ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato mercoledì 15 giugno 2005
ultima lettura venerdì 14 giugno 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

LA CANZONE DI BERLUSCONI

di gregnapola. Letto 4920 volte. Dallo scaffale Umoristici

Questa di Berlusconi è la storia vera che scese in campo un giorno a primavera e per schivarsi di finire in cella si mise a mulin...

Questa di Berlusconi è la storia vera

che scese in campo un giorno a primavera

e per schivarsi di finire in cella

si mise a mulinare la favella.

S’era tirato su col suo sudore,

senza nemmeno l’ombra di un favore.

Girava solo soletto senza scorta,

non frequentava ancora ‘Porta a porta’.

Non si poteva dire fosse bello,

la sua potenza stava nel cervello.

Fiutava lontano un miglio un affarone

e sì tuffò nel bisness del mattone.

S’era trovato in tasca due palanche

stufe di prender muffa nelle banche,

Lui con la mano destra le pigliava,

con la sinistra le moltiplicava.

C’era il PSI di Craxi e di Martelli,

nessuno sospettava di Borrelli;

di lupi circolavan molti branchi

a caccia non di agnelli ma di franchi.

Ma dopo la stagione dei sorrisi gli piombò addosso quella degli avvisi

e chi aveva beccato bustarelle

si ritrovò con certe cagarelle.

Dicono fu per questo che fondavi

i club di ‘Forza Italia’ coi tuoi schiavi,

gente con la coscienza un poco smorta

ma bravi venditori porta a porta.

Avendo da investire dei soldoni

mettesti insieme tre televisioni.

Costanzo, Ricci, Fede con Mentana

suonarono a distesa la tua campana.

Col tempo ti sei fatto anche più bello,

qua e là s’è visto nascere un capello.

Lavori come un bue da mane a sera

ma eterna sembra la tua primavera.

Ora sei presidente del consiglio,

per te noi tutti siamo come un figlio:

marciamo verso la felicità sotto la guida del nostro papà.

Questa del sor Berlusca è la novella

che apparve un giorno in cielo come stella

e più di tutte quante le altre rose

di spine ci donò una bella dose

e più di tutte quante le altre rose…



Commenti

pubblicato il 15/06/2005 19.59.45
flyaway, ha scritto: di spìne ci donò una bella dòse...
pubblicato il 22/06/2005 0.37.21
Nosferatu, ha scritto: Standing ovation!!! Continua così!!!! :)
pubblicato il 24/06/2005 0.11.36
gregnapola, ha scritto: hem ... mi fate arrossire, mi confondete .... probabilmente con un altro! Grazie, che dirvi?
pubblicato il 07/09/2005 23.51.50
Raffaele Gazerro, ha scritto: Sei riuscito a fare in rima un ritratto che molti non sono stati capaci di fare neppure in prosa!
pubblicato il 06/04/2008 14.01.25
redheadlove, ha scritto: ahahahaha! ihihihihi! veramente grande, attuale e buffissimo oltre che vero!! ti schiaccio il cinque!
pubblicato il 07/04/2008 12.06.43
Cecilia, ha scritto: Assolutamente favolosa...davvero ci vorrebbe una bella standing ovation, ce ne fosse di gente pensante come te!
pubblicato il 09/04/2008 16.57.19
gregnapola, ha scritto: ringrazio commosso gli ultimi due amici lettori e commentatori: mai mi sarei aspettato che ricicciasse fuori dopo quasi 3 anni! .... del resto, ò LUI che non si toglie di mezzo e mantiene attuale tutto ciò che su di Lui si è scritto

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: