ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato domenica 20 maggio 2018
ultima lettura giovedì 17 gennaio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

"ricominciare a vivere come una bambina normale"

di katniss27. Letto 217 volte. Dallo scaffale Generico

eccomi..sono tornata. quando i miei nonni mi presero  in affido con loro.. avevo 3 anni e mezzo da quanto mi hanno raccontato ero una bambina che parlava poco,timida non giocava con gli altri bambini se ne stava sempre per i fatti propi infatti p...


eccomi..sono tornata.

quando i miei nonni mi presero in affido con loro.. avevo 3 anni e mezzo da quanto mi hanno raccontato ero una bambina che parlava poco,timida non giocava con gli altri bambini se ne stava sempre per i fatti propi infatti per questo mi portavano dal neuropsichiatra infantile..pensavano che avessi qualche problema..ma invece no!! io stavo benissimo forse il problema era li davanti a loro ed era ben chiaro..! io dovevo stare con le persone che mi amavano..avevo bisogno di amore e affetto questo era il punto..! mah mi è andata più che bene sapete..si in qul momento insieme i miei nonni era la bambina piu felice di questo mondo..certo ero sempre la bambina timida che parlava poco,però ero felice..la nonna e il nonno si accupavano di me tutto il giorno non mi facevano mancare niente dal vestito all'acconciatura piu bella...pensate che una volta la nonna doveva andare a fare compere e decise di portarmi con se,mi mise un bel vestito bianco e mi fece due belle trecce che poi le fermò con due forcine su se stesse..ero bellissima..ero una bimba un po paffutella con la pelle olivastra, labbra un po carnosette e due occhi neri da cerbiatta..si ovviamente mi sono dimenticata di dirvi un particolare,mio papà è marocchino e la mia mamma è italiana..quindi ero un mix perfetto..alla nonna la fermava la gente per strada perchè dicevano che sembravo una bambola di porcellana..bhe immaginate lei come se la tirava tutta ed era la nonna più orgogliosa del mondo..!!!!! <3 bha bando alle ciance continuiamo con la storia..devo ero arrivata ? ah si,ai 3 anni e mezzo...bhe dai li in poi sono sempre stata con nonna e nonno mentre mamma e papà erano in comunità..la mamma dentro alla struttura cercava di fare il più possibile per comportarsi bene..anche perche comportarsi bene e fare quello che li dicevano voleva dire AVERE ME..quindi si rimboccò le maniche e fece il possibile x tornare a casa da me..infatti verso i 4 anni ( primo anno di asilo) finalmente mamma usci dalla comunità e torno a casa da me e i nonni..bhe io ovviamente non ricordo molto..ero piccola..però so una cosa,mia mamma dovette fare i salti mortali x conquistarmi perchè ovviamente io nn la chiamavo mamma,io nn volevo stare con lei,io non la consideravo propio..però con un po di pazienza ce la fece e nel frattempo la raggiunse anche mio padre.

..passano 4 anni..

la mamma e il papà stavano bene, oramai si erano disintossicati,facevano una vita regolare,lavoravano mi accudivano come un genitore sa fare..vivevamo a casa dei nonni ovviamente..loro nn si potevano permettere una casa x noi..però a loro andava bene cosi..la nonna e il nonno erano due persone buone aiutavano sempre se c'era bisogno..quindi decisero di comprare un casa più grande cosi potevo stare anche con loro..oramai nn potevano più allontanarsi da me ero diventata tipo cozza :) hahahha...! presero questa casa belissima ma al momento della ristrotturazione il nonno si ammalò,non volle fare nssuna cura..nessuna visita più accurata lui sapè solo che aveva un tumore e bohm..i giorni passorono e il nonno più stava male..fino a quando un giorno si devette mettere su una sedia rotelle perchè nn ce la faceva neanche a camminare...da li a poco il nonno mi lasciò..ma dentro me sapevo che il nonno sarebbe stato sempre e per sempre nel mio piccolo cuore..lui mi aveva SALVATO,senza di lui io a quest ora non sarei neanche a scrivere su qesta tastiera,,a lui devo tutto.! Passò un anno circa se non due,noi abitavamo nella casa nuova..in quell anno mamma papà e nonna erano riusciti a finire la casa,giusto in tempo x l arrivo del fratellino..wow che bello il fratellino quello x una sorella maggiore e il giorno più bello della sua vita.nacque il fratellino che lo chiamiamo PEETA..era bellissimo..due occhioni da cerbiatto anche lui ma con la differenza da me che lui li aveva castano scuro..erano bellissimi lo stesso,da li in poi la nostra vita continuò normale mia nonna si prendeva cura di me e mia mamma con la seconda gravidanza poi lasciò il lavoro, anche percheè la fabbrica x cui lavorava andò in fallimento quindi motivo in più per stare a casa ad accudirci.Mio padre da qualche anno rpima trovò lavoro nell'edilizia quindi stava fuori dalle 5 del mattino fino alle 8 di sera..lo vedovo poco..certo ero legata a lui però più crescevo e più il suo atteggiamento nei miei confronti cambiava..era sempre più protettivo..esempio ai 14 anni io non potevo uscire per il paese con le mie amiche a prendere un gelato...o andare ai compleanni perche ci potevano essere maschi e lui nn voleva..voi penserete certo il solito marocchino con la solita mentalità musulmana,e qui che la mia vita andò letteralmente in scatafascio...

eccomi con un altra parte della mia vita..forse adesso arriva la più pesante..quella che ti fa venire il mal di stomaco..sono arrivata fino a qui devo continuare..per forza..devo farlo..



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: