ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato giovedì 29 marzo 2018
ultima lettura sabato 19 gennaio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

SUR PONTE DE PORTONACCIO QUER 13 AGOSTO DEL 1943

di CarloNobili. Letto 273 volte. Dallo scaffale Storia

Orlando, l’amico mio, un giorno, mentre tornavamo a casa dal lavoro, all’altezza de Portonaccio, me riccontò che la madre proprio lì aveva visto ‘na scena raccapriciante che jera rimasta nei ricordi, viva come quando l&r.....

Orlando, l’amico mio, un giorno, mentre tornavamo a casa dal lavoro, all’altezza de Portonaccio, me riccontò che la madre proprio lì aveva visto ‘na scena raccapriciante che jera rimasta nei ricordi, viva come quando l’aveva vissuta allora.

Quanno la riccontava la poverina tremava come ‘na foja, je prendeva come ‘na specie de attacco, nun riusciva a sta’ ferma, se moveva tutta, l’occhi je se spalancavano come se, a distanza de tanti anni, rivedesse la scena così come je s’era presentata quella mattina. Se trasformava ‘sta pora donna, era rimasta scioccata. E doveva pe’ forza buttalla fori, riccontalla n’antra vorta come pe’ liberasse de quer peso che l’aveva schiacciata da quer giorno.

Era er 13 agosto der ‘43, le bombe cadevano su quella parte de la città pe’ la seconda vorta. Cercava de tornà a casa come poteva, nun c’erano tram, la gente pe’ strada correva pe’ mettesse al riparo. Correva trafelata, era piena de paura e de angustie perché pensava ai fiji che stavano a casa a Tiburtino III. Correva e cadeva, se riarzava e ricominciava a corre’ sempre più spaventata. Se spaventò ancora de più quando vide che da quello stormo grigio se staccarono degli aerei più piccoli rispetto a quelli che buttavano le bombe. Erano i caccia. Scennevano quasi in picchiata, co’ i motori ‘mballati che facevano da colonna sonora a quella tragica giornata. Venivano da Piazzale Tiburtino e volando basso sfioravano co’ le ali le fronde più alte de l’arberi. E mitragliavano. Mitragliavano tutto quello che se moveva. Puro la gente che correva a piedi.

Quando ‘mboccò er ponte – come dice er poeta, er “ponte che conduce all’isola dei prati dove muore la città d’uomini vivi” – gettò n’occhiata de sotto e vide er macello che l’americani, pe’ liberacce, ce stavano a regalà quer giorno. Binari divelti, vagoni sventrati, corpi de cristiani dilaniati da quell’orrore gettati un po’ ovunque. In mezzo a ‘na gran puzza, acre, de distruzione e morte, continuò a corre’. “Er ponte – se disse – me lo devo fa’ tutto senza avè paura, devo pensà solo a corre’, devo pensà ai fiji mia. Nun me devo fermà, devo arrivà a casa”.

Proprio ner mejo che faceva ‘sto pensiero, a fianco a lei, su la strada, puro un omo cercava de mettese ‘n sarvo. Era giovane e ciaveva ‘na tuta da lavoro. Stava ‘n bicicletta e cercava de spigne sui pedali più che poteva. Quanno je passò vicino, lei riuscì ad avvertì l’affanno de quer por’omo. Ansimava, ma no pe’ lo sforzo ma pe’ la paura, perché sembrava che avesse già capito quello che l’aspettava. Fu un attimo, da dietro giunse un caccia americano, un Lightning. Pe’ quanto era basso quasi se potevano vedè i connotati der pilota. Ciaveva un paio de occhialoni scuri. Sì, questo l’aveva visto. “Era giovane, sembrava ‘n ragazzino, ciavrà avuto pressapoco l’età de Ettore, mi’ fijo più grande” – diceva quanno riccontava er fatto. ‘Sta cosa sur momento la risollevò, continuò a corre’ e a guardà quer coso che li seguiva sputando lingue de foco, ma la giovinezza de quer pilota je fece pensà che nun sarebbe successo gnente. “I ragazzini mica so’ così… così...” e mentre stava a formulà ‘st’abbozzo de pensiero speranzoso, all’improvviso partì ‘n’artra sventajata secca, una, una sola, manco prolungata.

Era come se avesse preso la mira. Er giovinetto su quella macchina de guerra era andato a colpo sicuro. Pe’ fortuna de Orlando, nun era la madre er bersaglio. Lei invece, subito dopo quella breve raffica ravvicinata, vide ‘na capoccia rotolà su l’asfarto, ciaveva la bocca spalancata e ‘n ghigno de terrore ne l’occhi. Quell’occhi pareva la guardassero come a chiedeje aiuto. ‘A capoccia finì la corsa sbattendo su l’orlo der marciapiedi, laddove lei stava a corre’. Guardò avanti, nun volle pensà che qua'a capoccia fosse ancora viva. Però lo pensò, perché quell’occhi nun smettevano de ‘mplorà un po’ de pietà. Ricominciò a corre’, solo allora s’accorse che lì su la strada quell’omo senza testa continuava a pedalà come se nun fosse successo gnente. ‘A bicicletta andò avanti co’ ‘ste du’ gambe che spignevano sempre più forte sui pedali. Come se nun avesse smesso de scappà. Persa la capoccia, cercava de mette ‘n sarvo quello che restava, compresa la bicicletta. Nun voleva morì, se capiva. Nun ce stava a fallo in quer modo.

Fece ancora ducento metri, forse. Poi alla fine der ponte, all’incrocio tra la Tiburtina e via de Portonaccio, insieme ar ponte finì puro la corsa de quer por’omo. S’accasciò come se se fosse scaricato. Era finita la corda, cadde e se fermò proprio ‘nmezzo all’incrocio dove la gente passava pe’ scappà. Adesso, buttato per tera nun faceva meno raccapriccio de quanno pedalava. Stava ancora ‘ngobbito su la bici, tenendo le mani ben salde sur manubrio, i piedi sui pedali. Sembrava pronto a scattà de novo. La morte j’aveva portato via la capoccia e l’aveva sposato in un abbraccio finale cor mezzo con cui aveva tentato disperatamente de attaccasse alla vita. La madre de Orlando lo sartò pe’ potè passà e quando je fu vicino s’accorse che ancora se moveva. Nun voleva morì, quello sembrava proprio che nun voleva lascià ‘sta vita. De sicuro, se fosse stato possibile, avrebbe fatto a meno puro de la capoccia pur de mettese ‘n sarvo.

Invece era tutto un blocco. Pareva un monumento a cui avevano staccato a martellate la capoccia e poi sempre pe’ sfregio l’avevano buttato a tera rovesciadolo su un lato. Ma che monumento poteva esse’? Ar ciclista senza testa o a uno dei tanti pori Cristi senza nome e senza memoria che so’ morti “sotto er fuoco amico” a causa dei danni collaterali prodotti dai “liberatori”? Nun lo so, so soltanto che quanno passo de là colla macchina nun posso fa’ a meno de pensà a quer poraccio e de sta’ attento a dove metto le rote quanno impegno l’incrocio.

Ogni vorta poi ringrazio la sora Silvana, la mamma de Orlando, che volle da’ memoria a quell’omo riccontando la storia ai figli sua un’infinità de vorte. Lei, quanno quer giorno arrivò a casa nun disse gnente a nisuno, je bastò de trovà sani e soprattutto vivi tutti i fiji, erano quattro. Nun disse nulla e nun lo fece pe’ anni, poi quanno finarmente capì che pe’ liberasse doveva buttallo fori ‘sto ricordo, cominciò a riccontà la storia e nun smise mai fino ar giorno de la morte.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: