ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato mercoledì 11 aprile 2018
ultima lettura lunedì 22 ottobre 2018

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Giovanna, Giorgio e questi o quelli

di Giorgio. Letto 123 volte. Dallo scaffale Amore

Giovanna, Giorgio e questi o quelli   -  Sveglia Giovanna che si fa tardi. -  Arrivo Giorgio. Tra pochissimo sarò pronta. È che questa mattina le gambe tardano a muoversi. Ecco, sono pronta e possiamo andare. Usciamo...

Giovanna, Giorgio

e questi o quelli

- Sveglia Giovanna che si fa tardi.

- Arrivo Giorgio. Tra pochissimo sarò pronta. È che questa mattina le gambe tardano a muoversi. Ecco, sono pronta e possiamo andare.

Usciamo da casa e ci incamminiamo verso il Super che dista circa duecento metri. Ci mettiamo mezz’ora ad arrivare, ansanti e trafelati ma felici di esserci riusciti. Entriamo.

- Giorgio, hanno messo anche una musica melodica. È proprio un posto accogliente.

- Giovanna, guarda questi come sono belli e che profumo che hanno.

- Giorgio, preferisco quegli altri. Mi sembrano più idonei di questi.

- Giovanna, questi sono questi e non confonderli con quegli altri. Non ci sono paragoni.

- Eh no Giorgio, quegli altri sono senz’altro migliori di questi. Guarda anche la forma.

- Tu guardi solo la forma, ma la sostanza? Non vedi che questi invitano ad essere presi perché sono belli, pieni, colorati e fanno venire l’acquolina in bocca al solo vederli!!

- Ma quegli altri appagano di più la vista. E sono sicura, anzi sicurissima, che sono migliori di questi.

- Va beh, per ora lasciamo stare questi e quegli altri e vediamo se c’è qualcosa d’altro che appaghi i nostri sei sensi.

- Giorgio, ma guarda che i sensi sono cinque, la vista, l’udito, il gusto, l’olfatto e il tatto. Qual è il sesto?

- Giovanna, la rabbia. La rabbia che esplode dentro quando non si vuole riconoscere che questi sono meglio degli altri. O di qualcosa d’altro che nemmeno lontanamente si avvicina a questi. Perché questi sono questi e basta.

- Giorgio, fermati e rilassati altrimenti esplodi e, se ti succede, poi tocca a me pulire tutto. Questi sono veramente questi. E ora che ti sei leggermente calmato, giriamo un po’ per vedere se c’è quant’altro da poter paragonare a questi anche se, questi, devo ammettere che sono meravigliosi.

- Com’è, prima non andavano bene. Non erano nemmeno lontanamente paragonabili agli altri ed ora, improvvisamente, sono diventati meravigliosi. Mi stai prendendo in giro?

- No Giorgio è che, quando hai ragione, hai ragione. Quegli altri sono decisamente inferiori a questi. E sì, questi sono senz’altro questi. Senza ombra di dubbio.

Ora stabilito il concetto di cosa sono questi, ne riempiamo il carrello e ci dirigiamo verso un altro reparto. Anche questo è pieno di luci e colori che t’ invitano inevitabilmente all’acquisto.

- E di questi Giovanna cosa ne dici?

- Giorgio ma anche quelli sono bellissimi. Mi appagano di più.

- Giovanna, come al solito il tuo difetto visivo si è accentuato e sei tornata a non distinguere più le diversità che esistono tra questi e quelli. Questi mi sembrano, anzi ne sono certo, migliori di quelli di prima che mi hai fatto prendere. Ora torniamo indietro, rimettiamo al loro posto quello che c’è nel carrello e, dopo averlo svuotato, lo riempiamo con questi.

Ritorniamo sui nostri passi. Svuotiamo il carrello, rimettendo tutti questi al loro posto e torniamo nell’altro reparto per i nuovi acquisti.

- Giorgio, non ci sono più. Li hanno presi gli altri. Ora che non ci sono più questi, siamo costretti a prendere quegli altri.

- No, adesso vado dal responsabile e gli dico che lo scaffale è vuoto e che bisogna riempirlo di nuovo con questi.

- Buongiorno signore, in cosa posso esserle utile?

- Vede signor responsabile che questo scaffale è vuoto e che di questi non esiste più la presenza? Sarebbe opportuno rimpolpare il sito con questi così opportunamente da voi pubblicizzati per far sì, che noi, si possa procedere all’acquisto di questi e non di quegli altri.

- Purtroppo non possiamo. Di questi, che qua non ci sono più, anche in magazzino sono terminati. Perciò, per oggi, di questi non si può disporre.

- Giorgio, e adesso? Con tutta la fatica che abbiamo fatto, ci tocca tornare a casa a mani vuote? Che delusione.

- No Giovanna, visto che questi ormai non ci sono più, giriamo tutto il Super e vedrai che troveremo qualche cosa da mettere sotto i denti.

- Signori clienti, vi preghiamo di affrettarvi perché, per esigenze contrarie alla nostra volontà, siamo costretti a chiudere in anticipo sull’orario stabilito. Avete solo cinque minuti di tempo e poi dovrete uscire. Grazie.

- Giorgio, hai sentito? Dobbiamo uscire e in fretta altrimenti ci pensano loro a buttarci fuori.

- Giovanna, ma non abbiamo preso niente. Ne questi, ne quelli e ne quegli altri.

- Giorgio e quindi?

- E quindi torniamocene a casa seppur a mani vuote. Torneremo un altro giorno.

- Va bene Giorgio e, quando siamo a casa, cosa mettiamo sotto i denti?

- Qualcosa ci inventeremo. Non andremo a letto a pancia vuota.

Tornati in casa, iniziamo ad aprire il frigorifero e la dispensa per vedere cosa c’è di buono.

- Giovanna, abbiamo proprio di tutto e di più. Per questa sera siamo a posto.

Che cena deliziosa ci siamo inventati. Minestrina, formaggio molle e mela grattugiata. Andavano giù che era un piacere. Una delizia. Cucinati e assaporati guardandoci sorridendo. Ed erano già in casa. Nella casa. Gli altri no.

- Giorgio, che faticaccia abbiamo fatto oggi. Anche tu mi sembri stanco. Andiamo a letto così ci riposiamo.

Poi a letto:

- Buona notte Giovanna e sogni d’oro amore mio.

- Buona notte Giorgio e d’oro anche per te gioia mia.

Ciao

-----------------------------------------

C’è una parvenza di morale in tutto quello scritto? Forse sì.

Buona notte anche a voi.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: