ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 


Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 14 maggio 2018
ultima lettura domenica 20 gennaio 2019

Questo lavoro e' adatto ad un pubblico adulto

La seduzione di Sofia

di Chase90. Letto 309 volte. Dallo scaffale Generico

Mentre cammina verso di me, prova a sistemarsi il costume che le onde del mare gli avevano fatto leggermente calare. Quei pochi secondi del suo gesto sono davvero da Film erotico, soprattutto perché in quei pochi attimi riesco a vedere il suo pi...

Mentre cammina verso di me, prova a sistemarsi il costume che le onde del mare gli avevano fatto leggermente calare. Quei pochi secondi del suo gesto sono davvero da Film erotico, soprattutto perché in quei pochi attimi riesco a vedere il suo piccolo seno bianco ed una parte del basso ventre anch'esso per nulla abbronzato. Quel contrasto gli donava una carica sessuale che mi stava facendo morire.
Sofia é assolutamente una bellissima ragazza, ma quando si é giovani, molto giovani, belle lo sono un po' tutte e reinterpretando un vecchio proverbio, potrei dire che "giovinezza uguale mezza bellezza". Ma lei carina lo é decisamente, fisico minuto, gambe snelle, altezza sopra la media, capelli lisci molto lunghi ed un viso delicato che arrossiva per qualunque banalità dicessi. Unica "pecca", se così vogliamo chiamarla e comunque mi piaceva anche per questo, un seno appunto poco sviluppato, acerbo, che a vista potrei dire sembrasse una seconda scarsa, ma questo la rendeva ancora più sexy di quanto già non fosse!
Ovviamente non fui l'unico a notarla tra i ragazzi, o meglio, loro erano dei ragazzi, io ero un uomo che poteva essere il padre di Sofia vista l'enorme differenza di età. Ma questo non mi pesava minimamente, fortunatamente i miei anni me li porto bene e lei non dovevo sposarmela, in altri termini miravo ovviamente solo al sesso. Ma la strada verso la sua fica non era delle più semplici vista la giovane concorrenza maschile e soprattutto con Valeria che mi metteva il bastone tra le ruote capendo che puntavo più a Sofia piuttosto che a lei. Valeria infatti ha sempre avuto un debole per me e non l'ha mai nascosto, non che sia brutta, anzi... in tutta obiettività anche lei é tutta da scopare, ma non é il mio tipo, quindi non ho mai investito troppo tempo per cercare di portarmela a letto. Con lei, a parte quella volta in auto, dove presi dall'euforia e con la complicità di una birra di troppo lasciai che mi facesse una sega, non ci é mai stato nulla oltre quel lavoro di mano. Ma come ho già detto, Valeria non ha mai nascosto di volere molto di più da me ed in quel campeggio, vedendo che avevo solo occhi per la sua cugina più piccola, non ci stava che la mettessi in secondo piano.
Tutto é iniziato a Settembre dell'anno scorso, quando abbiamo organizzato io e lei quell'ultima settimana di vacanze che chiudeva l'estate. Niente di speciale, sette giorni al mare in un campeggio modesto della costa Laziale con pochi amici in comune, ed ovviamente la cugina Sofia. Siamo partiti leggeri, due tende stile Canadese, un paio di cambi per la sera e tutta la voglia di goderci quelle ultime giornate di sole. Arrivati al campeggio, sistemiamo le nostre tende sull'area che ci viene assegnata e decidiamo subito di fare il primo bagno, ed i primi segnali che Valeria stava tramando qualcosa si palesano subito:
«Chase... ci cambiamo il costume insieme per fare più in fretta? Così dopo entra Sofia da sola nella nostra tenda...» mi domanda Valeria mentre si toglie la maglietta rimanendo con il reggiseno intimo.
«Andate prima voi, io sistemo ancora un paio di cose qui...» gli rispondo mentre la osservo entrare nella tenda con Sofia.
Valeria, come ho già detto, non é male fisicamente, totalmente differente dalla cugina ma pur sempre scopabilissima: più robusta rispetto alla cugina, stessa altezza, mora anche lei, ma con due tette veramente enormi, ed a detta di voci "di corridoio" molto veloce e disinibita sotto le coperte. Di norma non credo alle chiacchiere, ma dopo quella volta che mi masturbò in auto lasciandosi coprire di sborra la maglietta senza troppi complimenti, non faccio fatica a credere alla sua "fama" di grande scopatrice. Ma io ormai avevo occhi solo per la cuginetta Sofia, senza considerare che per esperienza personale fare sesso con una come Valeria, poteva significare firmare un contratto da scopamici dal quale difficilmente potevo uscirne in tempi brevi. Ed io non volevo legarmi a nessuno, non ancora almeno. E poi da quando si lasciò scappare in quel pub di fronte ad una birra, poco prima di partire per la vacanza, che la cugina fosse ancora vergine, la voglia di scopare Sofia diventò il mio chiodo fisso!
Dopo venti minuti stiamo già facendo la prima nuotata, la spiaggia é quasi deserta e sembra di essere in una di quelle isole abbandonate, anziché sulla costa in un modesto campeggio Laziale. Abbandono quasi subito il gruppo e provo a prendere un po' di sole mentre i miei amici continuano a nuotare. Poco dopo mi raggiunge la piccola Sofia coperta da un costume microscopico, ed io da fedele amante della topa me la squadro dall'alto al basso, cerco di capire la forma dei sui capezzoli acerbi e di scovare lo spacco della fica sotto la stoffa. Mi rendo conto che sto avendo un'erezione mentre lei si avvicina e prima che il mio cazzo spunti fuori dai boxer, mi metto a pancia in giù cercando di soffocare l'eccitazione. Ma mentre cammina verso di me, prova a sistemarsi il costume che le onde del mare gli avevano fatto leggermente calare. E quei micro secondi del suo gesto da Film erotico, non fanno che aumentare la mia eccitazione, soprattutto perché in quei pochi attimi riesco a vedere il suo piccolo seno bianco ed una parte del basso ventre anch'esso per nulla abbronzato. Quel contrasto gli donava una carica sessuale che mi stava facendo morire.
Poi Sofia si sdraia accanto a me ed iniziamo a parlare del più e del meno. "Ottimo" penso mentre parlo con lei di banalità, "così posso conoscerla un po' meglio e trovare uno spiraglio per entrare in confidenza" continuo a dire a me stesso mentre di tanto in tanto la sfioro con la mano cercando di entrare più in intimità. Ma l'occhio lungo di Valeria capisce subito le miei intenzioni, i miei sguardi erano solo per la cugina e lei lo aveva intuito, ed a quanto pare la cosa sembrava infastidirla.
«Allora... voi due asociali tornate a farci compagnia si o no?» urla Valeria agitando le braccia.
«Magari più tardi » gli rispondo velocemente per poi tornare a concentrarmi sulla cugina.
«Allora vengo a farvi compagnia...» conclude lei uscendo dall'acqua.
E come se la sua invasione non stesse già rovinando i miei piani scopaioli, Valeria alza la posta in gioco. Così mentre cammina verso di noi, si toglie il pezzo di sopra del costume liberando le sue enormi tette. Lo spettacolo é notevole, ed i nostri amici più giovani ancora in acqua fanno scattare un applauso in segno di approvazione. Ovviamente non posso non guardarla, quelle tette sballottate su e giù durante il suo cammino sono comunque invitanti, per non parlare delle sue areole decisamente pronunciate che meriterebbero essere baciate e succhiate per ore fino a fargli uscire quel nettare che solo due grossi meloni sanno darti. A completare l'opera, ed evidenziare il suo enorme seno già di per sé notevole, c'era la "non abbronzatura" che ricopriva le tette, segno evidente che Valeria non era solita mettersi con le bocce al vento, di conseguenza il suo seno era completamente bianco e risaltava ancora di più sul suo fisico abbronzatissimo.
«Ti crea disagio se rimango così?» mi chiede Valeria ormai di fronte a me.
«No, no... anzi, sei un bel vedere...» gli rispondo in tutta onestà.
«Davvero?» mi risponde sdraiandosi accanto a me toccandomi velocemente tra le gambe «eh si.. ti credo...» conclude sorridendo e ritirando velocemente la mano dal mio cazzo palesemente gonfio.
«Valeria... dai... smettila...» gli dico mentre la vedo sdraiarsi.
Non contenta della provocazione, continua il suo teatrino tirandosi fortemente su gli slip evidenziando lo spacco della fica, ed abbassando sempre più l'elastico per abbronzarsi il basso ventre. Ora il costume é ridotto talmente ai minimi termini che si riescono ad intravedere anche i peli pubici, aumentando la mia eccitazione già di per sé a livelli alti che mostra un evidente bozzo sotto il costume.
«Perché non prendi anche tu l'abbronzatura integrale e non ti togli i boxer che ti sono palesemente d'intralcio?» mi chiede Valeria alludendo alla mia erezione.
Non volendo mi aveva fornito su un piatto d'argento la possibilità di vedere nuda anche la cugina Sofia.
«Guarda che non ho problemi nel farlo...» gli dico mettendo le mani sui miei fianchi «...a condizione che si tolga la parte sopra anche Sofia» concludo lanciando uno sguardo alla cugina.
«io...io? Ma che c'entro? Ho solo sedici anni... e poi non ho nulla da mostrare...» risponde Sofia arrossendo.
«Perché a sedici anni le ragazzine non si mettono in topless? E poi guarda che non si tratta di mostrare, é solo per abbronzarsi completamente...» gli rispondo togliendomi i boxer e lasciando che il mio cazzo spunti fuori come un periscopio. Ora sento lo sguardo delle ragazze su di me, o meglio sul mio cazzo dritto e pulsante.

...il resto qui: http://chase90.altervista.org/
E-Mail Autore: chasedessler@katamail.com


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: