ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 


Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 29 gennaio 2018
ultima lettura domenica 13 ottobre 2019

Questo lavoro e' adatto ad un pubblico adulto

Il "Cesto" dei panni sporchi

di agente11. Letto 795 volte. Dallo scaffale Eros

Per le femminucce strusciarsi alacremente il loro sesso…la loro fichetta con gli slip trovati nel cesto…sedute tranquillamente sul water o il bidet,mentre con l’altra mano si strapazzano un capezzolo mentre se ne vengono in un orgasmo silenzioso,e veloce

E’ da tanto che mi balena in mente una curiosità,e chiedere la vostra opinione.

Chissà quante volte sarà capitato anche a voi sia donne che maschietti di essere attratti da quel fatidico cesto dei panni sporchi.

Ma non perche soffriamo di qualche forma di malattia grave,ma solo perche attratti da odori e profumi di sessualità di cui sono intrisi gli indumenti femminili o maschili riposti in quei cesti.

E sì,perche tale vizietto non è solo prerogativa maschile,ma a dispetto delle stime,soprattutto femminile.

Prendiamo ad esempio gli operai che si trovano a svolgere degli interventi strutturali di qualsiasi tipo o entità in casa di persone sconosciute,chiedere di espletare un nostro bisogno fisiologico,chiedendo appunto di poter usare il bagno di casa.

Oppure i fidanzatini alle prime armi che si recano a casa delle proprie ragazze o viceversa,sappiamo che in quelle case ci sono cognate,suocere,fratelli e sorelle….

Oppure proprio in casa nostra con gli indumenti di nostra sorella o madre.

Immancabilmente siamo attratti da quel cesto,specie se la componente di casa e femminile,indulgiamo pochissimo sul da farsi,lo guardiamo da lontano in quei pochi attimi che abbiamo a disposizione,ci lasciamo tentare,lo faccio o non lo faccio.

In silenzio lo apriamo e rapidamente sbirciamo con gli occhi alla ricerca di indumenti intimi femminili ,come reggiseni ,mutandine,slip,o anche un semplice perizoma,con il suo filo interdentale,poi piccole canottiere,per non parlare di calze a rete o addirittura calzini..

Alzi la mano a chi non è mai capitato di afferrare un paio di mutandine e iniziare a sentirne l’odore ,acre ,forte,intenso,lasciandoci cullare dal desiderio di quella persona,fantasticando alla grande su eventuali occasioni o posizioni…mmmmm .

Nel peggior delle ipotesi denudarci ,tirar fuori il nostro membro già duro e lucido,avvolgerci lo slip intorno e lasciarci andare con un movimento della mano in un andirivieni di sensazioni ed emozioni, masturbarci con tale indumenti,per noi maschietti spesso e volentieri sborrando anche su tali indumenti…il tutto mentre ci tremano le gambe o siamo poggiati con la schiena al muro.

Per le femminucce strusciarsi alacremente il loro sesso…la loro fichetta con gli slip trovati nel cesto…sedute tranquillamente sul water o il bidet,mentre con l’altra mano si strapazzano un capezzolo mentre se ne vengono in un orgasmo silenzioso,e veloce strozzato dentro di voi.

Non ve ne abbiate a male,accade spesso ve lo posso garantire ,anche a diversi lettori e lettrici di questo strano sito dove tutti noi pubblichiamo.

Sarebbe bello e sicuramente interessante sapere se anche voi avete mai avuto esperienze del genere,chiaramente coperti dal vostro anonimato.

Non la considererei una malattia,ma più che altro un innato senso di spregiudicatezza e attrazione sessuale.

D'altronde c’è chi ama leccare i piedi e goderne gli istanti,chi si lascia legare e seviziare impotentemente senza muovere un solo dito,per non parlare di chi si lascia infilzare dagli oggetti più strani e assurdi.

Godere..pochi istanti ma preziosi…intensi,ma soprattutto nostri;cosa non saremmo disposti a fare…



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: