ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato venerdì 20 aprile 2018
ultima lettura martedì 21 maggio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Addio, Movimento 5 Stelle

di GabrieleSannino. Letto 301 volte. Dallo scaffale Attualita

Ci ho creduto. Dio solo sa quanto ci ho creduto. Mi sono iscritto a questo Movimento nel 2011, quando ancora nessuno lo conosceva. Di Grillo ho apprezzato tutti i contenuti sparsi qua e la' nei vari vaffa-day: a differenza di molti miei colle...

Ci ho creduto. Dio solo sa quanto ci ho creduto.
Mi sono iscritto a questo Movimento nel 2011, quando ancora nessuno lo conosceva.
Di Grillo ho apprezzato tutti i contenuti sparsi qua e la' nei vari vaffa-day: a differenza di molti miei colleghi giornalisti, infatti, non mi sono mai soffermato sulle cosiddette "parolacce".
Nel 2012, uno dei miei libri - I segreti del debito pubblico, un libro che parla di signoraggio e moneta -debito - e' apparso perfino sul blog, per ben due volte, inorgogliendomi non poco.
Poi, nel 2013, la magnifica campagna elettorale fatta da Grillo, lo Tsunami Tour, che ha fatto uscire milioni di italiani dalle loro case, dimentichi per una sera della solita propaganda televisiva.
Me lo ricordo bene quel giro d'Italia: Beppe tuonava contro l'Euro, l'Europa delle banche, il liberismo economico, la Nato guerrafondaia, la casta e i suoi privilegi.
La chiusura trionfale del Tour avveniva a Piazza San Giovanni a Roma, e mostrava un Grillo passionale, sicuro, un vero e proprio guerriero, mentre dietro di lui un gruppo di giovani (i futuri parlamentari) restavano muti e adoranti.
Il Movimento 5 stelle, nel 2013, entrava ufficialmente in Parlamento: per gli altri partiti - ovviamente - erano sbarcati "gli alieni", quelli da evitare come la peste, perche' - una volta tanto - rappresentavano per davvero la volonta' popolare.
Dal 2013 al 2017, i "grillini" hanno fatto un'opposizione politica considerevole, propria di chi intende accreditarsi... per governare: la raccolta firme per il "fuori dall'Euro", le manifestazioni contro la casta e i suoi privilegi, perfino scioperi a oltranza contro i vari provvedimenti a favore di banche e lobby finanziarie, il tutto bilanciato da tante proposte di legge a cui io ho stesso ho partecipato votando sulla piattaforma Rousseau.
Ebbene oggi, nel 2018, e con molto rammarico, devo ammettere che il Movimento 5 Stelle e' cambiato.
Profondamente cambiato.
Grillo non c'e' piu': ha creato un sito che porta il suo nome che e' perfino scollegato da quello del movimento, che invece si chiama "blog delle stelle".
Anche Gianroberto Casaleggio non c'e' piu': purtroppo, lui e' passato a un'altra dimensione.
Al posto dei due leader, c'e' un ragazzo napoletano, Luigi Di Maio, che dal 2013 al 2018 e' divenuto prima vice presidente della Camera e poi capo del movimento.
Di Maio ha iniziato la sua campagna elettorale ripartendo proprio dai temi cari ai fondatori, tuonando contro l'Euro (su YouTube si possono trovare dei suoi video dove afferma che il sud Italia morira' definitivamente con questa moneta) ma non solo, contro l'Europa delle banche, la casta, la Nato e via discorrendo.
Il punto e' che questo giovane ragazzo, con la sua pacatezza e tranquillita', e' arrivato, pian piano, intervista dopo intervista, ad affermare il contrario di tutto, mentre la "base" era e resta tuttora incredula, pensando - magari - a una specie di "strategia".
A questo punto mi chiedo: com'e' possibile parlare di strategia?
Se un giorno affermassi che il mondo e' rotondo, poi il giorno dopo che e' quadrato e poi ancora quello successivo ritornassi a dichiarare che e' rotondo, voi mi dareste fiducia? Mi prendereste sul serio?
Luigi Di Maio - questo e' un fatto - ha iniziato ad ammorbidire le sue posizioni (fino a cambiarle) man mano che si "accreditava" nei vari consessi europei e internazionali: e' volato a Londra ad assicurare gli investitori stranieri, a Washington - il covo della finanza internazionale - e ha perfino affermato, quando ha incontrato il Presidente francese Macron (uomo, anzi galoppino dei Rothschild) che "le loro politiche hanno molti punti in comune".
"Ma che, davero?" Si dice a Roma.
I maligni diranno che questa mia posizione scaturisce dal fatto che non ho superato il "gioco delle primarie on line": ebbene, che mi crediate o no, sono davvero felice per come sono andate le cose, in qualunque modo esse siano realmente andate; del resto, mi sarei trovato in un partito che non riconosco piu' da tempo, e mi sarei fatto molti, moltissimi nemici.
Preferisco vivere tranquillo.
Gli elettori 5 stelle, ancora adesso, si concentrano molto sul fattore onesta'.
Ebbene, ancora una volta sono qui a chiedermi: e' onesto cambiare idea in questo modo su tutto? E' onesto concentrarsi solo sul taglio degli stipendi dei parlamentari, su un presidente della Camera che prende l'autobus anziche' l'auto blu, o su un reddito di cittadinanza che - senza sovranita' monetaria - sara' un'altra montagna che partorisce un topolino?
Gli elettori 5 stelle dovrebbero sapere che i tagli agli sprechi sono il gioco preferito dei banchieri: essi, infatti, a fronte di denaro che prestano agli stati dal nulla, riescono a distruggere tutti i servizi pubblici - i nostri beni comuni - tant'e' vero che oggi si chiudono ospedali, scuole, asili, uffici amministrativi, perfino presidi militari.
Ebbene i 5 stelle, con le loro manovre di taglio e cucito, non faranno altro che continuare questo gioco al massacro: e' onesta' tutto questo?
Ecco perche', in questo momento storico, mi e' davvero difficile comprendere il motivo dell'attuale impasse politica.
Non capisco perche' i 5 stelle - a questo punto - non facciano un governo con chiunque sia disponibile: Berlusconi, cosi' come il PD, e' europeista ed eurista, insomma tutti i partiti - Lega compresa, visto con chi si e' alleata - sono tutti sottomessi al potere finanziario.
Sono tutti a favore dello status-quo, e' questa la verita' ultima.
Del resto, se ci pensate bene, sono i banchieri che pagano gli stipendi ai nostri politici...
A questo punto, un governo Berlusconi-5 stelle sarebbe perfino meno orribile di uno fatto col Partito Democratico... ed Emma Bonino, donna per antonomasia sia di Georges Soros che dei Rothschild.
Ecco perche', caro Movimento 5 stelle, ti dico ufficialmente addio.
Lo faccio a malincuore, ma non posso fare diversamente, vista la tua "evoluzione".
Sono fatto cosi': a me i furbastri non sono mai piaciuti.
L'onesta' - quella vera - si misura sempre, a mio avviso e prima di ogni cosa, proprio con una bella dose di coerenza.


Commenti

pubblicato il venerdì 20 aprile 2018
michelino, ha scritto: Per quanto mi riguarda già da molti anni ( in tema di partiti e movimenti) cerco di focalizzare la mia attenzione non tanto sull'operato dei vertici (che finisce sempre per deludermi) ma - per quanto sia possibile da comprendere - sulla volontà degli elettori e dei semplici sostenitori. Nel caso specifico dei 5 stelle, Di Maio e compagnia bella possono anche andare a cagare, quello che mi preme salvaguardare per farne tesoro è la volontà di cambiamento che ancora oggi (nonostante la sua 'strana' dirigenza) questo movimento riesce ad esprimere...Quindi ok, al diavolo i 5 stelle. questo lo posso anche accettare, ma è bene fare molta attenzione per non buttare via il bambino con l'acqua sporca.

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: