ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.463 ewriters e abbiamo pubblicato 74.490 lavori, che sono stati letti 48.351.132 volte e commentati 55.320 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 9 aprile 2018
ultima lettura venerdì 20 aprile 2018

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

La 205 (la stanza sul lago)

di Sguardoasud. Letto 114 volte. Dallo scaffale Amore

Voglio tornare in quella stanza, sempre quella, la 205..con la finestra affacciata sul lago. Voglio tornare a quando eri di spalle, nuda, solo con la tua pelle illuminata dal sole del mattino. Quella pelle di cui ho ancora la sensazione addosso. Ti av...

Voglio tornare in quella stanza, sempre quella, la 205..con la finestra affacciata sul lago.
Voglio tornare a quando eri di spalle, nuda, solo con la tua pelle illuminata dal sole del mattino.
Quella pelle di cui ho ancora la sensazione addosso.
Ti avvicinavi a me lentamente, accennandomi un sorriso, posando le tue mani sui miei fianchi e baciandomi sul solito livido, quello che mi procuravo dopo gli allenamenti di boxe..sotto la spalla destra.
Passavi le mani affondando le unghia sulla pelle del mio collo..ed andavi giù lentamente fino in vita..
Eravamo nudi, ma i nostri sguardi erano fissi dentro i nostri occhi, in un modo così intenso da non riuscire a staccarceli di dosso.
Dio mio quanto ti amo...tu non mi hai mai detto nulla, ma detto ti voglio bene, mi manchi, mai nulla.
Ogni tanto Però, il tuo cuore serrato a chiave, lasciava passare degli spifferi, ed io riuscivo a respirare da quelle piccole gocce di aria, prendendo più vita possibile da te.
I miei allenamenti erano sempre duri, avevo integrato riprendendo l'amore per la boxe e per gli incontri clandestini in un club.
Spesso entravo in quella stanza dolorante e con un occhio nero, con le nocche delle mani graffiate..ma l'unica cosa che riusciva a lenire il dolore erano le tue carezze, i tuoi baci sulle mie ferite.
Mi son fatto sempre del male nella mia vita..e tu mi hai sempre curato.
Poi penso a quando ci allungavamo su quel letto con le lenzuola di seta nera, nudi, con gli occhi chiusi..e il tuo corpo si sostituiva alla mia anima.
Io ti stringevo in un abbraccio incrociando le mie braccia dietro la tua schiena e tu ogni volta, in quel preciso istante posavi le tue labbra sulla mie..
Ci siamo scoperti tardi..ci siamo incontrati tardi..
Ma io ci sarò sempre, qualsiasi cosa la vita abbia disegnato per noi..
Quel giorno arrivò la sera, facemmo l'amore per tutta la notte...e la mattina all'alba ti addormentasti con la testa sul mio petto.
Ti porto con me..
Buonanotte amore mio..

In cuffia: Averti Addosso (g.paoli)



Commenti

pubblicato il mercoledì 11 aprile 2018
mavisa, ha scritto: Intenso e vero,coinvolge.

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: