ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato sabato 12 maggio 2018
ultima lettura domenica 1 settembre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

OGNI ISTANTE è UN NUOVO INIZIO

di permilla. Letto 162 volte. Dallo scaffale Sogni

Tempo fa fui chiamato ad aiutare una giovane donna in preda ad attacchi di alimentazione incontrollata. Binge eating disorder la chiamavano i medici, o BED. Le apparvi in sogno nelle sembianze di un grande muffin. E per poco non ebbe un infarto. O ...

Tempo fa fui chiamato ad aiutare una giovane donna in preda ad attacchi di alimentazione incontrollata. Binge eating disorder la chiamavano i medici, o BED.

Le apparvi in sogno nelle sembianze di un grande muffin. E per poco non ebbe un infarto.

O meglio, per fortuna non venne a me perchè immediatamente dopo avermi visto le salì la bava alla bocca e come un lupo famelico prese a girarmi intorno.

Cercai di capire il motivo di tanto interesse. Dopotutto, cosa le impediva di rifiutarmi? Glielo chiesi, e la sua risposta fu la seguente:

"Ormai la giornata è andata male. Ho mangiato ben due panini e dato che non c'era più niente di sfizioso in casa mi sono buttata anche sui surgelati."

"E quindi? Se anche la giornata non è andata come speravi... ?" tentai di farla ragionare.

"Ormai ho fatto trenta, tanto vale fare trentuno. E mangiarti." Concluse con fare rassegnato e arrabbiato.

"Ma la giornata non è ancora finita. Puoi sempre migliorarla, ricominciare da capo ed impegnarti di nuovo."

La ragazza mi ignorò. Decisi allora di portarla in un altro posto. Dopotutto, nei sogni tutto si può.

Ci ritrovammo in mezzo ad un deserto. C'era un' oasi in lontananza, e la luce e la notte continuavano ad affaccendarsi. Il sole sorgeva e tramontava, poi di nuovo tutto da capo. In alto nel cielo, un grosso orologio digitale indicava l'ora, il cui incedere era velocissimo e condensato tutto in un secondo. Puntualmente era l'inizio, e la fine. Notte, giorno, luce, buio. Le 00.00 perenni, e intanto il tempo, in ogni istante, finiva e ripartiva.

"Vedi" le spiegai "una volta c'era solo questo. L' incedere dei secondi era infinito, una grande clessidra senza sopra nè sotto. Siete stati voi uomini a dargli una cadenza, a plasmare lo scorrere degli eventi. Ma tu non sai ancora una cosa, o forse l'hai solo dimenticata. Ogni istante può essere il momento zero, l'inizio di qualcosa e la fine di qualcosa d'altro. Non aspettare che sia l'orologio a dirti quello che devi fare. Inizia a seguire il tuo tempo, e non sprecarne altro ad inseguire regole che hanno scritto persone con una mente diversa dalla tua."

Non so come andò, perchè la ragazza si svegliò dal pisolino. Magari non riuscì subito a seguire i miei consigli, a saziare la sua voglia di vita nel modo corretto fin dal primo istante.

Ma una cosa so: che in quel sogno, fuori dal tempo e dallo spazio, la giovane comprese che ogni secondo può essere un nuovo inizio. E che le diete non devono per forza iniziare di lunedì.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: