ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.533 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 48.910.437 volte e commentati 55.652 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato venerdì 12 gennaio 2018
ultima lettura domenica 7 ottobre 2018

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

NUN Mè SCUCCIA’

di DOMENICO DE FERRARO. Letto 173 volte. Dallo scaffale Poesia

NUN Mè SCUCCIA’  Nun mè scuccià , lungi da me , mi perdo nel senso comune  , mi beo di mondi possibili nel vago soffrire, fugge da  me la colpa  di un tempo  tracchiuso, ciancioso che addiventa n...

NUN Mè SCUCCIA’
Nun mè scuccià , lungi da me , mi perdo nel senso comune , mi beo di mondi possibili nel vago soffrire, fugge da me la colpa di un tempo tracchiuso, ciancioso che addiventa nà strappola , capricciosa che me fa chiagnere che me tocca lo core mi dice : sposami fà appresse.
Me voglio scusà, mè voglio assettà d’into stù core è se me prode stù naso, me mette a sparà, tu mi piglià per matto, nù tengo denare ,nu tengo la cape, mò mi piglio ò pullman.
Si nascesse n’ata vota , vurria essere nù vammariello che s’arrevote nell’onne dello mare, nù chiagnere chiù , non soffrì chiù , nun alluccà d’into a stà recchia , nu me piglià per lo cravettino , puorteme addò sponta lo sole di primma mattina.
Scinne nun mè scuccià , scuordete ò male , nù parla a schiovere miezzo fatte , rassegnate scuparene suonno dentro sti palazzi , miezzo stù presepio , coppe stù fuosso, io zompo.
A morte nun aspetta a nisciuno , suspiere , carezze non tenne la faccia per risponnere , liscia, spiritata , paonazza, s’incazza e cacace ò cazzo che tiene a dicerie ? stracche parole , azzecose , debiti , broglio e lenzuolo.
Me faccio de conoscenza , de versi , di vino , de penziere scustumate, scannate . Sona la tammorra miezzo alla piazza, ballano li scugnizze . Scinnite currite cà ci stà nà farenella, se me passa stà freve , vaco a pede fino a pompei . Addò nasce stà ammore , addò si crede che tutto è lecito , levateva annazze famme vedè , intanto passa ò curteo , quanta gente con a capo lo muorto che chiuso nella bara, nun ride , nun chiagne , forse ricorda ancora a mammà.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: