ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 30 aprile 2018
ultima lettura domenica 20 settembre 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

DENTRO LA VITA DEI MOSTRI (SECONDO GIORNO)

di yaekotenshi. Letto 361 volte. Dallo scaffale Amore

Se un ragazza di 19 cercasse una scuola prestigiosa,per ragazzi speciali,dove pensate che vada... A lei gli si para davanti una scuola di persone che sono dei mostri,tutti geniali...almeno,quasi tutti.

Arrivata nel dormitorio mi accorsi che era del tutto desolato...

non c'era anima viva,mi sentivo a disagio,il silenzio mi faceva sentire in panico.

Arrivai nella mia stanza e vidi una ragazza,era un po' bizzarra.

Aveva una divisa scolastica carinissima,sembrava un angelo,appena si accorse di me mi accolse a braccia aperte,mi fece vedere dove avessi dormito e mi presento visivamente un po' la stanza.

Appena finito di fare tutto,ovvero essermi preparata,vestita ecc..andai alla mia prima lezione,non vedevo l'ora,ero emozionata,sentivo il cuore battermi all'impazzata.

Entrai e presi posto,sembrava la solita classe con gruppi diversi...mi cominciavo a chiedere se avevo fatto bene a venire in questa scuola prestigiosa.

Ormai quel che era fatto era stato fatto,io ero dentro quella scuola,ero dentro quella classe!

Un ragazzo si mise accanto a me,sembrava dolce,io mi sentivo troppo a disagio per parlagli quindi rimasi zitta ad ascoltare la prof,ma proprio in quel momento mi cominciò a parlare,parlava sopra la prof e non capivo bene cosa dicesse.

Lui mi disse che si chiamava Eric,e che aveva altri 3 fratelli in questa scuola,lui era il più grande,parlando con lui scoprì che questa scuola era mista,c'era ogni ragazzo con diversi anni a partire dai 15 fino a 20,giusto giusto lui aveva 20 anni e io 15...eravamo parecchio lontani come età,un po' mi dispiaceva e avrei preferito che avevamo la stessa età,lui continuava a parlare,ma ad un tratto la prof parlava e senti la parola "mostri".

Mi domandavo che c'entrano i mostri in una scuola cosi prestigiosa,non dovremmo studiare queste cose in una scuola,ma più che altro materie normali...

Gli chiesi ad Eric di che parlasse,e che cosa si studiava in quella materia...

La sua risposta...

:"Eh!ma di che parli,sta parlando di noi é ovvio no..."

Io rimasi scioccata da quell'affermazione,non mi aspettavo una risposta simile,rimasi ferma,pensai devi mantenere la calma o se no ti scopriranno,aspettai la fine della lezione e corsi fuori,mi sentivo impaurita,pensavo che queste cose accedessero solo su libri e cartoni,non poteva succedere a me...

Una ragazza cosi perfetta come me non poteva aver sbagliato istituto,ma perché avevano inviato a me una lettera per una scuola di mostri...non sapevo che fare,come uscire dall'istituto.

La scuola era chiusa da un cancello,e a quel cancello ci sta una guardia,se mi facessi finta mostro non avrei scuse per uscire e se dicessi la verità chissà cosa mi farebbe!...

Anche se impaurita mi presi di coraggio ed andai dal preside,dovevo dirgli come stavano le cose,che avevano sbagliato ad inviarmi questo bigliettino e che avrebbero dov'io farmi uscire da qui,perché non centravo nulla con tutto ciò...

Bussai alla porta del preside,aspettai qualche secondo prima di entrare,appena lo vidi saltai in aria,lui non manteneva neppur la forma umana...tutto ciò che volevo dire non riuscivo a dirlo,tremavo il mio pensiero era...

:"e se mi uccidesse,mi mangiasse!"

Presi coraggio e con tutto il fiato in gola gli dissi:

"per favore fatemi uscire subito da questa scuola perché io non centro nulla,io non sono un mostro ma una persona e voi mi avete inviato la lettera!"

Il preside rimase impietrito,non diceva nulla e mi fissava...

Che dovevo fare?!

Cosa aveva in mente?!




Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: