ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 


Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 6 dicembre 2004
ultima lettura martedì 16 aprile 2019

Questo lavoro e' adatto ad un pubblico adulto

sguardi 5

di luciano10001. Letto 3136 volte. Dallo scaffale Eros

Tornai a casa e mi feci una bella doccia, l'invito di Terry mi eccitava,dopo la doccia mi sedetti un po sul divano e all'improvviso mi ricordai della ...

Tornai a casa e mi feci una bella doccia, l'invito di Terry mi eccitava,dopo la doccia mi sedetti un po sul divano e all'improvviso mi ricordai della telecamera.Aprii il programma e guardai la registrazione dal punto in cui avevo visto il giorno prima.Le immagini scorrevano rapide fino a quando non vidi illuminarsi flebilmente la stanza.Controllai la luminosita e scoprii che anche con una luce fioca sembrava illuminata a giorno.Le immagini mostravano un corpo di uomo con il pene ancora turgido che si scopriva e un fallo di plastica di notevoli dimenzioni li vicino.Capii che i movimenti che vedevo erano ora chiari il tizio si penetrava con il fallo di plastica, la cosa mi diede una sansazione un po strana, mandai avanti credendo che il tutto fosse finito li ma all'improvviso vidi un'altro corpo che si avvicinava, sicuramente una donna con un bel seno ma non si vedevano i volti, la donna aveva dei laccetti alla vita che sembravanodei reggi calze, prese il fallo finto e iniziò a giocarci poi lo fisso ai lacceti e capii che lo avrebbe usato.Infatti l'uomo si mise a carponi e lei siposiziono dietro, provai a quel punto l'effetto zoom e infatti vidi la scena come se fossi a due metri di distanza.Lei spinse il fallo dentro l'uomo che si teneva il fallo in mano e si masturbava, la penetrazione sembrava alquanto violenta e la cosa mi eccito e iniziai anche io a masturbarmi davanti a quelle scene vidi poi lui che godeva e lei che piano piano estrasse il fallo finto dall'uomo.ero su di giri e non volevo arrivare da Terry gia esausto.Puntai di nuovo la telecamera e riavviai la registrazione sperando in altre immaggini.Partii alla volta di casa di Terry,dopo venti minuti ero li la villetta era isolata e da fuori non sentivo nulla ma avvicinandomi  iniziai a sentire della musica quando Terry aprii fui assalito da una musica ad altissimo volume, lei allora con il telecomando abbasso il volume, mi diede un bacio mi fece entrare, chiusa la porta si mostro in tutta la sua bellezza, una camicia da notte trasparente che lasciava intravedee il suo seno eccitato.Dopo avermi offerto un aperitivo mi disse se ero pronto all'evento, dissi di si e confessai che mi eccitava l'idea di sentirla urlare di dolore, lei disse che era normale e che la musica ad altissimo volume mi aveva dimostrato che fuori da casa sua nessuno avrebbe sentito nulla anche se lei avesse urlato.ci sedemmo sul divano e lei mi inizio a spogliare ero eccitato e iniziavo a fremere lei allora mi disse di attendere accese il televisore e apparvero due figure legate alle estremità di un tavolo. Piano piano la luce aumentava e riconobbi le due figure, una era la dottoressa l'altra era lucia la ragazza che avevo visto a lavoro erano completamente nude e legate una di fronte all'altra chiesi a Terry che significava, e lei rispose che era un regalo per me.Aziono un'altro telecomando e le immagini cambiarono vidi sullo schermo ildivano su cui eravamo seduti ma sopra c'era Terry e la dottoressa che con un calice in mano stava parlando con Terry, Terry alzo il volume e sentii la dottoressa che confessava a Terry che uno dei suoi sogni nascosti era quello di essere sodomizzata con violenza, anche se n on lo aveva mai fatto per paura del dolore ma che desiderava provare quale dolore infliggeva alle ragazze quando lei le penetrava, e che un'altro suo desiderio era di guardare una violenza simile e sentire le urla vere di dolore, poi confesso che solo al pensiero si stava eccitando.All'improvviso le immagini cambiarono lo stesso divano ma c'era lucia con Terry, anche lei un bicchiere in mano e un'altra confessione simile alla prima voleva essere violentata sensa pietà di fronte ad altre persone, essere schiavizzata e privata della sua dignita di donna, quello era il suo sogno e si era mantenuta vergine attendendo quel momento, poi le immaggini si fermarono tornarono a quei due corpi legati al tavolo, Terry mi disse che le loro confessioni erano un'autorizzazione alla violenza che avrei potuto fare a loro con il suo aiuto.Fu li che mi confesso il proprio desiderio cioè quello di penetrare una donna con una sua mano.

Ero eccitato all'inverosimile, terri mi diede una pasticca era viagra, dicendomi so che non ne hai bisogno ma dovrai soddisfarmi a lungo dopo aver fatto a loro tutto ciò che ti piace.Fu allora che mi prese per mano e mi porto nella stanza dove erano le due donne.Mi diede una mascherina che mi copriva in parte il volto era solo una precauzione entrai nella stanza e le due donne iniziarono a chiedere perche erano legate,Terry rispose loro che avrebbero visto realizzare i loro desideri poso allora immezzo al tavolo tre falli di lattice enormi e disse loro che sarebbero state slagate solo dopo che quei falli fossero entrati in loro. i volti delle due donne si tesero in una espressione di terrore.allora mi avvicinai alla dottoressa e mi ricordai cosa aveva fatto alla caasiera, mi misi dietro di lei e con l'indice passai e ripassai nel solco dei sui glutei, lei strillava e imprecava ma io mi eccitavo sempre di più poi mi fermai sul forellino, lei tese i muscoli  nel tentativo di non farmi entrare, e fu li che iniziai a divertirmi spinzi con violenza l'indice dentro all'ano della dottoressa,cosi a secco e provocai in lei un dolore che la fece urlare fortissimo, lo estrassi e poi lo rispinsi dentro di nuovo mi piaceva, Terry si era seduta dietro Lucia e la intravedevo mentre si gustava la scena.La dottoressa si muoveva ma era ben legata, presi allora due dita e le infilai con violenza nella sua fica, che iniziava a essere umida estrassi le dita e le infilai di nuovo l'umidità divenne in breve tempo piacere che colava a quel punto spinzi le due dita di nuovo nel culo della dottoressa, ma la resistenza pareva diminuire, fu a quel punto che estratto il mio cazzo lo puntai sul forellino e spinsi dentro sensa pietà, sentii anche io un po di dolore ma mi eccitai dall'urlo che sentii uscire dalla gola della dottoressa, penetrata sensa pietà. Sentivo il mio pene duro come non lo era mai stato e spinsi sempre più con violenzafino a quando la dottoressa non inizio a gemere di piacere.Fu allora che Terry si avvicino e prese il fallo di gomma più grande lo indosso e quando io estrassi il mio cazzo dal culo della dottoressa vidi Terry ecitatissima che inizio a spingerlo dentro con una inaudita decisione, vidi dilatare il culo in maniera inumana e le urla didolore riempivano la stanza,fu allora che terry chiese alla dottoressa se ora capiva che dolore si prova ad essere penetrati cosi.La dottoressa allora inizio a offenderla ma Terry non demordeva e continuò a spingere fino a che tutto il fallo spari dentro.



Commenti


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: