ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 


Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato mercoledì 11 aprile 2018
ultima lettura sabato 20 ottobre 2018

Questo lavoro e' adatto ad un pubblico adulto

La scommessa

di maddalena1980. Letto 898 volte. Dallo scaffale Eros

Maddalena era appena uscita dalla doccia e vagava per casa con indosso solo un accappatoio rosso. In realtà, si lamentava con Enzo. Proprio ...

Maddalena era appena uscita dalla doccia e vagava per casa con indosso solo un accappatoio rosso. In realtà, si lamentava con Enzo. Proprio non le andava di passare la serata a casa con Simone e Mirko. Eppure Enzo aveva organizzato una full-immersion di videogiochi come allenamento per la gara che si sarebbe svolta in un bar del quartiere il prossimo week-end.

E se a Maddalena poteva anche solleticare l’idea di passare la serata in casa con tre uomini, di certo non desiderava passare il tempo con tre uomini che avrebbero prestato più attenzione allo schermo della televisione piuttosto che alle sue invitanti curve.

Provava così a convincere Enzo ad annullare la serata. Ma suo marito proprio non ne voleva sapere: in ufficio ne parlavano da giorni e stavolta non avrebbe fatto un passaggio indietro. Maddalena provò a giocarsi la sua ultima carta: lasciò scivolare a terra l’accappatoio e chiese ad Enzo se non ci fosse proprio nulla che lo intrigasse di più di una partita ai videogiochi.

Enzo guardò il corpo nudo di Maddalena: in effetti quel seno grande ed invitante, le gambe liscie e affusolate, il sedere sodo potevano corrompere la sua volontà. Si avvicinò con cautela sino a baciare Maddalena. La teneva stretta a sé frugando con la sua lingua nella bocca di sua moglie, si avvinghiava a quel corpo nudo e sensuale.

“Allora, ti ho convinto?” chiese lei

“No, assolutamente no. Però prima che arrivino Simone e Mirko abbiamo tempo per divertici un po’ “ rispose Enzo sfilandosi la maglietta e i pantaloncini.

Trascinò Maddalena verso il letto continuando a baciarla e accarezzando il suo sedere. Passò le mani lungo tutto il suo corpo sino a trovarsi in mezzo alle sue cosce. La sentiva bagnata ed eccitata. E come sempre questa sensazione lo inebriò al punto da non riuscire a trattenersi. Così la penetrò con un colpo deciso che strappò a Maddalena un gemito di piacere.

Maddalena sentiva Enzo entrare dentro di lei nel profondo con un movimento ritmico che la faceva vibrare. Le sue mani toccavano il suo seno, le sue gambe sempre più velocemente.

Sentì che l’orgasmo era vicino e si lasciò andare in un oceano di gemiti di piacere. Fece appena in tempo a sentire Enzo che veniva dentro di lei inondandola di piacere.

Restarono così qualche secondo. Poi Enzo le ricordò di prepararsi. Mancava decisamente poco all’arrivo dei suoi due colleghi.

Maddalena non era completamente soddisfatta da questa sveltina, avrebbe voluto rotolarsi ancora un paio di volte nel letto con Enzo. Decise così per un abbigliamento che calamitasse gli sguardi di Simone e Mirko per fare ingelosire il marito che aveva preferito i videogiochi ad un bis in camera da letto.

Indossò in fretta un paio di pantaloncini cortissimi e attillati che mettevano in risalto il suo sedere e una maglietta senza reggiseno che lasciava gran poco all’immaginazione.

Fece appena in tempo a sistemarsi i capelli che suonò il campanello. Andò ad aprire e dagli sguardi di Mirko e Simone capì subito che il suo look aveva fatto colpo. I due uomini, venuti per i videogiochi, rimasero incantati dal seno di Maddalena e lo ammirarono strabuzzando gli occhi.

Ma durò poco: appena accesa la Tv e avviato il videogioco i tre uomini rimasero concentrati con i controller in mano e lo sguardo fisso sullo schermo.

Maddalena un paio di volte provò a distrarli ma senza ottenere nessun risultato. Dopo più di ora, di noia per Maddalena e di assoluta concentrazione per gli altri, Enzo si prese una pausa e uscì sul balcone per fumare una sigaretta.

Maddalena giocò la sua ultima carta: disse a Mirko e Simone che tanto allenamento era inutile. Oramai trentenni, sarebbe stati sicuramente stracciati da qualche ragazzino.

“Scommettiamo?” disse allora Mirko distraendosi per la prima volta dal gioco.

Maddalena rimase sorpresa da quella reazione ma propose subito il pegno per i due ragazzi: astenersi dai videogiochi per sei mesi. Mirko annuì con serietà. Sosteneva che era un pegno importante e poteva essere accettato solo se anche Maddalena se la sentiva di rischiare molto.

Alla fine la proposta la fece sorridere. Se avesse perso avrebbe dovuto restare con le tette al vento mentre i due uomini potevano baciare e leccare contemporaneamente uno il seno sinistro, l’altro il destro.

Misero in pausa il videogioco e si strinsero la mano proprio mentre Enzo rientrava dal balcone con un sorriso malizioso stampato in faccia.

La serata si concluse tardi, con Maddalena oramai quasi addormentata sul divano, vinta dalla noia. E le giornate successive si susseguirono senza particolari sorprese. Maddalena non pensava più alla folle scommessa del sabato sera precedente. Finchè giovedi mattina non arrivò un messaggio sul cellulare di Maddalena. Diceva solo:

“Classificato primo al concorso. Io e Simone passiamo sabato sera per il pegno. Mirko”

Maddalena ci rimase di stucco e chiese conferma a suo marito. Ad Enzo sfuggi una risata. Gli spiegò che Mirko e Simone erano due “professionisti” dei videogiochi. Da anni partecipavano a competizioni internazionali e il concorso nel quartiere era in realtà una passeggiata per loro. Maddalena si sentiva in qualche modo truffata: non sapeva questo particolare altrimenti non avrebbe scommesso. Enzo invece aveva pensato che volesse semplicemente divertirsi con Simone e Mirko ma che sapesse la reale condizione.

Ora Maddalena non sa bene cosa fare. Pagare il pegno? Oppure lamentarsi dell’imbroglio?

Chiede a Voi, lettori delle sue avventure, cosa dovrebbe fare?



Commenti

pubblicato il giovedì 12 aprile 2018
agente11, ha scritto: Cara Maddalena...una scommessa va pagata...con lo stesso pepe con cui l'hai accettata...beati loro...
pubblicato il giovedì 12 aprile 2018
mareblu65, ha scritto: I pegni e le scommesse di gioco si pagano sempre. Falli impazzire...
pubblicato il venerdì 13 aprile 2018
cuspide50, ha scritto: va pagata la scommessa e in fondo credo non ti dispiacerà cosi poi il tuo uomo impara

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: