ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 25 dicembre 2017
ultima lettura domenica 27 settembre 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Stralci pt.1

di Alexandersupershallo. Letto 431 volte. Dallo scaffale Generico

Sono chiuso a chiave nella mia camera da letto. Qua ho tutto quello di cui ho bisogno. Un po' di cibo, un letto e il mio PC. Non mi serve altro. E soprattutto non voglio altro. Di uscire fuori, non se ne parla proprio. Evado giusto per andare al bagno ...

Sono chiuso a chiave nella mia camera da letto. Qua ho tutto quello di cui ho bisogno. Un po' di cibo, un letto e il mio PC. Non mi serve altro. E soprattutto non voglio altro. Di uscire fuori, non se ne parla proprio. Evado giusto per andare al bagno di tanto in tanto. Poi ritorno al sicuro nella mia fortezza. Guardo il calendario. È Natale. Almeno per gli altri. Che mi importa. Mi sdraio sul letto e accendo il computer, con l'idea di cercare un film o una nuova serie da cominciare. Ma la pagina iniziale mi conduce subito a un social. Qualche ora me la perdo così, scorrendo la pagina, senza badare a ciò che mi passa davanti agli occhi. Decido di dedicarmi finalmente alla visione di qualche film avvincente che riesca a appassionarmi. Inizio a sfogliare il catalogo, mentre mi accorgo di quante siano poche le pellicole che non abbia ancora visto. Finalmente trovo qualcosa che sembra possa soddisfarmi. Schiaccio play. Per un'ora e mezza sono fuori dalla mia fortezza. Mi trovo a spasso ora nel grande Texas, ora a New York. Ora sto fuggendo dagli sbirri,su una Ford del '78, a fianco del mio socio. Adesso sono io stesso uno di quei poliziotti che tagliano la strada alla Ford, scendono dal veicolo e arrestano i due criminali. Infine sono il ragazzo che nell'ultima scena decide di appendersi ad un chiodo, per non fare la fine dei soci. Titoli di coda. Vorrei essere ancora una uno di loro, invece torno in me. Cerco di prendere sonno. Mi addormento, rassicurandomi che domani potrò essere chi vorrò. Una corda scende dal tetto della mia fortezza. Servirà a fuggire da essa. Sarò di nuovo uno dei protagonisti di quel film.


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: