ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato sabato 24 marzo 2018
ultima lettura giovedì 16 maggio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Recensioni di LP del passato recente e non

di Zentropa. Letto 229 volte. Dallo scaffale Musica

Christian Death  LP : " Ashes " 1985 : Questo LP per me rimane il capolavoro dei C.D. terrificante e geniale ., partiamo dalla casa discografica Invitation au suicide tutto un programma , la copertina che sembra sia  il manifesto de...

Christian Death LP : " Ashes " 1985 : Questo LP per me rimane il capolavoro dei C.D. terrificante e geniale ., partiamo dalla casa discografica Invitation au suicide tutto un programma , la copertina che sembra sia il manifesto della paura sia un film di Dario Argento., anche il sound di questo gruppo sembra una possibile colonna sonora di un film " de paura " di Dario Argento ., provate ad ascoltarlo di notte da soli in una casa abbandonata col volume a palla ! Gia' le prime note del triste pianoforte annunciano cosa sara' questo disco . , per poi continuare con " When i was bed " punk e dark ., " Lament " a seguire con tanto di marcetta tedesca stile Bertolt Brecht e poi " Face " e " Luxury of tears " con questi urli e vocalizzi che pervadono tutto l' album ., l' apertura dell' album si chiama " Ashes " ed infine arriviamo a " Off the wound " quasi insostenibile con quel terrificante pianto di neonato direi feroce .....quasi , il pianoforte maltrattato ed i vocalizzi urlati ed il recitato sublime terrorificante . una possibile perche' no colonna sonora per un racconto di Edgar Allan Poe ., ma anche Lovecraft ......quando usci' questo album ., si mormorava nell' ambiente del profondo dark che " Off the wound " se non tutto l' album fosse stato registrato durante una messa nera ., non che gli altri album dei Christian Death siano da meno , ma questo state sicuri li batte tutti ., se poi avete visto un loro concerto no direi evento non li scorderete facilmente . Io li vidi in un novembre fortemente nebbioso a Torino ., con un loro ritardo suonarono alle 23.30 fino all' una questo album ., quando uscii e dovetti attraversare diversi isolati a piedi perche' i mezzi pubblici dopo una certa ora non funzionavano . , mi sentivo inseguito dai loro suoni e urla e passando vicino ad un cimitero mi venne da pensare che se avessi incontrato Nina Hagen ci sarei rimasto secco ! ...." E ' fu cosi' che il nostro ci abbandono' in questo freddo e umido novembrino per avviarsi verso i cancelli del non ritorno senza mai voltar volto e la sua immagine inghiottita fu dalla profonda e nebbiosa notte ..."


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: