ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 


Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 26 marzo 2018
ultima lettura domenica 29 novembre 2020

Questo lavoro e' adatto ad un pubblico adulto

La Limonata del Vicino.

di agente11. Letto 1283 volte. Dallo scaffale Eros

Storce la bocca: << Un pochino più alta no? >> Non è tipo da complimenti. << Hai qualcosa di fresco?>> Intanto valuta il contenuto della scollatura.

Guarda, è lì, anche stasera, in quel maledetto orto.

Come tutte le sere.

Torna dal lavoro, cambia i bei vestiti da ufficio e poi esce con stracci da lavoro.

Solo che adesso fa caldo e lui va nell'orto con un paio di succinti pantaloncini e niente altro...

Quando si china risalgono la coscia fino all'inguine, scendono sulla schiena fino a scoprire l'inizio del solco...mmm che pensieri scabrosi mi vengono ,ma perche....


E' alto, sono invidiosa: dieci centimetri in meno a lui...dieci in più a me...sarebbe democrazia.
Me lo mangio con gli occhi mentre annaffia, piantato su quelle chilometriche gambe, il largo torace.

Lo desidero, lo voglio.

Cazzo ,ma che vado a pensare.

Sono più grande di lui...

Perché devo volerlo!!!!cosa ha fatto per stregarmi.

Ma non resisto.

Punto gli occhi sulla sua schiena, se fosse un laser avrei fatto un buco...
Si gira, alza gli occhi verdi, mi vede.

Mi osserva, tranquillo, sembra valutarmi.

Chiude l'acqua e con la massima facilità scavalca la recinzione di legno che separa le nostre villette a schiera,sembra la pubblicità dell'olio Cuore.

E' lì, nel mio giardino, con solo un paio di ciabatte di gomma e i calzoncini sdruciti: lo guardo incantata,sbircio inevitabilmente il suo torace, i suoi calzoncini.

Ci deve essere finito un ramo li dentro...

Non lo dò a vedere e mi ridesto.

Il suo corpo sudato sembra ricoperto di brina,il suo odore è... di uomo.

Dio!!!Ma che sto facendo....

<< Mi apri o devo arrampicarmi sul poggiolo? >>
<< Io...io non la conosco! >>
<< Sarà, ma mi stavi divorando con gli occhi, sono giorni che lo fai...apri, altrimenti salgo io.>>

Scendo le scale, il cuore scoppia, non respiro.

Apro cautamente. Guardo in su, mi sovrasta.

Storce la bocca: << Un pochino più alta no? >>
Non è tipo da complimenti.
<< Hai qualcosa di fresco?>> Intanto valuta il contenuto della scollatura.

La mia terza di seno non passa inosservata.
<< Limonata...>> Balbetto arrossendo.
<< Ghiaccio?>> E valuta anche il mio sedere.
Sono in autocombustione,sto prendendo fuoco e questo mi piace,mi fa eccitare e impazzire...non so cosa sia peggio per me.

Allora ?Vuoi ghiaccio?
<< Si...Grazie, ci vuole, ho sete...>>
Come un automa vado in cucina, lui mi segue: è come camminare con un coguaro alle spalle.

Verso la limonata in grandi bicchieri, poi metto il ghiaccio, di più nel suo.
Ne beve subito un lungo sorso, continuando a fissarmi.
Allunga lentamente la sua mano verso di me e un lungo dito arpiona la scollatura, tirandomi verso di lui, infilandolo nel reggiseno a balconcino.

Con maestria fa uscire un seno,

Lo guarda: << Pochino, ma sodo, vediamo il capezzolo... >>

Sono impietrita,non riesco a muovermi ,ma speravo in un suo approccio.
Tira fuori dal bicchiere un cubetto di ghiaccio e lo gira lentamente attorno al capezzolo che indurisce all'istante; rabbrividisco.

Appoggia ambedue i nostri bicchieri sul tavolo e senza dire una parola ci mette anche me.

Mi solleva come un fuscello,la sua presa è forte e sicura.

<< Così va meglio, ci arrivo senza dovermi piegare...>> E si incolla al capezzolo, succhiando avidamente.

Ha le labbra gelide. Mi manda in estasi.

Un brivido mi percorre la schiena.

Con un veloce movimento fa uscire anche l'altro, con le dita lo strizza come un limone, poi lo risucchia nella sua bocca.
<< Sotto? Come sei messa sotto? Depilata, spero! Non mi va di mangiare pelo!>>
Non serve che gli risponda: ha già alzato la gonna del prendisole, scostato lateralmente lo slip e guardato dentro discostando e aprendo quei miei petali ricoperti di rugiada.

Non è un ginecologo,ma mi ispeziona come se lo fosse.
<< Ottimo, niente pelo, non c'è male, hai le cosciotte, ma sono belle sode: adesso allargale, ci devo stare io.>>
Sto sognando? E' la mia fantasia? Pochi minuti fa lo stavo solo desiderando ed ora mi comanda a bacchetta e vuole...ODDIO!

Mi ha stesa sulla tavola, allargato le cosce, scostato lo slip e la sua bocca avida si è incollata alla mia fica come una sanguisuga.
Accidenti ha i baffi, pizzicano, ma è divino.

La lingua ha trovato il clitoride, impazzisco...potrei...venire...anche...subito...
<< E no bambolina! Adesso tocca a me! >>
Mi tira su dal tavolo, abbassa la mia testa e mi trovo a tu per tu con il contenuto dei suoi calzoncini: accidenti, è proporzionato al resto del corpo...
<< Brava... così... succhia... più forte, lascia stare le mani...oh sì...>>

Sei fantastica,piccola ma fantastica,un concentrato di emozioni.
Sono di nuovo sdraiata sul tavolo, la bocca ancora aperta, ho bisogno di riprendere aria.

Il suo arnese è grosso e pulsa sangue nelle sue vene come fossero ruscelli.

Ora afferra le mie caviglie ,le porta sulle spalle di lui, mi struscia il suo coso sulle labbra fradice di umori misto a saliva....i miei occhi sono sbarrati e terrorizzati...

HOOOO SSSIII!!! mi sta penetrando, deciso, duro acciaio, le mani sui miei fianchi, per affondare meglio.

Il suo corpo statuario che aderisce al mio, ribatto ogni suo colpo e le mie piccole mani lo attanagliano forte senza mollare la presa...proprio nel momento in cui...
L'orgasmo arriva come un treno in corsa, io urlo come una pazza, lui rantola parole incomprensibili e mentre un fiume in piena si riversa nelle mie viscere,mi abbraccia e poi si accascia su di me.

Siamo sfiniti.

Breve amplesso,ma intenso ,senza fiato,senza parole...
Lui si ritrae lentamente, si aggiusta, mi tira giù dal tavolo.

Io barcollo, terremotata,sconquassata nel fisico e nell'animo.
<< La limonata era buona, se mi inviti anche domani sera, verrò volentieri...>>



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: