ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato giovedì 24 maggio 2018
ultima lettura venerdì 15 novembre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Mr. All

di salci. Letto 451 volte. Dallo scaffale Attualita

  (ovvero quando le parole diventano così leggere da pesare meno di un fiocco di neve e si può dire tutto ed il suo contrario. Ovviamente...nel nome del popolo) Il signor Tutto sentiva di essere profondamente diverso dal ....

(ovvero quando le parole diventano così leggere da pesare meno di un fiocco di neve e si può dire tutto ed il suo contrario. Ovviamente...nel nome del popolo)



Il signor Tutto sentiva di essere profondamente diverso dal signor Contrario.

Si destreggiava, con spigliatezza naturale, in un universo di tatticismi e scelte dettate dalla convenienza, senza mai concedersi una pausa.

Doveva realizzare il suo progetto. Ad ogni costo.

Una rappresentazione perfetta. Questo era ciò che aveva preparato a lungo. Attento ad ogni dettaglio, ad ogni particolare.

Ognuno doveva recitare al meglio la propria parte. Senza esitazioni o balbettii che avrebbero potuto minare la perfezione della messa in scena.

E quando il sipario si sarebbe alzato, la forma, sarebbe entrata piroettando elegantemente sulle punte, e poco importa se lo spettacolo, alla fine, risulterà privo di ogni minima sostanza.

Importante è esserci.

Per diritto.

Acquisito con il voto ricevuto e pertanto inalienabile. Quasi che si trattasse di un imprimatur divino.

E magari basterebbe molto meno per essere credibili.

Basterebbe sottrarsi all’untuosa logica del profitto che come una ragnatela avviluppa ogni cosa e riscoprire la gioia del dare e del darsi.

Senza calcoli. Con l’istinto a guidare il gesto. Vestendolo di quella semplice nobiltà capace di ridare tutti i suoi profumi all’aria e disegnare il cielo con i colori più tenui.

Riuscendo a percepire la solennità del silenzio in una notte senza luna dove sotto l’immensa tela indistinta è ogni forma e cielo e terra e mare sono un corpo solo, un unico respiro.






Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: