ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato domenica 14 gennaio 2018
ultima lettura mercoledì 2 ottobre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

SI FOSSE NA' SERPE

di DOMENICO DE FERRARO. Letto 212 volte. Dallo scaffale Poesia

REFRAIN SECONDOSI FOSSE NA’ SERPESi fosse stato  nà  serpe velenosa  avesse accise mille gente, avesse strisciato dentro  stù suonno,  coppe a una nuvola avesse vulato , avesse parlato con Gesù, .....

REFRAIN SECONDO
SI FOSSE NA’ SERPE

Si fosse stato nà serpe velenosa avesse accise mille gente, avesse strisciato dentro stù suonno, coppe a una nuvola avesse vulato , avesse parlato con Gesù, ma sò scarrafone, sono un insetto, un inetto, un scarafaggio che cammina dentro le fogne, sopra le foglie morte . E chiagne senza perché , me facce russo chiù russo e nun saccio chiù chi sono, quanto tiempo tengo a vivere, tengo ò core malato di un male antico che me roseche ò melone , che mi tuzzelea lo core di notte.

Quanto tiempo mi rimane , quanta voce tengo chiuso in chisto corpo stracco , scartellato, scurtecate che corre ancora che scrive strunzate sù vecchi quaderni , miezzo a stù paese tra vecchi e maluocchie , pare nù bello ricordo , pare ieri e nun saccio chiù , chi sono . Quanto me resta ancora a vivere , quando canto stù sunetto .

Sciosce ò viento se porta via tutte i miei pensieri , se porta via lacrime, parole, pizzeche e speranze sotto a luna , sotto ò lampione che me pare nù palo e sapone, me pare nà corda d’una vecchia chitarra che sona , sona e te fà scordà tutto ò male che te porto appriesse , che te stregne n’ganne e nun me fà respirare . Domani , ma che me ne fotte , se ò viento è passato, sé si porta via il bene ò male , sé si porta via sti versi che me bagnano lo viso , nun conosco scuorno scrivo, vivo ,improvviso dentro stà miseria rassignate , cerco miezzo ò grano la serpe che striscia e continuo a sentire sonare stà chitarra scurdata che fà crescere tante speranza , parole che corrono contro il male d’un tempo antico.

Vorria ricominciare tutto da capo , ire ‘annanze a’ rete. Stricchi e stracche , tricche , tracche , attaccate a chesta morte, suonno e nù creature che chiagne tra le braccia della madre e fino all’ultimo s’aspetta a sciorta. Poi passa il chierico si versa nù soldo per un opera pia , si versa un assegno nella lagna generale , un altra volta stamme tutti in chiesa a chiagnere li debiti di gioco . Stamme stretti , l’uno all’altra, legati a chesta sciorta e tu mi chiami a telefono ed io mi perdo dentro un sentimento , forse esco fore dallo seminato, esco da una storia , disgraziato e sulitario .


Lo scarrafone è cresciuto, se fatto grussiciello , saglie , scenne a coppa la casa di nà bella figliola, scenne , saglie tra vase e passioni , tra ricordi , peccati, maledizioni impastato di suonno d’un tempo rivoluzionario , pazzia, piglia forma e tutto passa , meraviglia che arravoglie le parole ad una ad una, dentro l’addore dè maccarone, dentro a chesta canzona che cresce senza nome, senza panza, senza core , se trascina per strade incurante di tutti e d’ogni cosa, dispensa saggezze , rassegnate nello destino suo. Tradito da mille amanti , la bellezza si lascia andare tra le braccia di una conoscenza che nun conosce pietà , dalle scelle rotte , nello sciato de rose, core con i pili à coppe , fatto di tanta storie , di tanti juorni uguali , così la morte prima o poi arriverà , arriverà lo suo tempo e l’ammore che ha sempre cercato.



Commenti

pubblicato il lunedì 15 gennaio 2018
Okinawa, ha scritto: Troppo bella

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: