ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato giovedì 29 marzo 2018
ultima lettura sabato 23 marzo 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

ER TRUCCHETTO CO' L'AMERICANI

di CarloNobili. Letto 267 volte. Dallo scaffale Storia

L’americani prima cianno bombardato ben bene e poi ‘na volta che so’ scesi a terra hanno cominciato a dispensacce i loro beni dall’alto de le torrette dei carri armati – cioccolato, sigarette e quarche artra fregnaccia. Se.........

L’americani prima cianno bombardato ben bene e poi ‘na volta che so’ scesi a terra hanno cominciato a dispensacce i loro beni dall’alto de le torrette dei carri armati – cioccolato, sigarette e quarche artra fregnaccia. Sembravano i padroni.

E lo erano, de fatto. Ma ce facevano l’elemosina e co’ ‘st’elemosina li romani se so’ organizzati subito, se la rivennevano a mercato nero. Come co’ ‘e sigarette. L’omini dai banchetti improvvisati pe’ strada strillavano «America, abbiamo l’America, sciorta e a pacchetti! Ciò l’America!». Sì, se sentivano padroni però erano pure un po’ cojoni. E noi se ne approfittavamo, come er regazzino napoletano de “Paisà”, “Joe, tu t’adduorm? E io m’arubb ‘e scarp”.

Ce sta un collega mio – se chiama Orlando – che m’ha riccontato ‘sta storia: lui adesso abita ai palazzoni a Centocelle ma la famija veniva da Tiburtino III, un artro de quei quartieri “resistenti” che ha pagato un pesante contributo ne la lotta de Liberazione. In quer periodo er nonno co’ li fiji ciaveva ‘na fabbrica de ghiaccio. Beh, un giorno ner mejo che uno dei fratelli der padre, che ciaveva 14 anni, stava ad aiutallo a tirà giù ‘sti blocchi de ghiaccio attraverso ‘no scivolo fatto co’ le palanche e a caricalli sur carretto, s’avvicinarono du’ sordati americani. Erano neri e grossi, du’ armadi. Se misero a guardà la scena: er nonno faceva scivolà dall’alto – sarà stata ‘na palazzina de du’ piani –, i blocchi de ghiaccio. De sotto Romoletto, lo zio, li pijava ar volo sotto ar braccio e li sistemava in bell’ordine sur carretto.

L’americani rimasero là un ber po’ a guardà. Forse erano increduli a vedè co’ quanta abilità e senza sforzo ‘sto ragazzino portava avanti er lavoro suo. A ‘n certo punto er nonno da sopra, vedendo che quelli nun schiodavano, je fece: “Ahò, ce vole provà uno de voi a prendene uno ar volo? Dai vedemo se sete capaci”. Uno dei due se fece subito avanti pensando “Si ce la fa un ragazzino de 14 anni, pe’ me è ‘n gioco”. Er nonno continuò: “Sì, ma dovemo scommette’. Se giocamo ‘na lira e trenta centesimi a lancio”. Era er prezzo der pane alla fine daa guera. Un chilo de pane ‘na lira e trenta centesimi. E aggiunse: “Si però ve lo fate cascà me ripagate pure er prezzo der ghiaccio. Ce state?”.

Quelli accettarono, erano grossi e potenti, artroché quello scrocchiazeppi doo zio de Orlando. Er nonno sistemò er primo blocco su lo scivolo e questo prese velocemente a scenne. Er sordato nero nun fece ‘n tempo nemmeno a capì quale poteva esse’ la tecnica che doveva adottà. Er blocco se frantumò pe’ tera co’ ‘n botto tremendo. Er nero ce rimase male ma senza batte ciglio pagò er danno e la scommessa. Ma siccome c’era rimasto male volle subito rifasse e fece segno ar nonno de lancianne ‘n artro. Che stavorta co’ ‘r cavolo che se lo sarebbe lasciato sfuggì. Ma nun andò come pensava er poveretto. ‘N artro blocco de ghiaccio se schiantò, come er primo, a tera. Pagò quanto stabilito consegnando i sordi a lo zio de Orlando, però stavorta se vedeva che all’americano je rodeva ‘sto fatto. “Ma come, ‘n ragazzino secco secco nun fa ‘no sforzo pe’ riuscicce e io ‘nvece devo fa’ ‘a figura der cretino?”, pensò tra sé. Fece un cenno e a viva voce strillò: “Another one, paisà”.

Er nonno nun se lo fece di’ du’ vorte e lasciò partì ‘n artro blocco. Er sordato s’era piantato co’ i piedi bene a tera, co’ tutto er corpo pronto pe’ prende’ ar volo er siluro ghiacciato. Sembrava ‘n atleta, un ricevitore de ‘na squadra de baseball, platico e potente, ma soprattutto fermo e concentrato su la propria base. Purtroppo pe’ lui anche stavorta er blocco je sgusciò veloce e beffardo davanti, ‘n mezzo a’ ‘e braccia senza daje neanche er tempo de capì che fa’. Pagò. Ner vorto c’era solo rabbia. Se fece da parte, s’ariaccostò all’amico che ner frattempo era stato lì a gustasse ridendo tutta la scena. Lo zio de Orlando riprese er posto suo alla fine de lo scivolo, er padre riprese a lascià che i blocchi scendessero giù pe’ quella via. Tre lanci, tre prese leggiadre der regazzino. I du’ americani lo guardavano stupiti. “Ma come è possibile?”.

A quer punto se fece avanti l’artro, quello che prima rideva a guardà l’amico: “Ce vojo provà io”. “E provace!”. Ve vojo venì ‘ncontro e pe’ favve rifà dei sordi che avete perso prima stavorta invece che ‘na lira e trenta se ne giocamo due e trenta. Che ne dite? Se po’ fa’, ce state?”, fece er nonno. “Ok, paisà, I’m ready”. “E allora méttete sotto che ariva er primo”. Furono anche stavorta tre lanci e tre blocchi di ghiaccio frantumati a tera. Pagato er debito i due militari se n’andarono via mogi mogi, co’ la coda tra le gambe e ‘na rabbia drento ar petto che se vedeva pure da fori.

Quanno furono ormai lontani, già verso la fine de la via, lo zio de Orlando chiese ar padre: “A papà ma come avemo fatto a vince tutti quei sordi? Quelli erano grossi cinque vorte me eppure nun ne hanno preso manco uno mentre io nun me ne so’ lasciato scappà manco uno”. “Doppo te lo dico. Mo’ continuamo a lavorà” ché s’è fatto tardi. ‘Na vorta a casa je svelò er mistero: “Vedi, quanno eri tu a dovè prenne ar volo er blocco, io lo poggiavo delicatamente su lo scivolo e lo lasciavo annà senza toccalo mentre quanno c’erano quei du’ gaggi là sotto, io ammalappena che poggiavo la colonna su lo scivolo je davo ‘na spinta forte co’ la mano in modo che quella diventasse più veloce. Questi so’ grandi, potenti, cianno ‘n sacco de sordi e de mezzi, ma alla fine so’ anche n’ po’ cojoni. E noi invece, Romolè… semo romani, nun too scordà”.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: