ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 26 marzo 2018
ultima lettura mercoledì 25 novembre 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Delirio

di jackpeenses. Letto 436 volte. Dallo scaffale Pensieri

    Un Moto indefinito d’eventi mi ha portato dove sono adesso, capire il perché non è facile, quale significato ha il cammino intrapreso non è dato saperlo. Certo se guardo indietro, cosa che si sconsiglia vivam...

Un Moto indefinito d’eventi mi ha portato dove sono adesso, capire il perché non è facile, quale significato ha il cammino intrapreso non è dato saperlo.

Certo se guardo indietro, cosa che si sconsiglia vivamente di fare, vedo tutte le tappe di questo magnifico cammino e non so se essere fiero, adirato, mortificato, triste o contento.

Forse tutte insieme le emozioni non si riescono a distinguere, di certo tante colpe sono le mie, tante di altri e ancora altre guidate da una mano prodigiosa.

Cosa dire se il tuo destino si compie salendo su un autobus, quando ero ancora un fanciullo?

Immaginare un moto degli eventi così bizzarro non si poteva!

Lottare contro il destino non è facile, arrivare a percepirlo e poi sfumare il tutto in un battito d’ali è insopportabile.

Il risultato di tutte le lotte, di feste, di lutti……, passati ha dato quello che ora sono divenuto: un evaso, un fi9nto eroe, un cavaliere, un dio da marciapiede, un idealista utopico, un codardo, un fuggiasco, un’anima gentile, un cantastorie, un samurai, un combattente, un iracondo, un pazzo; Pressoché tutto e niente.

Cadere non è un male!

Rimanere a terra è la sconfitta!

Rialzarsi sempre è la battaglia!

Alla fine

Sei sempre il forte e condannato, l’evaso e il re che devi essere.



Commenti

pubblicato il lunedì 26 marzo 2018
Calamaro, ha scritto: Cos'è un dio da marciapiede
pubblicato il martedì 27 marzo 2018
jackpeenses, ha scritto: 1 DÈI DA MARCIAPIEDE Un tempo, prima di cominciare il viaggio, giocavo con le sorprese, il fresco miracolo di chi ha gli occhi di un bambino, andavo per paesi stranieri con un sacco vuoto, mi promisi di riempirlo, di qualcosa che mi sarebbe servito in futuro; qualcosa che ancora non comprendevo. Cominciarono le stagioni, i giorni divini, e le follie di chi era un terreno fertile per i pensieri altrui. Non mi aspettavo un risultato così: una condanna, il viaggio non si è concluso come era decantato, la magia dei poeti, i libri e le strade vuote. Grandi del passato prendevo in esempio, senza però averne capito veramente il significato delle loro parole. Così nacquero il Jack e la sua storia infinita. Si narra di un uomo, con gli occhi di un bambino, divenuto un evaso, un falso poeta, un narratore, un profeta dei pensieri altrui, un dio da marciapiede, rinchiuso in quel posteggio; dove si accampano aspettando i nuovi arrivati, domandando loro se qualcosa sia cambiato. Uomini di tutte le generazioni sono lì presenti, guardano la storia, la scienza, le religioni, fare il loro corso, arresi si sono, alla battaglia finale, e continuano a perdere ogni volta che un nuovo dio arriva, in questo posteggio infinito. La condanna che hanno ricevuto è uguale alla mia: la conoscenza dell'umanità, i loro pensieri scorrono, come dei film, nella nostra mente, impotenti siamo sull'andamento delle storie, anche sapendo la conclusione di ognuna di loro. Ho cominciato non sapendo il perché e ho finito non capendo il perché: due perché differenti; due domande rimaste senza risposta, forse è vero che gli avvenimenti accadono senza un perché, accadono e basta, bisognerebbe accettarla e convivere con questa regola inventata. ....... Ho capito! Cercavo la verità assoluta, la conoscenza suprema e il chiaro momento d'assoluta comprensione. Tra libri antichi, versi impazziti e viali di mattoni d'orati vagavo; scoprii che il sesso dava più emozioni, abbandonai il gioco perverso di un Dio inventato, nessun amore, nessun odio, solo il mio rammarico per non avere appreso la verità prima. Mi trasformai, diversi erano i personaggi interpretati, da ognuno di loro appresi le verità parziali, insegnamenti di saggi in un mondo fatto a loro misura. Giorni dove le utopie erano possibili, feste d'anime inquiete. Non c'era una verità assoluta, solo sfumature di pensieri, che volano in un'aria convulsa, di menti vuote pronti ad accogliere solo le più banali. Mi guardai intorno, cercai il mio posto, correvo lungo distese desertiche con un fiore in mano, un sogno, un incubo, in quelle notti passate all'aperto; in bei posti con cattive compagnie. Una stagione all'inferno e una in un paradiso perduto, appresi la visione d'insieme, persi la magia dei poeti per l'infinito gioco delle parti........ La testa mi scoppiava, pieno d'idee e pensieri cercai la soluzione al mio problema; cominciai a comunicare ai passanti, agli autostoppisti i miei pensieri, cercai d'indicare una mia via. Alla fine mi trasformai: da un viaggiatore ad un dio da marciapiede. Pochi gli uomini che ascoltavano il folle vaneggiare; mi ritrovai come gli dei che avevo incontrato lungo il mio viaggio. Cominciai a scriverli questi strani pensieri, così da "torturare" le menti di un futuro prossimo; o forse per avere la falsa gioia, di essere capito almeno in un futuro. Nessuno di noi cammina, viaggia o corre da solo, l'insieme di diversi personaggi forma la trama di quest'opera teatrale che è la vita. Se si è però uno di noi, la trama e la parola fine è già conosciuta; un film che non è stato visto ma che si conosce già, come se fosse nato con noi, quel giorno del primo pianto, provocato per aiutarci ad entrare in questo folle mondo. .............. 2 Mi parlavano di un'illuminazione, un tempio dove le colonne prendono vita, città che piangevano dei, caduti da un monte inesistente. Viaggiando mi sono ritrovato in un mondo d'evasi; uomini che hanno deciso la reclusione, un alienamento dal resto dell'umanità. Rinchiusi nelle loro tane aspettano che le storie viste ripassino nuovamente davanti ai loro occhi stanchi. Seduti nelle loro poltrone scomode, fumano pipe, masticano lettere e poeti estinti. Anziani e giovani passano in questi luoghi; tappe di un viaggio non definito, luoghi di verità, di personali visioni che indicano vie da seguire. Gli stanchi viaggiatori erano quelli che vagavano nel passato delle loro esperienze, per migliorare il futuro: evitare gli errori e conclusioni di storie "sbagliate". Forse stanchi di non essere compresi o vinti dall'andamento degli eventi, si rifugiano, non nel posteggio a loro dedicato, ma in tane isolate dove alcuni viaggiatori "fortunati" si accampano per qualche tempo. Dei da marciapiede che peccano di presunzione, non vogliono unirsi al gruppo di perdenti, rinchiusi in questi posteggi maledetti. Nessuna dottrina, nessun dogma conquista totalmente la loro anima. Come finiscono la loro via? Forse sono più utili di quelli che hanno smesso di combattere, almeno loro sono sempre tra gli uomini. Continuano a vivere tra cattive compagnie, belle dame e paradisi costruiti a loro misura. Sono dei veri e propri Re, un impero, il loro, costituito da evasi, con il bisogno di un luogo dove stare. Tante sono le motivazioni per il popolo degli evasi, pochi sono quelli che diventano Dèi da marciapiede. Il Jack, il Re, sostiene tutto il suo popolo, e qualche volta trasforma evasi in viaggiatori, e futuri Dei da marciapiede, che costruiranno i loro imperi, o finiranno in quel posteggio; dipende dal viaggio che hanno intrapreso, e la forza d'animo dell'uomo divenuto grande.

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: