ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato domenica 18 marzo 2018
ultima lettura lunedì 6 aprile 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

J CAP 10

di samuele89. Letto 337 volte. Dallo scaffale Generico

                                          ...


CAP 10
<< Che cosa hai fatto ?! >> esclamò Gaggy.
<< Beh , l'ho ucciso , no è evidente ? >> chiese Joker.
<< Perchè l'hai fatto ? >> .
<< Scusami tanto , pensavi forse che saremmo andati tutti e tre insieme a fare un pic - nic ? >> domandò retorivamente.
<< Io non ti riconosco più , sei diventato completamente pazzo ! >> esclamò ancora turbato per ciò che era appena accaduto.
<< Credi che io sia pazzo ? >> chiese << secondo te le persone che si sveglianò ogni mattina per andare al lavoro per farsi trattare come degli schiavi , quando altri ottengono ciò che vogliono senza muovere un dito , non è da pazzi ? e quelle persone che fanno di tutto pur di aver cinque minuti di fama effimera , non sono pazzi ? e invece quelli che cercano di salvare le persone nel terzo mondo , rischiando di prendere qualche malattia mortale , solo per salvare qualche insignificante vita , che di sicuro non combinerà mai nulla di buono , no è da pazzi ? >>.
Gaggy rimase in silenziom ad ascoltarlo.
<< Te l'ho dico io cosa è da pazzi , non fare ciò che si vuole , quando si vuole , per paura delle conseguenze >>.
<< Comunque questo non ti autorizza ad uccidere chi ti pare >> ribattè.
<< Quando prima vendevamo armi a quella banda di criminali , secondo te che cosa ne facevano ? >> domandò << eravamo degli assassin anche allora , solo che non sporcandoci le mani , ci sentivamo la coscienza apposto >>.
<< Ma..>>
<< Niente ma ! >> disse interrompendolo << grazie per la tua collaborazione Gaggy , quando sarai disposto a lasciar perdere questo insensato mondo e vorrai unirti a me , sarai il benvenuto . Ci vediamo >>.
Joker andò via lasciando Gaggy da solo , con mille dubbi e domande . E se ciò che aveva detto fosse giusto e se forse tutto quello che aveva aspirato fino adesso fosse soltanto una pazzia . Gaggy non rimase lì ancora per molto , anche per paura potesse arrivare qualcuno.Passarono alcuni giorni e del Joker non se ne ebbe più notizia , Gaggy era preoccupato , su cosa potesse combinare , pensava che sarebbe stato meglio avvisare gli altri , ma qualcosa dentro di lui glielo impediva e così lasciò perdere.
<< Ehi Erik dove vai così sbronzo >> domandò Ross.
<< Che domande vado a casa >> rispose barcollando.
<< E intendi andarci in macchina ? >>.
<< Sono ubriaco mica stupido ! >> rispose << andrò a piedi e domani verrò a prendere l'auto >>.
Erik uscì dal locale e si diresse verso l'auto per poi entrarvi.
<< Dove diavolo sono le chiavi ? >> si domandava << mentre le stava cercando >>.
<< Stai forse cercando queste ? >> chiese Joker mostrandogli le chiavi che gli erano cadute sul tappetino .
<< E tu chi cazzo sei ? >> .
Joker diede un forte colpo sulla testa di Erik e lo fece svenire . Poco dopo si svegliò eancora barcollante , non gli era ancora chiaro cosa gli fosse successo , pensava che si era immaginato tutto per via dell'alcool , ma ben presto si accorse che non era così . Si accorese di assere ammanettato ad un tubo e di ritrovarsi nel vecchio stabile , dove prima si radunava assieme agli altri.
<< Ben svegliato ! hai fatto sogni d'oro ? >> chiese Joker << anchee se non ho mai capito perchè si dica così , come se fare sogni di diamante o di rubino avesse meno valore >>.
<< Ma che sta succedendo ? tu chi sei ? >> domandò ancora confuso.
<< Non ti ricordi di me ? >> chiese Joker.
<< Direi proprio di no e poi che hai fatto alla faccia , guarda che halloween è fra qualche mese >>.
<< Fai dello spirito è una cosa buona , soprattutto quando si sta per morire . Dice che allentì la tensione >>.
<< Io neanche ti conosco ! perchè vuoi uccidermi ? >> chiese mentre stava cercando di liberarsi dalle manette.
<< Sono io Jack ! >> rispose.
<< Jack ! ma non è possibile ! >> esclamò stupito << cosa ti è successo ? >>.
<< Diciamo solo , che ho avuto una brutta giornata >>.
<< Seenti mi dispiace per quello che ti è successo , ma non è colpa mia , Falcone ci ha tradito entrambi , era un suo piano per aquistare l'azienda >> spiegò.
<< Quindi immagino che non sia colpa tua , neanche la morte di mia mogli e di mio figlio , giusto ? >>.
<< Si è proprio così , io non c'entro nulla con tutto questo >> rispose << Falcone ci aveva minacciato , se avessi spifferato tutto alla polizia >>.
<< Vedi Erik , se scoprò che mi stai entendo ti farò fare la loro fine >>.
<< Di chi stai parlando , la fine di chi ? >> domandò.
Joker andò verso il telo che era appoggiato per terra , lo sollevò e non appena lo fece scoprì i corpi senza vita di John e Matt . Erik notò subito che nei loro volti , era come stampato un ghigno.
<< Che cosa gli hai fatto ?! e perchè hanno quel sorriso ebete nei loro volti ? >>.
<< A quello , no è niente >> rispose << ho sembre creduto che il miglior modo di andarsene , fosse con un bel sorriso ! >> disse sorridendo.
<< Ti prego non uccidermi , ti ho detto la verità ! >> disse mentr stava cercando in utti i modi di liberarsi.
Joker si avvicinò a lui con il sorriso stampato sul volto .
<< Chiamami pure PAZZO ma voglio crederti >> disse.
<< Dici davvero ? >>.
<< Si ! facciamo così , una stretta di mano e amicii come prima >>.
<< Una stretta di mano e finisce qui ? >> chiese dubbioso.
<< Te l'ho prometto , una stretta di mano e finisce qui >> disse porgendogli la mano.
Erik ancora incerto , gli porse la mano e la strinse .
<< Ahi ! mi hai punto ! >> esclamò Erik.
<< scusami sono questi guanti >>.
Joker liberò Erik dalle manette e senza pensarci due volte quest'ultimo , si alzo di scatto e provò a scappare via . Ma non fece molta strada , improvvisamente , il suo corpo si immobilizzò e dei forti spasmi lo colpirono .
<< Che mi sta succedendo ? >> chiese a fatica.
<< Nulla di chè >> rispose << ti ho semplicemente iniettato un composto , che ti sta lentamente uccidendo , ma non preoccuparti , proprio come gli altri te ne andrai via con un sorriso smagliante >>.
Erik no riuscì a dire altro e poco dopo morì , anche lui con il sorriso stampato sul suo volto.
<< E anche questa è fatta ! >> disse << è il momento del gran finale >>.
<< AH AH AH >>




Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: