ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato giovedì 5 aprile 2018
ultima lettura mercoledì 16 gennaio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

UNA NOTTE HORROR

di yaekotenshi. Letto 228 volte. Dallo scaffale Fantascienza

4 ragazzi vanno a dormire in una casa abbandonata per prova di coraggio,ma se una ragazza fa amicizia con una fantasmina che succederebbe?! Leggi e scoprilo!!

Costantemente noi viviamo nell'ansia.

Ogni essere vivente ha il terrore di qualcosa...api,cani,gatti e perfino del buio.

Nel mondo ci sono un miliardo...anzi un'infinità di paure.

Miriam é una di queste,lei ha paura di molte cose...ma la cosa che la terrorizza in assoluto é stare sola!.

Un giorno,durante l'estate,Miriam e i suoi amici si organizzarono per fare una prova di coraggio.

Io ero in disaccordo...odiavo questo genere di cose!;

Il mio primo pensiero fu:

-"che stupidaggine!...perché non facciamo un'uscita normale?!"

Il mio ragazzo sapeva queste mie paure,sapeva che io ero una codarda di prima categoria!!...

Lui aveva tentato di convincere gli altri a lasciar perdere,ma nessuno gli diede retta.

Il giorno dell'uscita ci incontrammo tutti davanti ad una casa abbandonata,era vicino ad un cimitero...tipico di quei film horror.

Io ero molto scettica,ero credulona ed avevo paura dei mostri,il mio terrore era che sarebbe potuto uscire un qualche fantasma da un angolino.

Si...all'età di 19 anni credo ancora a mostri,fantasmi e altre creature fantastiche.

Io sono la più piccola del gruppo,il mio fidanzato Mirko ha 23 anni,Gionni ne ha 30 e poi c'è la sua fidanzata,Chiara che ha 21 anni.

In realtà nel mio gruppo,l'unico che mi conosca veramente é Mirko,gli altri sono solo amici suoi,non sanno niente di me...mi hanno solo classificata come la ragazza del loro amico.

Entrammo dentro la casa,c'erano rumori alquanto strani e dalle fessure delle porte e finestre rotte entravano strani rumori che sembravano quasi dei versi di fantasmi.

Ero terrorizzata già dall'inizio,stringevo forte la mano di Mirko,il cuore mi batteva all'impazzata e mi mancava il fiato.

Gionni cominciò subito a prendermi in giro,cercava di spaventarmi e ci stava per riuscire.

In quel momento Mirko si arrabbiò,cominciò ad urlare contro Gionni dicendogli di lasciarmi in pace...

lui cercando di discolparsi,ma senza scusarsi disse:

-"stavo solo scherzando!!".

Dietro di lui c'era Chiara che ridacchiava,ogni tanto loro 2 insieme mi guardavano...chissà cosa pensavano?!

sicuramente avrebbero voluto farmi chissà quale scherzo,in parte ero preparata a tutto,ma non volevo staccarmi da Mirko.

Entrammo dentro una specie di salone,sembrava una di quelle vecchie case dove facevano grandi feste di ballo,in quel momento mi immaginai una scena,vidi tante persone con vestiti eleganti e molto all'antica,le persone ballavano e c'era la musica.

Ma dopo qualche secondo quella scena...mi sembro reale,avevo sentito la musica e vidi la gente che ballava proprio di fronte a me...non credevo ai miei occhi.

Chiesi agli altri se avessero visto ciò che vidi io...la loro risposta fu:

-"vuoi vendicarti perché ti stavamo facendo uno scherzo?!"

rimasi scioccata,cominciai a pensare che l'ansia e la paura di prima mi avessero portato ad immaginare tutto.

Tutto d'un tratto si accese la luce,io saltai in aria,ma poi scoprì che era stato Gionni ad accenderla e quindi mi rassicurai.

Passare la notte li mi spaventava moltissimo,non sopportavo di dormire in un posto cosi tetro...anche se fosse stato impossibile addormentarsi con quei rumori.

Piano piano ci avvicinammo a 00:00,cominciava a calarmi il sonno,tutti ormai dormivano,io ero accanto a Mirko,mi stringeva forte fra le sue braccia.

Durante la notte,c'è un silenzio inquietante,ma questo fu rotto dal suono di un pianoforte...era una melodia piacevole.

La mia testa mi diceva di alzarmi e andare a vedere cos'era,ma avevo tanta paura,aspettavo che qualcuno si svegliasse,ma nessuno sentiva quella melodia.

Cominciai a pensare che stessi impazzendo...ebbi il coraggio di alzarmi,andai nella stanza accanto e vidi una ragazza che aveva forse la mia stessa età.

Rimasi li in silenzio a fissarla ed ascoltarla...era davvero brava!

ad un certo punto mi notò,rimase li per un po' a guardarmi,poi svanì.

Io a vedere quella sparizione mi spaventai,stavo per incominciare a gridare ma fui fermata dalla sua riapparizione di fronte a me.

Mi mise la mano davanti la bocca e mi chiese gentilmente di non urlare e di non dire niente a nessuno di lei,dopo aver fatto cenno di si mi senti indebolire,avevo le gambe pesanti e non riuscivo a tenere gli occhi aperti fino al punto di svenire.

Appena mi risvegliai mi ritrovai distesa sul divano,davanti a me c'erano Mirko,Chiara e Gionni...mi chiesero che era successo e come mai mi trovarono a terra nell'altra stanza.

Io mi ricordai di quello che mi aveva chiesto quella ragazza...dissi solamente che dovevo andare in bagno,ma mi sentì male.

Appena si riaddormentarono,cominciai a camminare per casa,speravo di rivedere di nuovo quella ragazza...ma quello che vidi era leggermente diverso,aveva un aspetto nero e gli occhi rossi,stava fermo in un angolo scuro della stanza,ancora non mi aveva notato,sembrava quasi che aspettasse...mi avvicinai un po' per vedere cosa fosse,ma lui si girò di colpo,rimase fermo per un po' a fissarmi...tutto d'un tratto però cominciò ad avvicinarsi,io ero paralizzata dalla paura,era a pochi passi da me,i suoi occhi erano vuoti,non provavano sentimenti.

Mi aveva quasi preso...ma quella ragazza mi diede la mano e con lei attraversai il muro.

Mi ritrovai in un'altra stanza,non riuscì a capire come avevo fatto,la guardai fisso per capire cosa era successo,ma con tutte le cose che avevo visto,passare attraverso il muro per me era niente.

Lei,cominciò a scusarsi,era dispiaciuta...

io non ne capivo il motivo,in fin dei conti mi aveva appena salvato la vita,ma lei mi disse che quel mostro era venuto qui per noi.

Lei avrebbe voluto avvertirmi prima,ma non era sicura se fidarsi di me o no...

pensava fossimo venuti in questa casa per cacciarla,come avevano fatto finora tutti quelli che entravano qui dentro.

La fantasmina,dopo un po' che parlammo mi disse come si chiamava e come era morta;

-"io mi chiamo Milly,ho 19 anni,vivo in questa casa ormai da 50 anni...all'inizio non avevo capito subito di essere diventar un fantasma,dopo varie cose accadute lo capi...e capi anche che la gente non sarebbe rimasta più con me,le persona. He mi uccise fu mia madre,io e lei non eravamo in buoni rapporti...lei odiava che io facessi amicizia con le persone e mi divertissi,soprattutto quello era vietato!"

Sentendo la sua storia mi sentì stringere il cuore,mi dispiaceva moltissimo per lei...avrei voluto fare qualcosa,ma non so cosa.

Nel mentre che parlavamo,senti un rumore provenire dalla stanza dei ragazzi,corsimo subito li dentro e vidi Mirko messo accanto a Chiara che piangeva,cercai Gionni,ma non lo trovai... corsi subito da loro e chiesi a Chiara che era successo?!...lei mi risposero che Gionni era stato preso da qualcosa e tirato dentro la stanza di fronte,chiesi anche a Mirko,ma lui non ne sapeva nulla,quando era avvenuto il fatto,lui era uscito a fumarsi una sigaretta.

Io mi misi a parlare sottovoce con Milly,le chiesi se era stato quel mostro ad averlo preso...

lei penso...

-"probabile,la m....ehm quella cosa,probabilmente l'avrà preso,ma é poco probabile che sia ancora vivo!"

Io per si e per no avrei voluto accertarmene,entrai dentro quella stanza preparata a tutto,non so come avrei potuto spiegare l'accaduto a Chiara...ma un modo l'avrei trovato.

Mirko avrebbe voluto accompagnarmi,ma chiara non glielo permetteva,non voleva stare sola,diceva che aveva troppa paura,anche se forse quella più spaventata tra tutte 2 ero io...arrivai alla luce,provai ad accenderla,ma non funzionava,Milly continuava a seguirmi,era preoccupata che potesse succedermi qualcosa.

Mentre camminavo nel buio,camminava qualcosa,non capivo cos'era...avevo tanta paura,era una figura nera,si muoveva di qua e di la,mi girava attorno,ad un certo punto mi avvicinai a qualcosa,era strano,era un corpo,ma sembravano di più delle ossa,ad un certo punto presi il cellulare e lo puntai contro quella cosa...erano ossa,era un corpo umano!

Mi avvicinai per controllare meglio e dietro di me apparse un essere vestito tutto di nero,io mi spaventai e caddi addosso lo scheletro...ad un certo punto arrivarono Mirko preoccupato e Chiara che rideva a crepapelle.

Quella figura nera si levo la mantella e sotto c'era Gionni,avevano architettato tutto,era solo per prendermi in giro...io mi ero anche preoccupata sinceramente.

Me ne andai di corsa,usci dalla casa e mi misi nell'altalena fuori,per l'imbarazzo scoppiai a piangere,in quel momento riappari quella figura nera...questa volta non ci sarei cascata,questa volta non mi volevo far prendere in giro.

Mi girai e la ignorai,dopo qualche secondo,controllai per vedere se Gionni se ne fosse andato...era sparito,era ritornato dentro.

Cominciai a rilassarmi,chiusi gli occhi per 10 minuti contati,appena li riapri...c'era quella cosa,era davanti a me!

aveva occhi rosso fuoco,come la prima volta non esprimevano emozioni,rimasi paralizzata,non potevo più muovere un muscolo,non riuscivo neppure a gridare...in testa avevo solo un pensiero:

-"QUA-QUALCUNO MI AIUTI!"

volevo gridarlo,volevo farmi sentire dai miei amici...quella cosa mi toccava la faccia,mi accarezzava,mi guardava e sembrava che volesse dire qualcosa,non era ne buona ne cattiva...in quel momento senti la voce di Milly,gridava e cercava di fare allontanare la cosa,la chiamava a se:

-"m-madre!lasciala stare!!"

Quella cosa si girò verso di lei...io mi sentivo mancare le forze,era come che mi stesse risucchiando l'anima.

Corse verso Milly,davanti ai miei occhi sparirono...appena ripresi conoscenza,il pensiero fu di trovare Milly,non so come o dove,ma volevo ritrovarla,volevo salvarla...

volevo salvarla da sua madre!

Entrai dentro la casa,la prima cosa che notai era una scia di sangue.

Da quella scena rimasi impaurita,la seguì,mi porto al seminterrato,era tutto buio,non si vedeva nulla,quindi decisi di accendere la luce,vidi una cosa che non mi sarei mai aspettata,ero impietrita dalla scena che mi si parava davanti...di fronte a me c'erano i cadaveri di Chiara e Gionni...avevano un'espressione di paura in volto,le loro pupille erano sparite,erano come senza anima,erano un corpo vuoto.

Mentre ero giù senti delle urla...erano terrificanti,avrebbero intimidito chiunque.

Mirko ancora non si trovava,la mia testa pensava solo a dove potesse trovarsi.

Seguì l'urlo,veniva dal piano di sopra,salì le scale molto silenziosamente,c'era una stanza mezza aperta,pensai che le urla venissero da li...apri delicatamente la porta,Mirko era legato vicino al letto,mi avvicinai per liberarlo e la porta si chiuse.

Avevo paura a girarmi,sentivo dietro di me il fiato gelido di quel mostro,sapevo che se mi sarei girata,quella cosa mi avrebbe ucciso.

Ma presi comunque di coraggio e la guardai negli occhi,era la prima volta che non ebbi paura,era la prima volta che ebbi il coraggio di battermi contro le mie paure.

Supplicai quella cosa di liberare almeno Mirko,la scongiurai,le dissi che se avrebbe lasciato andare lui,io avrei fatto tutto ciò che voleva.

Lei mi guardò per qualche secondo,poi con cenno di si fece apparire Mirko fuori la casa e bloccò finestre e porte in modo tale da impedirmi di scappare.

Mi stavo per preparare al peggio,sapevo che era giunta la fine,mi tocco la fronte e mi usci una sostanza bianca,subito dopo appari Milly,era venuta a salvarmi di nuovo...avrei voluto fare qualcosa...qualunque cosa per aiutarla.

Mi accorsi che la notte era finita,stava per sorgere il sole,il primo impulso fu di aprire tutte le tende.

Quando mi accorsi che il sole lo bruciava,apri sempre di piu,quel mostro non aveva più possibilità...pian piano si andava sciogliendo,stava diventando polvere.

Quando scompari del tutto,ancora non potevo crederci,l'avevo battuta,avevo vinto io!.(per metà)

Milly mi ringraziò,io l'ho aiutata a liberarsi del suo peso,la cosa che la opprimeva sempre di più,adesso era libera di scegliere se rimanere o andare.

Lei decise di rimanere,amava quella casa e voleva passare un po' di tempo con una sua nuova amica.

Ogni giorno da allora stavamo e passavamo del tempo assieme,da allora non potei vedere piu Mirko,e lui non poté vedere me.

Rimasi intrappolata,divenni come Milly...

UN FANTASMA!

Qualcosa mi fu fatto...ma non so cosa,adesso sono costretta a dire addio alla mia normalità.

FINE!!



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: