ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato domenica 25 marzo 2018
ultima lettura lunedì 22 aprile 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Annie e la pallavolo (parte 5)

di MagicAlice. Letto 255 volte. Dallo scaffale Amicizia

Dopo aver mangiato la sua confezione di pasta avanzata e riscaldatanti nel microonde, Annie si sdraio sul divano a gambe incrocitate, guardando e sfogliando le pagine dei nuovi libri che aveva comprato per il nuovo anno scolastico. Non erano veramente .....

Dopo aver mangiato la sua confezione di pasta avanzata e riscaldatanti nel microonde, Annie si sdraio sul divano a gambe incrocitate, guardando e sfogliando le pagine dei nuovi libri che aveva comprato per il nuovo anno scolastico.

Non erano veramente comprati, erano di seconda mano, sua madre non voleva comprarle i libri nuovi per il motivo del prezzo, e poi Annie li avrebbe dovuti usare solo per un anno.

Era stupefacente vedere come le sue dita girassero le pagine di carta giallino con tale velocità.

Non guardava neanche ciò che era stampato con inchiostro nero a carattrista piccolissimi, lei stava pensando a Jack.

In qualche misterioso modo quel ragazzo le aveva provocato una sensazione strana, mai provata prima.

Le venne improvvisamente un forte mal di testa e non riusciva ad allontanare i pensieri da quel ragazzo.

Per qualche decinazionale di minuti restò immobile a pensare a ciò che aveva detto per rifiutare il suo invito.

Forse non doveva direligione di no.

Forse doveva accettare e andare a casa sua e magari si sarebbe pure divertitanto.

Probabilmente aveva fatto bene a rifiutare l' invito di un mezzo sconosciuto.

Comunque era abbastanza inutile continuare a pensare a fatti già successi, tanto non puoi più farci niente.

Fatto sta che, con tutti queste idee stravaganti che le sono passate per la mene, A niente si era addormentata sul divano con il dito appoggiato sulle pagine del libro di matematica, pronto a sfogliare ancora.

Forse è stata la noia della matematica che ha fatto addormentrare la ragazza.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: