ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato venerdì 18 maggio 2018
ultima lettura domenica 29 novembre 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Mano nella mano

di LadyBrett. Letto 732 volte. Dallo scaffale Amore

Erano abituati a camminare mano nella mano. Oppure, quando faceva freddo o erano particolarmente allegri, magari per qualche bicchiere di troppo, lei ...

Erano abituati a camminare mano nella mano. Oppure, quando faceva freddo o erano particolarmente allegri, magari per qualche bicchiere di troppo, lei si avvinghiava al braccio di lui, poggiando la testa sulla sua spalla. Da quella prospettiva, il mondo appariva obliquo e questo le rendeva più semplice tirare fuori le sue assurde fantasie. A volte i tacchi alti le procuravano un'andatura incerta, ma sapeva di essere al sicuro. In un paio di occasioni, o forse di più, sarebbe f...inita a terra se lui non avesse avuto la prontezza di afferrarla per la vita, mentre lei approfittava del vigore del suo braccio o della sua mano. Così, una volta scampato il pericolo, lei scoppiava a ridere, mentre lui ricordava le parole di una canzone che non gli piaceva, ma che sembrava parlare di loro e di quel momento: "una come te, se corre inciampa ma non cade, tiene la tua mano."
Quella sera, però, avevano smesso di tenersi la mano dopo una discussione. Era stata lei ad avergliela lasciata e un attimo dopo aveva accelerato il passo ed era arrivata a camminare qualche metro più avanti rispetto a lui: orgogliosa e sola. Lui al contrario, solitamente il più svelto dei due, aveva dovuto rallentare, costringendosi in un ritmo che neppure gli apparteneva. In quella solitudine forzata, entrambi si erano messi a rimuginare sulle ultime parole, sugli ultimi toni, sulle ultime offese, convincendosi testardamente ognuno della propria ragione. Se in quel momento fosse passato qualcuno accanto a loro, avrebbe giurato di poter sentire le urla dei loro pensieri.
Quella valanga di parole soffocate, si interruppe soltanto dopo che ebbero imboccato una stradina in discesa, quando un uomo molto anziano sbucò dal senso opposto. Doveva salire uno scalino, ma la sua età era tale da rendergli difficile ogni movimento ed era ancora troppo distante perchè uno dei due potesse tendergli un braccio. Allora, aveva dovuto poggiare la mano sul muretto alla sua destra per risparmiarsi una caduta. L'uomo, che era decisamente troppo solo e troppo anziano, lasciò cadere i suoi occhi stanchi su quelli dei due giovani che gli erano davanti, dicendo loro tutto, senza dire niente, e ricordando in un attimo quell'età in cui le cose erano diverse e lui non era così fragile.
Allora la ragazza avvertì qualcosa nel petto, in prossimità del cuore. Tornò indietro, afferrò la mano di lui e la portò fino alle sue labbra per regalargli un bacio. La rabbia di entrambi si sciolse in un dolce sorriso.
Non c'era nulla da dirsi. C'era solo da continuare a camminare.
Mano nella mano.


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: