ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.463 ewriters e abbiamo pubblicato 74.490 lavori, che sono stati letti 48.351.174 volte e commentati 55.315 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 16 aprile 2018
ultima lettura venerdì 20 aprile 2018

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

MESSAGE IN THE BOTTLE

di MCapp. Letto 189 volte. Dallo scaffale Epistole

Felicemente persa nel paradiso perduto Carissima Francesca, perdona la scrittura sbilenca ma, senza occhiali n&...

Felicemente persa nel paradiso perduto

Carissima Francesca,

perdona la scrittura sbilenca ma, senza occhiali né righe, non mi riesce di andar dritto.Se mai questa bottiglia verrà ritrovata sappi che sto bene, non sono mai stata meglio!

Certo non mi é stato facile prendere una simile decisione, ma confido nel tuo buonsenso ed in quello di chi pensava non avrebbe potuto far senza questa donnetta e sono sicura che saprete cavarvela benissimo da soli.

Qui non c'é nessuno, non pago tasse, non cucino, non mi arrabbio guardando i TG e, non essendoci il phon, ho i capelli ricci.

Quel che mi manca é poter scrivere romanzetti e poesiole, ma in fondo li posso raccontare quando voglio a granchi e tartarughe che mi danno più retta loro degli amici a casa.

Sto a dieta senza sforzo nè tentazioni e, chiedendo perdono, perchè in fondo mi sento in colpa, ogni tanto pesco qualche bel pesce colorato e lo fò alla brace senza grassi aggiunti, c'è dell'erbetta dolce amara deliziosa e frutta a volontà. Niente carboidrati nè dolci. Sto diventando un figurino!

Non mi manca lo shopping nè l'aperitivo con le solite amiche. Non mi mancano i pettegolezzi e tutte le sciocchezze che ci raccontavamo. Non sento certo nostalgia dei nostri politicanti, nessuno escluso , nè del caos del traffico o dello smog della mia cara Milano.

Certo, ogni tanto piove a dirotto e tira un vento che nemmeno te lo immagini, ma io mi riparo insieme a due capre, alla mia adorata Agata ed una miriade di insetti vari in una grotta nel centro dell'isola e cantando aspetto che passi.

Come ci sono arrivata qui? Ma con la barca! Beh, veramente ho impiegato un anno ad organizzare il tutto, con l'aiuto di una di quelle agenzie che ti danno una mano a sparire.

Naturalmente ho portato Agata. Lei, contrariamente a tutti voi, senza di me sarebbe morta di crepacuore e non lo avrei mai voluto. Sai che timida com'é ha fatto amicizia con certi lucertoloni enormi? E passano tutti la giornata, ma compresa, sdraiati sulla sabbia a prendere il sole. Sì, ce l'ho la crema solare. Quella anti-macchia ed anti-rughe, sì.

La sera invece di Che tempo che fa, mi siedo davanti al mare calmo ed assisto allo spettacolo che la natura mette in scena al tramonto. Mai visto niente di simile! I rossi ed i violetti, mischiati ai gialli ed al blu con le fregate che ci volano in mezzo leggere, lasciandosi andare al vento, sono una gioia quasi insopportabile per gli occhi e per l'anima!

Purtroppo ho quasi finito la carta per scriverti ed altra non ne ho.

Dunque ti saluto, ti abbraccio forte, ti assicuro i miei pensieri più affettuosi e ti scongiuro, non andare su Internet a cercare cosa sono e dove vivono le fregate.

Lasciami qui.

Mamy




Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: