ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato domenica 1 aprile 2018
ultima lettura venerdì 29 maggio 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Riflessioni:Si danno da fare le case editrici per promuovere un libro? By ©Raffreefly

di Raffreefly. Letto 423 volte. Dallo scaffale Pensieri

   Innanzitutto sappiate che non sono del tutto contraria all'editoria a pagamento.Se per autori di romanzi pubblicare è difficile, per un autore di poesia lo è ancora di più. Non tutte le case editrici accettano infatti,...

Innanzitutto sappiate che non sono del tutto contraria all'editoria a pagamento.
Se per autori di romanzi pubblicare è difficile, per un autore di poesia lo è ancora di più. Non tutte le case editrici accettano infatti, elaborati poetici, perché troppo di nicchia e diciamolo, decisamente poco appetibili, il che significa che raramente, per non dire mai, le case editrici investono su poeti emergenti. Dunque l'aspirazione a pubblicare una propria opera è legittima, anche quando quest'opera non suscita l'interesse commerciale o culturale. Lo stesso Moravia infondo, ha pubblicato a pagamento poiché nessuno pare, fosse interessato a pubblicare il suo primo scritto.

Facciamo un passo indietro, quando da talent scout, cercavo autori poetici da inserire in antologie, a pagamento perché le case editrici con cui collaboravo non erano free, proponevo un pacchetto in base alle esigenze della casa editrice. Inserivo le varie antologie in concorsi e, cosa innovativa, m'inventai "Progetto estero" nato per fare conoscere la poesia italiana contemporanea all’estero, per offrire visibilità, sia agli autori che alle case editrici. I libri venivano esposti nelle biblioteche di Accademie di Letteratura, Istituti di Cultura Italiani, ma anche in hotel esteri, che gentilmente mettevano a disposizione una piccola biblioteca per i turisti italiani. Qui troverete le varie spedizioni https://invololibero.jimdo.com/progetto-estero/.
Se un talent scout riesce ad inserire i vostri libri in concorsi, senza farvi sborsare nulla di più; riesce ad inserire i vostri libri in circuiti esteri e italiani di pregio e di cultura, tutto sommato giudicherei l'operato più che soddisfacente, ripeto, soprattutto in campo poetico, anche perché non ho mai sentito nessuna casa editrice proporre ciò che io, nel mio piccolo, proponevo e, naturalmente, erano tutti, editori e autori, pienamente soddisfatti di questa geniale idea.
Altra cosa a mio avviso interessante e di cui ne vado fiera, è stata la mia presenza nel sociale, ideando nel gennaio 2013 “Art For Aquila” il cui motto era “Fare del bene ci fa stare bene” che, grazie alla collaborazione con l’amica e collega Patrizia Manenti e il coordinatore della Croce Bianca a L'Aquila, Giovanni Mangione, ho potuto organizzare un’asta di beneficenza a favore di questa splendida città, in seguito al disastroso evento sismico, tenutasi al centro dell’Aquila nel giugno 2013 il cui ricavato sono andati a favore della Croce Bianca, per la realizzazione di un centro polivalente per i più disagiati. Da qui in poi, ideavo spesso a doc antologie poetiche e ogni volta, 10 copie venivano donate in beneficenza ad associazioni Onlus, le quali decidevano liberamente se metterle in vendita durante le loro manifestazioni, oppure inserirle nella biblioteca dedicata agli ospiti. Il mio obiettivo era quello di portare l’Arte e la Poesia ovunque, rendendola più appetibile al pubblico, facendola conoscere non solo attraverso reading, ma anche miscelata ad attività quotidiane, proprio per uscire dal marchio di nicchia; cosa che secondo me, dovrebbe essere la stessa casa editrice ad occuparsene come norma.
Invece cosa fa concretamente una casa editrice?

Nella stragrande maggioranza dei casi le case editrici si limitano ad inserire il suddetto libro sul proprio sito, a volte, nemmeno questo e parlo per esperienza personale.
Spesso gli autori lamentano una scarsa partecipazione della casa editrice nella promozione del loro libro. Di contro, anche alcuni editori lamentano la scarsa partecipazione degli autori nella promozione dei loro libri, specialmente l’assenza alle presentazioni. Ma non basta una presentazione a pubblicizzare un libro; presentazione che fra l’altro, ha pure dei costi.
L'autore in genere, non si dice soddisfatto di come l’editore metta in moto la macchina del marketing editoriale ... forse perché non sa come fare.
A mio vedere, soddisfazione o meno, la promozione di un libro spetta sia alla casa editrice sia allo scrittore/poeta. Il ruolo del talent non dovrebbe dunque essere inserito in questa fase.
Infatti, su uno dei blog si leggeva: "il talent non è obbligatoriamente tenuto a creare eventi di presentazione dei volumi, che resta a discrezione dell'autore e della casa editrice. Raffaella C.B. Amoruso è altresì libera di creare eventi propri. Ad ogni autore sarà consentito parteciparvi attivamente".
Ci sono poi, case editrici che chiedono all’autore, insieme all’invio del manoscritto, quali possibilità abbia di promuovere il libro: si chiama collaborazione.
L'importanza delle antologie.

Fare parte di un’antologia, offre all’autore la possibilità di pubblicare le sue opere, spendendo sicuramente molto meno rispetto alla pubblicazione di un libro singolo. L’essere in gruppo, facilita emotivamente l’autore che si sente “più protetto”; senza contare poi, che le copie a lui destinate sono un numero tale da poterle vendere facilmente ( almeno, le antologie che creavo io. Ho sentito di case editrici invece, che davano all'autore dalle 150 alle 300 copie, francamente non lo trovo giusto. A quel punto tanto vale farsi un libro singolo: si spende uguale.) e non solo rientrare del contributo dato per la partecipazione, ma guadagnando anche qualche Euro, tanto da poter pubblicare ancora. Certamente però la cosa principale, la vera chicca della partecipazione, è di fatto pratico, nel senso che ogni antologia contiene ad esempio, dieci autori, di dieci città diverse, quindi è matematico che l’opera in questione verrà fatta conoscere, senza fatica alcuna, in almeno dieci centri abitati. Giusto per farvi capire il meccanismo, le “classiche” da me ideate e curate, hanno toccato le città di tutta Italia e non solo. Un esempio: in “Diafano sentire”: Lucca, Viareggio, Albenga, Palermo, Aquila, Bergamo, Civitavecchia, Lecce, Biella, Lille (Francia). In “Assordante silenzio d’inverno” : Milano, Torino, Biella, Cassino, Bari Piacenza, Bologna, Salerno. In “Tra le braccia di Turan” : Biella, Milano, Roma, Gioia del colle, Pisa, Aquila, Zurigo (Svizzera). Nuove possibilità si presentano agli artisti, a volte rende così felice l’autore, da portare l’antologia come materia d’esame, com’ è avvenuto per l’opera “Tra le braccia di Turan” per Nicolò Avanzi e ciò lo ammetto, mi rende particolarmente orgogliosa.


Un discorso a parte andava fatto per i volumi ideati per le Onlus, come ad esempio la raccolta composta da 4 libri “Poesia è donna – mosaico poetico” , una delle tante. Qui si trattava di un lavoro per poter offrire ai più disagiati, un supporto, un abbraccio, una carezza colma di Poesia e affetto. Copie venivano donate ad Associazioni ONLUS, le autrici che partecipavano con contributo erano 2 o 3 per ogni volume, le caratteristiche particolari erano: la Poesia detta di “Ouverture” di una Poetessa non pagante a cui veniva donata una copia del libro e la nota introduttiva molto accurata, di un conosciuto poeta e amico, Fabio Amato.
La speranza degli autori che partecipavano ai miei progetti in genere, era uno stimolo continuo a continuare perché "fare del bene, fa stare bene" e vedere l’emozione sincera negli occhi di chi legge una Poesia, non ha prezzo, oggi come allora.

Partecipare quindi a raccolte poetiche è sicuramente un buon metodo per mettersi in gioco ed uscire allo scoperto; confrontarsi con altri autori stimola la creatività poetica e a poco prezzo, fino a quando, non ci si sente tanto sicuri da spiccare il volo con un libro singolo.


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: