ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato mercoledì 25 aprile 2018
ultima lettura venerdì 17 maggio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Contrappasso

di Motsogn00. Letto 222 volte. Dallo scaffale Generico

"tu parli bene! Sai esprimerti! Hai un buon vocabolario!"Mi diconoSarà, ma a me pare il contrarioE mi dico "no".Faccio fati...

"tu parli bene! Sai esprimerti! Hai un buon vocabolario!"
Mi dicono
Sarà, ma a me pare il contrario
E mi dico "no".
Faccio fatica a definire anche solo l'oggetto
Dei miei pensieri, figuriamoci la forma.
È il difetto dei sentieri del mio intelletto,
Che mi mostrano solo un'orma,
Un'impronta, un'intenzione.
Mi rendono fin troppo difficile passare all'azione.
E l'esito è che la mia testa si trasforma in una prigione.
Oltre a quella esterna, imposta arbitrariamente
Ne ho creata una interna, in testa, con la mia mente.
E sembra impossibile evadere.
Ma facciamo un passo indietro
E ammettiamo che la forma sia apprezzabile.
Basta un attimo a capire che, in vero
È l'unica cosa accettabile.
E qual è il vantaggio?
Se poi di 'sto casino non so esporne che un assaggio?
Qual è il senso di 'sta forma priva di contenuto?
Come una bella ragazza, ma priva di spessore
Come uomini in giacca, cravatta e ventiquattrore
Con l'aspetto da imprenditore
E l'anima da impiegato,
Apatico, in una vita in cui s'è incastrato.
Come me, anche se
Per uscire da 'sta vita ordinaria
Io un piano ce l'ho, e sembra anche sensato.
Parole tanto belle quanto vuote
Parole ricercate
Discorsi futili e puramente estetici
Danno forma a idee scontate
In versi ludici.
La mia vita è un divenire statico
In versi apollinei
Privi di un dionisiaco
E, di senso, ambigui.
Che poi magari a rendere confuso l'oggetto
Sarà che in primis è confuso il soggetto.
Non ho confini che mi definiscono
O almeno, adesso ciò che dico è questo
E fra cinque minuti potrebbe essere l'opposto.
Okay, la coerenza è una malattia di cui molti patiscono
E se mal interpretata ha un effetto difettivo.
Può portare alla morte dello spirito dialettico
E del suo senso evolutivo.
Ma la contraddizione, suo contrario e punto di partenza
(Polèmos è padre di tutte le cose)
Ha conseguenze altrettanto pericolose
Perché può portare a un'esistenza
Di attitudini bellicose.
Contro sè stessi e contro gli altri esseri umani
Che troppo spesso sono per me esseri strani.
O peggio ancora, ad un'esistenza statica
E paralizzata nell'agire.
In cui respiro a fatica
E da cui sogno di poter fuggire.
~Mòtsögn


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: