rich Turner .... Sheriff #1
David Steen .... Sheriff #2
Tony Cosmo .... Sheriff #3
Stevo Polyi .... Sheriff #4
Michael Sottile .... Teddy
Lawrence Bender .... Young cop (also radio play background voice)
Linda Kaye .... Shocked woman
Robert Ruth .... Shot cop
Suzanne Celeste .... Shot woman
Laurie Latham .... Radio play background voice (voice)
Maria Strova .... Radio play background voice (voice)
Burr Steers .... Radio play background voice (voice)
Craig Hamann .... Radio play background voice (voice)
resto del cast in ordine alfabetico:
Rowland Wafford .... Diner patron (uncredited)




C’e’ una rapina in una gioielleria che non appare direttamente nelle scene del film, ma che si va districando attraverso i risvolti della storia secondo quello che diventerà lo schema tipico di Tarantino: lo sconvolgimento cronologico dell'intera vicenda. I numerosi FlashBack che intervellano la vicenda permettono di conoscere a fondo ognuno dei protagonisti e la loro natura.
Nessuno di loro sa chi è l’altro e si conoscono attraverso nomi in codice dettati dall'organizzatore del colpo, Joe Cabot (Lawrence Tierney)che si basano su tonalità di colori differenti ossia: Mr.White, Mr.Orange, Mr.Brown, Mr.Blue, Mr.Blonde e Mr.Pink. a loro si aggiunge il figlio di Joe, Eddie il bello (Chris Penn).
La rapina si rivela una carneficina, e quindi i protagonisti ancora vivi che si ritrovano, pensano subito che nel gruppo ci sia un'infiltrato, una talpa...il tutto tra la vera violenza "pulp" che solo Tarantino poteva conferire.
Leggendario esordio del regista.





Questa è una raccolta di indiscrezioni ed errori riguardo la lavorazione, la produzione e la messa in onda di questa pietra miliare del pulp firmata da Quentin Tarantino. Ho dovuto spulciare in tantissimi archivi, tradurre almeno 4 lingue, passando ore davanti a questo capolavoro come tutti gli altri film del regista.Quindi è con grande onore "cinefilo" che vi consegno questo scritto su cui ho passato ore per ricopiare i miei appunti su carta, facendo una fatica immane! (Ah, spero non avrete rammarico dal fatto che è protetto da copyright!)



"When people ask me if I went to film school I tell them, 'no, I went to films.'"- Quentin Tarantino.



Armato di 30.000$ e una videocamera da 16mm, Quentin Tarantino stava per produrre il film con i suoi amici, incluso il produttore Lawrence Bender che doveva intepretare la parte di "Eddie il bello". Succesivamente Tarantino ricevette un messaggio di Harvey Keitel (che alla fine interpreto' Mr.White), che aveva letto il copione del film consegnatoli dalla moglie di Bender (che insegnava recitazione) e lo trovava magnifico. Keitel incremento' il budget di 1,5 milioni di dollari e permise al regista di creare un film di rango.

Il titolo del film è una combinazione di 2 altre opere cinematografiche: Tarantino, che non riusciva bene a parlare francese, pronunciava il film "Au revoir les Enfants" semplicemente "that Reservoir movie". Tarantino è anche un grande fan dei film di Sam Peckinpah, e il suo film preferito era "Straw dogs". Da questi due titoli è nato "Reservoir Dogs". (Si ricordi che Tarantino ha lavorato in un grande video-shop, sua seconda casa, da qui la sua sconfinata memoria cinefila).

Quentin Tarantino voleva proporre a James Woods una parte nel film, proponedogli 5 differenti ruoli da scegliere. Pero' l'agente di Woods rifiuto' l'offerta senza parlarne con il suo assistito in quanto l'ingaggio era decisamente sotto la media. Quando Tarantino e Woods si incontrarono la prima volta, quest'ultimo venne a sapere che il regista l'aveva cercato per il film, e lui, così rammaricato di non averne saputo niente, licenzio' il suo agente.Tarantino non gli disse per quale ruolo l'avesse cercato, poichè l'attore che lo aveva interpretato aveva "recitato magnificamente".Si vocifera che il ruolo in questione sia quello di Mr. Orange.

Tarantino aveva originariamente creato il ruolo di Mr.Pink per sè stesso.

La parola "fuck" è usata 252 volte

Nel "flashback" di Mr.White, Joe gli chiede informazioni a proposito di una ragazza chiamata Alabama. Questo è un riferimento al personaggio di Patricia Arquette interpretato in True Romance ("Una vita al massimo" ,Ndr) del 1993, di cui Tarantino aveva scritto la sceneggiatura anni prima (infatti questo film è uscito un anno dopo ripetto a "Reservoir Dogs") e originariamente aveva intenzione di far incontrare i due personaggi come partners in alcuni crimini. In True Romance, alla fine, questo dettaglio fu eliminato.

Nella scena iniziale la grandezza del sigaro di Mr.Blue cambia...non gradualmente!

Mr.Pink porta la sigaretta alla bocca due volte mentre parla con Mr.White

Durante la scena della tortura, Mr. Blonde accende la radio, poi esce, e successivamente ritorna.La canzone non subisce stacchi di variazione tra un lasso di tempo e l'altro.

Steve Buscemi era stato originariamente scelto per il ruolo di Mr.White

Mr Pink (Steve Buscemi) che nel film odiava dare mance ai camerieri (impostandoci sù un vero e proprio discorso filosofico), è apparso in un cameo in Pulp Fiction, dove interpretava, ironia della sorte, il cameriere del Jack Rabbit Slim's, Buddy Holly.

Michael Madsen originariamente ha preso parte alle audizioni per il ruolo di Mr.Pink

Samuel L. Jackson, ha preso parte alle audizioni per il ruolo di Mr.Orange, ma non fu scelto. Pero' Quentin Tarantino scrisse appositamente per lui un ruolo per il suo prossimo film, Pulp Fiction. Ruolo recitato magistralmente.

Tim Roth era stato scelto da Tarantino per la parte di Mr. Blonde o Mr Pink.

All'inizio del film c'è una conversazione di Mr Brown (Quentin Tarantino) a proposito di una sua interpretazione personale della canzone "Like a Virgin" di Madonna. Visto il film, la cantante mando' al regista una copia dell'album "Erotica", firmandolo "To Quentin.It's not about dick, it's about love. Madonna." Se avete visto il film, non c'è bisogno di tradurre!

Robert Kurtzman, è stato il curatore del make-up nel film totalmente senza stipendio, a condizione che Quentin Tarantino scrivesse l'opera "From Dusk Till Dawn" basato sulla storia di Kurtzman. Ne fu tratto un film.

Durante il film, un paramedico è stato posto nel set per essere sicuro che Mr.Orange (Tim Roth),durante la scena dove è riverso nel magazzino perdendo sangue, fosse realistico come una vera vittima di un colpo di arma da fuoco.

Molte scene sono state ispirate dal regista Ringo Lam di Honk Kong, e dal suo film "Long hu feng yun", interpretato da Yun-Fat Chow e da Danny Lee. Tarantino va pazzo per questo genere

L'uso dei colori come sistema di identificazione è dovuto ai criminali nel film "The taking of Pelham One Two Three" (1974)

I vestiti bianchi e neri che portano tutti i componenti della banda (ad eccezione di Joe e di Eddie che non hanno preso parte al colpo) sono stati presi dal film di John Woo film _Yinghung bunsik II (1987).

Una scatola di cereali "Fruit Brute" è visibile nell'appartamento di Mr.Orange. La stessa scatola appare in Pulp Fiction.Quentin Tarantino ama ricreare marche di prodotti. I cereali in primo luogo(Fruit Brute, Kaboom, ecc.) ma anche le onnipresenti sigarette "Red Apple" .Tutte queste marche erano prodotte prima del 1970.

Il vero nome di Mr.Blonde è Vic Vega. In Pulp Fiction, John Travolte interpreta un gangster di nome Vincent Vega. Quentin Tarantino ha rivelato che i due personaggi sono in realtà fratelli, ed intende girare un prequel su di loro, intitolato "The Vega Brothers". Le analogie tra i due si evidenziano anche nei dettagli: Vic nel film indossa degli stivaletti da cow-boy neri, mentre Vincent ha una collanina texana e si fa chiamare, guarda caso, cow-boy. E' incredibile come i suoi film orbitino in un universo parallelo tutto loro...

Quando il poliziotto Marvin Nash dentro il magazzino, tra una scena e l'altra è visibile come le sue mani legate cambino posizione.

Durante la storia inventata da Mr.Orange, imita una pistola con la mano mentre preme il tasto dell'asciugamani elettrico.Tra un'inquadratura e l'altra è visibile un errore.

Mr.Blonde apre il suo rasoio due volte al momento della torura di Marvin Nash!

Le due zanne d'avorio nello studio di Joe, cambiano a seconda delle inquadrature.

E' presente nella "Ten year special edition" una scena eliminata, in cui il vero nome di Mr.White è Lawrence Dimmick. Questo è il cognome di Jimmie (interpretato,tra l'altro, da Quentin Tarantino) in Pulp Fiction.

Nina Siemaszko è apparsa come McKlusky in una scena eliminata.



Nonostante abbia ammazzato più gente di tutti, non c'è neppure una scena in cui Mr.Blonde uccida qualcuno.

Il magazzino dove vengono riprese la maggior parte delle scene del film, è pieno di bare. Mr.Blonde si siede su di un "qualcosa" coperto da un drappo. Lì sotto c'è un vecchio carro funebre!

La donna che spara un colpo di pistola a Mr.Orange mentre lui cerca di impossessarsi del suo veicolo, è la sua insegnante di dizione. Roth insistette perchè fosse lei ad interpretare quel ruolo perchè era molto severa con lui. La donna nel film muore succesivamente colpita da Mr.Orange, che ferito, risponde al suo colpo di pistola.

Quando Mr.Blonde getta addosso a Marvin la benzina, si puo' notare che il poliziotto alza il piede sinistro.Nell'altra inquadratura i suoi piedi sono legati alla sedia.

Dopo aver tagliato via il suo orecchio, Blonde si avvia verso la porta con in mano il rasoio...ma quando si avvicina alla porta il rasoio scompare.

Nel magazzino, sempre Blonde. Mentre salta sopra l'auto (carro funebre) coperto dal drappo non ha nessuna sigaretta con sè.Ma subito dopo sta fumando.

A proposito di sigarette, controllate quella di Mr.Blonde nell'ufficio di Joe...

In una scena tagliata,Eddie il bello parla con Mr.Orange di un'infermiera di nome Bonnie. In Pulp Fiction, il personaggio della moglie di Jimmie, è interpretato dalla stessa infermiera.

Nella scena del bagno del magazzino, si vedono delle bottiglie di sapone colorate appogiate al mobile del bagno, che sembrano riassumere i soprannomi dei personaggi presenti: Mr.White e Mr.Pink , rappresentati da più flaconi "uniti" , e il flacone arancione lontano, rappresenta Mr.Orange nell'altra stanza...(o magari la sua natura di infiltrato...)

Christopher Walken era stato scelto per il ruolo di Mr.Blonde. Ma rifiuto'.

Nella mitica scena del poliziotto che viene torturato con un rasoio, per placare Mr.Blonde, lui dice di avere un bambino piccolo.Questa battuta è stata improvvisata, e appena Michael Madsen la sentì ( era da poco diventato padre) , interruppe la scena, turbato.

Il budget del film è stato largamente usato per i costumi: come i jeans neri di Mr.Pink, gli stivaletti da cow-boy di Mr.Blonde, e la giacca di Eddie il bello (che tra l'altro fa schifo!)

La Cadillac Coup Deville di Mr.Blonde, in realtà era davvero l'auto dell'attore Michael Madsen. Il budget non permetteva di acquistare un'auto per il personaggio, e così fu usata la sua vera auto.

Il magazzino del film era precedentemente un deposito funebre.

Mr.Pink usa molte volte l'aggettivo "professionale" riferito al lavoro di gangster.Tarantino vuole omaggiare con questa frase Howard Hawks, uno dei suoi registi preferiti.

Charles Bronson è nominato due volte nel film: una volta da Tarantino alla tavola calda all'inizio del film e successivamente durante la conversazione tra Roth e Keitel nell'auto per definire il colpo.

L'appartamento di Mr.Orange, non era altro che il piano superiore del magazzino principale, decorato in modo da sembrare un vero appartamento.

George Clooney si era interessato al ruolo di Mr.Blonde. Ma poi non fu ritenuto adatto.

Quentin Tarantino era tentato di usare "Ballroom Bliyz" di Sweet come canzone per la scena dell'"orecchio", ma poi fu "Stuck in the middle with you" a prevalere.

Nel film non si vede la scena della morte di Mr.Blue, interpretato dal mitico scrittore "maledetto" Edward Bunker. Non è stata mai girata poichè il budget era terminato.

Nel film non c'è una sola donna che reciti una battuta.

Guardate cosa si riflette nel finestrino dell'auto incidentata da Mr.Brown mentre si apre lo sportello.

Quando spara ai poliziotti, Mr.Pink finisce le munizioni, ma continua lo stesso a sparare.

Come mai quando Eddie spara addosso a Marvin, quest'ultimo non prende fuoco, sebbene è ricoperto di benzina?

Una cosa che cambia è anche la posizione di Mr.Orange steso sulla rampa

Le morti totali nel film : 4 (?)addetti al servizio nella gioielleria, 5 componenti della banda (Mr. White, Mr. Orange, Mr. Blonde, Mr. Blue, and Mr. Brown), Joe Cabot e suo figlio Eddie il bello, i due poliziotti che Mr. White uccide, il poliziotto nel cofano (Marvin Nash), i due poliziotti a cui Mr. Pink spara, la donna che Mr. Orange uccide rispondendo al suo fuoco, e la "ragazza di colore" che Mr. Blonde spara in testa per aver dato l'allarme. In più, il numero imprecisato di poliziotti che vengono uccisi da Mr.Blonde durante la sua fuga." ...Mr.White viene ucciso dai poliziotti, e Mr.Orange muore dissanguato.

Mentre Eddie il bello al cellulare discute a proposito di una talpa nel gruppo, un pallone arancione (Orange) passa dietro la sua auto. Tarantino dice che si tratta di coincidenza.

E' curioso, come la storia racconata da Mr.Orange, sia quasi uno specchio dell'intera vicenda. Nella storia inventata lui ( un fuorilegge) entra in un bagno pieno di poliziotti che non si accorgono della sua natura. Nella vicenda del film, lui è un poliziotto che si introduce in una banda di fuorilegge.

Mr.Blonde è un fan di Lee Marvin. Il poliziotto che uccide si chiama Marvin.

Il rasoio usato da Mr.Blonde (Michael Madsen) è lo stesso usato dalla Sposa in Kill Bill vol.2 per tagliare le sue corde. Guarda caso le corde sono state legate da Bud (Michael Madsen)!!!

Mr. Orange, Mr. Pink, Mr. White, e Eddy il bello, sono seduti in auto a parlare di un film tv, menzionando Pam Grier. Pam Grier è l'inteprete di "Jackie Brown",il terzo film di Quentin Tarantino.


Nella scena di lotta tra Mr.Pink e Mr.White, la luce cambia a ogni colpo.

Mentre parla con il suo "socio" di colore, Mr. Orange paragona Joe Cabot alla "Cosa" dei fantastici 4. La scena successiva mostra un pupazzo della "Cosa" sul comodino nella casa di Mr.Orange.(si vede in qualche fotogramma di sfuggita...quindi guardate la scena a rallentatore)

Joe, parlando con Mr.White, menziona un tale di nome Marcellus che ricettava diamanti, che è stato imprigionato e che ha 20 anni da scontare. In Pulp Fiction, come si chiama il boss di Vincent e Jules?

Durante la fuga dalla rapina, Mr.Pink (per un dei rarissimi errori(?) di Quentin), passa per lo stesso posto due volte!

Quando Mr.Blonde taglia l'orecchio al poliziotto, non c'è sangue sulla lama.

Alcuni vociferano che Mr. Orange abbia ucciso Mr.Brown. Effettivamente i due rimangono da soli qualche secondo, ma io suppongo che Mr.Orange l'abbia lasciato morire e basta, senza intervenire.

Quando MrBlonde tortura Marvin, è accesa la radio...ma non appena Mr.Orange uccide il gangster e parla con Marvin, la radio tace.

Questo è l'unico film di Quentin Tarantino in cui non si vede una sola scena splatter. Ok, d'accordo, Mr. Orange è in una pozza di sangue e anche gli altri attori sono pieni di sugo di pomodoro, ma non si vede una sola scena in cui qualcuno spara addosso ad un altro causando notevole fuoriuscita di sangue (come ad esempio Vincent spara a Marvin in Pulp Fiction). Naturalmente la causa è sicuramente il budget ristretto.

In questo film fumano tutti.

Poche scene sono state girate all'aperto.Il tutto per conferire un senso di claustrofobia allo spettatore.

Quando Mr.Blonde accende la radio nel magazzino,vi è una notizia a proposito del Jack Rabbit Slim's. Il nome vi dice nulla?

Quando Mr.Pink butta fuori una donna dall'auto durante l'inseguimento, se ne va con l'auto lasciando la valigetta dei diamanti a terra...

Ah, questa stessa donna è la stessa che verrà ferita da Marcellus Wallace mentre cerca di sparare a Butch mentre entrambi si riprendono dall'incidente stardale causato da quest'ultimo in Pulp Fiction.

Il bar dove Mr.Orange racconta la storia a Joe Cabot, Mr.White e Eddie era ed è un gay bar! La troupe si è accorta di questo dettaglio durante il film!

La canzone nella macchina di Eddie durante la scena in cui Mr.Orange viene prelevato a casa, è cantata da un gruppo svedese chiamato Blue Swede.

Il gruppo dei Rammstein ha basato il loro video "Du Hast" su questo film.

Giusto ieri sono venuto a conoscenza di un corto (anzi cortissimo) di Grattachecca e Fichetto (original name= Itchy & Scratchy...chi non vede i Simpson o chi non li conosce, non ha mai vissuto) chiamato Reservoir Cats, special guest director Quentin Tarantino(!!!) Dove sembra che Fichetto(il gatto) sia tenuto chiuso in garage da Grattachecca e che sulle note di "Stuck in the Middle with You" ,come Mr.Blonde, verrà squartato per bene. Il finale,a quanto pare, inneggia a Pulp Fiction. Che figo.

Il "deejay" K-Billy della radio che ascolta Mr.Blonde prima di tagliuzzare Marvin, è presente anche nella scena dove lo sceriffo visita la chiesa piena di cadaveri in Kill Bill vol.1.

I capelli di Harvey Keitel subiscono "variazioni" durante il colloquio con Steve Buscemi nel bagno.

Nella scena dove Mr.White e Mr.Pink fumano una sigaretta, Mr.White fa "finta" di accenderla....vedere per credere.

Nell'ufficio di Joe si vedono due zanne di elefante poste dietro la sua scrivania.Se ci si fa caso, si puo' vedere anche una zampa di elefante posta su din un piedistallo alla destra dello spettatore (durante l'ingresso di Vic Vega/Mr.Blonde)

Durante l'animata discussione con Mr.Pink sul fatto che Mr.White ha riferito il suo nome a Mr.Orange, si puo' vedere un cambiamento di luce nella scena: prima è piena luce, poi, d'un tratto, si fa quasi scuro.

Sempre durante la scena del tagliuzzamento, la telecamera vai in alto a sinistra. Qui si puo' leggere la frase scritta sul muro "Watch on your head"...e sopra di essa sembra leggere un nome, Tony. Io personalente non ci ho capito molto, e voi?

Mr White è considerato estremamente pericoloso per i suoi crimini commessi negli anni '70. Tratto da una scena eliminata.

Durante la scena dell'attribuzione dei nomi, un'ombra "umana" (molto probabilmente quella di "boom" mike, appare sul volto di Mr.Blue, interpretato da Edward Bunker.

Mr.Orange ambienta la sua storia "del cesso" nell'anno 1986...pero' dice di aver visto alla Tv "The lost boys" (i ragazzi perduti) uscito nel 1987. (Lo si puo' notare nella versione originale americana)

Verso la fine, si scopre che i poliziotti stanno aspettando Joe appostati fuori dal magazzino, pre coinvolgerlo nell'arresto, poichè considerato personaggio di spicco. Perchè, allora la polizia (presumibilmente ragruppata in differenti squadre) si è appostata alla gioielleria per fermarli durante la rapina, se volevano incastare Joe? (Forse per proteggiere civili da un'eventuale sparatoria, che effetivamente c'è stata!) (Grazie, Mr.Blonde!)

Mentre la telecamera ruota attorno Mr.Orange nel bagno (con gli sceriffi) , l'ombra della stessa è visibile sul muro.

Stealer's Wheel "Stuck in the Middle With You" è uscita nell'Aprile del 1973,e non del 1974 come K-Billy dichiara alla radio.

Mentre Mr.White e Mr.Orange abbandonano la scena della morte di Mr.Brown, nell'angolo a destra si puo' vedere la troupe.

Solo nella lingua madre: nella scena della fuga di Mr.Pink dai poliziotti, Buscemi si scontra con un tizio che gli urla: "Jesus Christ, what the fu*k is your problem man?!" e in sottofondo, un'altra voce grida insieme a Buscemi: "You fu*king assh*le! Evidentemente quello scontro non era propriamente così "voluto"!

Il poliziotto che parla nel bagno durante la "storia del cesso" inventata da Mr.Orange, ha la stessa voce del poliziotto che intima gridando di gettare la pistola a Mr.White alla fine del film. (solo se guardate il film in lingua originale)

La canzone finale sui titoli di coda, "Coconut" è stata usata dopo la scelta di 5 differenti gruppi musicali inclusi gli AC/DC e i Rolling Stones.

E' quasi evidente che Mr.Pink viene catturato appena esce fuori dal magazzino.Lo si deduce dalla voce in sottofondo "put your hands on car" nella versione originale. Quindi possiamo sfatare il mito che sia scappato o morto. Ma con Quentin all'opera non si sa mai!




























Prodotto da
Lawrence Bender .... Produttore
Richard N. Gladstein .... executive producer
Monte Hellman .... executive producer
Harvey Keitel .... co-producer
Ronna B. Wallace .... executive producer
 






























Non-Original Music by
Mark James   (song "Hooked on a Feeling")
John Kay   (song "Magic Carpet Ride")
Rushton Moreve   (song "Magic Carpet Ride")
Harry Nilsson   (song "Coconut")
Gerry Rafferty   (song "Stuck in the Middle With You")
Joe Tex   (song "I Gotcha")
 










Fotografia di
Andrzej Sekula  
 










Montaggio di
Sally Menke  
 










Responsabile casting
Ronnie Yeskel  
 










Scenografie di
David Wasco  
 










Arredatore
Sandy Reynolds-Wasco  
 










Costumi di
Betsy Heimann  
 


























Trucco
Michelle Bühler .... makeup artist (as Michelle Buhler)
Iain Jones .... hair designer
Jamie Melbourne .... assistant hair stylist
Jamie Melbourne .... makeup artist
Rachel Tanner .... hair stylist (as Rachelle Tanner)
 










Direttore di produzione
Paul Hellerman .... production manager
 


























Aiuto regista
Jamie Beardsley .... first assistant director
Kelly Kiernan .... second assistant director
Francis R. Mahoney III .... first assistant director
Andy Spilkoman .... second second assistant director
Steven K. Thomas .... second second assistant director
 


































Art Department
Jonathan Bobbitt .... swing gang
Jonathan R. Hodges .... property master
Clifford Lane .... property assistant
Douglas Matthew McMahon .... property assistant
Edward J. Protiva .... swing gang
Brett C. Smith .... lead man
Greg Wilkinson .... assistant propmaster
 










































































Sonoro
Ron Bartlett .... sound re-recording mixer
Matthew C. Beville .... Weddington recordist
Mark Coffey .... Weddington recordist
Stephen Hunter Flick .... supervising sound editor (as Stephen H. Flick)
Dwayne S. Henkel .... boom operator
John Hulsman .... assistant sound editor
Dave Moreno .... Weddington recordist
Donald Ortiz .... assistant sound editor
Cecilia Perna .... foley mixer
Mary Louise Rodgers .... foley artist
Geoffrey G. Rubay .... supervising sound editor
Michael Salvetta .... foley artist (as Michael A. Salvetta)
Curt Schulkey .... sound editor
Ken Segal .... production sound mixer
Charles E. Smith .... sound editor (as Chuck Smith)
Steve F.B. Smith .... stereo sound consultant: Dolby
David E. Stone .... sound editor (as Dave Stone)
 






















Effetti speciali
Stephen DeLollis .... special effects (as Steve DeLollis)
Pat Domenico .... key special effects
Larry Fioritto .... special effects coordinator
Rick Yale .... special effects
 










Visual Effects
Dave Gregory .... optical supervisor: Title House Inc. (uncredited)
 


























Controfigure
Marian Green .... stunts
Marcia Holley .... stunts
Ken Lesco .... stunt coordinator
Ken Lesco .... stunts
Pat McGroarty .... stunts
 




































































































































































































































































































































































































































<

Commenti

pubblicato il 08/07/2005 23.07.05
Blue Eyes, ha scritto: So che non è il posto migliore, ma volevo scusarmi per l'eccessivo spazio tra i titoli di testa...ma l'html per me è un hobby!
pubblicato il 27/08/2005 20.58.57
zabaglio, ha scritto: ma l'hai scritto te? cavolo fattelo pubblicare, io intento copio e incollo e lo stampo e mi ci faccio un libretto da leggere e rileggere grazie angelo

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login:
Altro personale
Dink Adams .... best boy grip
L. Wayne Alexander .... legal services
Jacqueline Aronson .... set costumer
Roger Avary .... creator: Dog Eat Dog logo
Marina Bailey .... unit publicist
Wendy Baker .... production assistant
Warren Betts .... public relations: Live America
Ian Blackman .... reader
Rebecca Boss .... special thanks (as Becka Boss)
Joey D. Brown .... electrician
Timothy Carey .... dedicatee
Michael D. Carlin .... special thanks (as Mike Carlon)
Doug Cawker .... apprentice editor
Suzanne Celeste .... dialect coach
Michael Chaskes .... apprentice editor
Merry Cheers .... special thanks
Linda R. Chen .... unit photographer (as Linda Chen)
Yun-Fat Chow .... dedicatee (as Chow Yuen Fat)
David Coffee .... driver
Bruce Comtois .... set security
Roger Corman .... dedicatee
Steve Croff .... driver
R. Blaine Currier .... production accountant
Jay Dahlquist .... best boy electric
André De Toth .... dedicatee (as Andre DeToth)
Kelley Dixon .... first assistant editor
Michael Doggett .... transportation consultant (as Mike Doggett)
Ziad Doueiri .... first assistant camera
Melinda Eshelman .... assistant wardrobe (as Melinda Adele Eshelman)
Peter Flood .... special thanks
Carrie Elizabeth Foresman .... first assistant editor
Billy A. Fox .... location manager
Ben C. Giller .... transportation captain
Terry Gilliam .... special thanks
Jean-Luc Godard .... dedicatee
Judith E. Goldman .... assistant location manager (as Judy Goldman)
Carlos K. Goodman .... legal services
Debra Grieco .... assistant accountant
Ulu Grosbard .... special thanks
Randall Guth .... second assistant camera
Mary Claire Hannan .... costume supervisor
Jim Harper .... reader
Alison Howard .... special thanks
Nancy Lynn Hurlbut .... assistant music supervisor
Cathryn James .... special thanks (as Cathryn Jaymes)
Enid L. Kantor .... production coordinator
Ross Katz .... grip (as Ross Andrews Katz)
Jeannie H. Kelly .... craft service
Peggy Kennedy .... casting associate
Martin Kitrosser .... script supervisor
Mark Lass .... negative cutter
John Lieberman .... thanks (as Mr. John Lieberman)
James Lowder .... transportation coordinator (as James R. Lowder)
Greg R. McCullough .... gaffer
Kenneth McGregor .... special thanks (as Kenneth McGreggor)
Brandon McNaughton .... apprentice editor
Stephanie Jo Meckler .... legal services: Live America
Jean-Pierre Melville .... dedicatee (as Jean Pierre Melville)
Neil Michaels .... electrician
Melanie Molyneux .... set medic
Mark Emery Moore .... steadicam operator (as Mark Moore)
Kathy Nelson .... music supervisor: MCA
Katie Nilson .... best boy electric
Harry Nilsson .... special thanks
Lilly Parker .... special thanks
Nancy Perry .... first assistant editor
Steve Petix Jr. .... assistant wardrobe
Steve Petty Jr. .... assistant wardrobe
Laurie Post .... special thanks
Jennifer Pyken .... post-production assistant
Karyn Rachtman .... music supervisor
Cathy Ragona .... assistant: Richard N. Gladstein
Moses Robinson .... production assistant
Julie Rohde-Brown .... assistant coordinator (as Juliet Brown)
Chris J. Rossi .... grip (as Chris Rossi)
Stephen Sacks .... special thanks
Tony Safford .... special thanks
Scott Sampler .... production assistant
Mary Santiago .... extras casting
Michelle Satter .... special thanks
Tony Scott .... special thanks
Stacey Sher .... special thanks (as Stacy Sher)
Alan Sherrod .... director of photography: second unit
Lynn Smith .... first assistant steadicam
Robert John Speer .... driver
Robert John Speer .... generator operator
Boyd Steer .... negative cutter
Todd M. Thaler .... special thanks (as Todd Thaler)
Miles Thomas .... best boy grip
Lawrence Tierney .... dedicatee
Nicholas Toth .... animal handler
Elizabeth Treadwell .... production assistant
Bill Unger .... special thanks
Ric Urbauer .... key grip
Lionel White .... dedicatee
William W. Williams .... first assistant editor
Dennis K. Wilson .... dolly grip
Chuck Winston .... color timer
Frank H. Woodward .... electrician
Greta von Steinbauer .... special thanks (as Greta Vonsteinbauer)
R. Blaine Currier .... production assistant (uncredited)
Michael Mendelsohn .... financial consultant (uncredited)
Marino Pascal .... location scout (uncredited)
Jon Sperry .... dialect coach: Harvey Keitel (uncredited)