ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato giovedì 29 marzo 2018
ultima lettura venerdì 18 gennaio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Autopsia Parte 2

di SeBBio. Letto 280 volte. Dallo scaffale Gialli

Un ragazzo tirocinante nel campo della medicina si ritrova a svolgere l’autopsia della propria ragazza deceduta pochi giorni fa.

Adam assillato dall'uomo in incognito gli disse:
- Non hai niente da fare eh?
-Chi io? Beh amico mi dispiace quello che è successo un anno fa! Però potevi evitare quell'accaduto evitando di andare a prendere le sigarette!
- Sta zitto!
- Non posso starmi zitto, io ho ragione. Non hai saputo difendere la tua ragazza!
A quel punto Adam sferrò un pugno dritto alla mascella dello sconosciuto. Dalla potenza del pugno l'ignoto cadde a terra senza sensi, a quel punto Adam cercò dei documenti che potessero indicare l'identità di quell'uomo tanto misterioso.
Adam riuscì a trovare un solo documento di riconoscimento, quell'uomo tanto misterioso aveva un nome piuttosto strano, forse arabo. Si chiamava Omar Safwat Guirguis, aveva trentaquattro anni ed era di origine islamica. Adam la prima cosa che fece, fu quella di denunciarlo, ma non vi erano abbastanza prove per incastrarlo. Adam allora cercò vendetta da solo, infatti la sua convinzione lo spinse alla violenza fisica, picchiando Omar fino alla perdita dei sensi.
Adam si stava sbagliando al 100%, infatti l'assassino della sua ragazza era una persona molto vicina a loro, una persona che ti dava sempre il buongiorno e a volte prendeva del caffè con Adam e Rose.
Una persona che non poteva mai essere un sospetto...
Adam una volta menato Omar andò a casa dove trovò la polizia che lo aspettava. Lo stavano aspettando perché avevano trovato un capello che riconduceva al vicino di Adam, ma ormai il ragazzo aveva appena commesso un reato penale e quindi fece resistenza. Fuggi nel lungo e in largo e con grande furtività, rubò una pistola in un'armeria, e si diresse verso la sua casa con una macchina rubata.
Arrivato alla sua casa, Adam estrasse la pistola e fece irruzione nella casa del vicinato, dove lo aspettava Harry Award, il suo vicino, pronto a confessare prima di essere ucciso. Harry disse:
- Ho sbagliato, l'ho uccisa per una forte ira scatenata da una perdita al centro scommesse.
-È un motivo valido per uccidere una persona? - Disse Adam
-No.
- Il mio sì!
A quel punto Adam caricò la beretta e la puntò verso Harry dicendo: -Buona Fortuna bastardo. -
Ed esplose il colpo nella testa di Harry.
A quel punto Adam era un ricercato, e tutta la polizia di Londra gli stava alle calcagna. Adam si organizzò per bene e rubò un fucile a pompa del vicino, e un giubbotto antiproiettile. Fece una mini sparatoria contro le autorità, colpendo e uccidendo 2 poliziotti, a quel punto Adam ormai delirato, scrisse su un foglio: "Non lascerò che mi prendiate, preferisco morire e stare con la mia amata."
A quel punto Adam caricò il fucile a pompa e si sparò in bocca suicidandosi nella sua propria casa a Cambridge.
L'amore di quel uomo era talmente forte nei confronti di Rose che l'ha spinto a degli atti molto brutti.
A volte l'amore può rendere cechi e può rendere pazzi.


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: