ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato mercoledì 21 marzo 2018
ultima lettura sabato 2 febbraio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Forza d'animo

di Edmea. Letto 184 volte. Dallo scaffale Pensieri

Il Cagliari deve darsi una mossa, perché la partita in trasferta contro il Benevento ha il sapore della salvezza e della permanenza in serie A. Non è messo bene in classifica il Cagliari, a soli due punti dal terzultimo. Aver perso i tr...

Il Cagliari deve darsi una mossa, perché la partita in trasferta contro il Benevento ha il sapore della salvezza e della permanenza in serie A. Non è messo bene in classifica il Cagliari, a soli due punti dal terzultimo. Aver perso i tre punti nella partita contro la Lazio è stato un danno significativo. La Spal ha pareggiato contro la Juventus, che è riuscita a sorpassare il Napoli. In tutti questi giochi, la squadra di Lopez arranca e perde terreno. Il Benevento, con i suoi miseri dieci punti, sta conducendo la partita. Nel secondo tempo passa in vantaggio davanti a un Cagliari trasognato e a un Cragno impotente. Si. Ha lasciato un ottimo ricordo a Benevento il nostro portiere, ma questa domenica vorremmo essere ancora una volta orgogliosi di lui. Invece subiamo e procediamo a fatica. Ha voglia Lopez di dire che si deve prendere in mano la partita. Che diamine. Dice sempre così. Potrebbe osservare qualcuno. Per giunta, siamo reduci dal ciclone Joao Pedro. Lo sappiamo no? che il calciatore brasiliano è risultato positivo ai controlli antidoping. Un integratore consigliato da un medico brasiliano. Si è giustificato, con il presidente Giulini a fianco, che non vuole credere alla malafede del ragazzo. Dove sta la verità? Ma di certo anche questa tegola non può che contribuire alla crisi di identità dei rossoblu. Cosa c' è di sbagliato nel Cagliari? Perché quando le altre squadre risorgono, la nostra invece regredisce? Hai voglia di pensare a uno stadio avveniristico, se poi si rischia la serie B. Mai sottovalutare l'avversario, ma perdere contro il Benevento è proprio il colmo. È come se la rosa fosse svuotata del tutto. Intanto, Lopez manda in campo Marco Sau al posto di Ionita. Un penny per conoscere cosa può frullare nella testa di un allenatore, quando il precipizio si avvicina. Si percepisce un guizzo di energia nel Cagliari, ma i minuti passano e buona parte della partita l'ha condotta il Benevento. Eppure, sembra che i rossoblu si stiano rianimando. Sarebbe ora, ma come mai a tratti si proceda come ciechi senza una guida, rimane sempre un mistero. Che il Cagliari non meriti la retrocessione è indubbio, ma come si dice a scuola, non rende. Perché? Nessuna risposta. Ma come. Se vuoi le risposte, devi anche porti le domande. Silenzio assoluto. I minuti continuano a passare. Il Cagliari gioca tutti i cambi consentiti, per tentare il tutto per tutto. Intanto, il Benevento rischia di raddoppiare. È la giornata dei padroni di casa, mentre sta calando il buio in casa rossoblu. Che capiti il colpo di tacco di domenica scorsa, che ha consegnato il pareggio alla Lazio, scippando la vittoria ai rossoblu? Nei miracoli bisogna crederci però, mentre il Benevento sta incalzando.

Vuoi per la tensione o per chissà che, qualche giocatore del Benevento è colpito da crampi. Si stanno spendendo ad oltranza i padroni di casa, ma è vero che il Cagliari non li sta impensierendo granchè. A due minuti dalla fine Pavoletti mette a segno il gol del pareggio. Non sarà il colpo di tacco di Immobile, ma almeno stabilisce un po’ di giustizia e ci allontaniamo dal baratro. Viene quasi da sorridere che il Cagliari si ridesti a pochi minuti dalla fine. Il finale di partita è un po’ movimentato. I giocatori del Cagliari attorno all'arbitro, che si dirige verso la Var. Fallo nettissimo contro il Cagliari e dopo qualche minuto l'arbitro fischia il calcio di rigore. Barella ribalta la partita. 1 a 2. Mio Dio. Che succede. Ce l'abbiamo fatta? Vittorio Sanna si accalora. Ultimo tentativo del Benevento, bloccato da Cragno. La forza d'animo e non il buon gioco ha regalato i tre punti al Cagliari.



Commenti

pubblicato il mercoledì 21 marzo 2018
Bruni, ha scritto: Ben descritti i pensieri di tifoso. Solo che la forza d'animo ce la mette anche il Benevento, ma con meno fortuna. Forza Cagliari.
pubblicato il giovedì 22 marzo 2018
Edmea, ha scritto: Sono pienamente d'accordo. La partita di domenica è stata abbastanza bugiarda, ma il Cagliari ha perso punti in lungo e in largo, anche per colpa sua, ovviamente, ma un po' di fortuna, accompagnata dalla forza d'animo non guasta. Certo, possiamo dire che la classifica non sia proprio veritiera. Chi retrocede non è che lo meriti, ma il calcio, come la vita, a volte è ingiusto

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: