ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato sabato 9 dicembre 2017
ultima lettura martedì 23 aprile 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Il sassolino colorato

di mikelesperduto. Letto 307 volte. Dallo scaffale Filosofia

ecco uno dei tanti racconti che ho ascoltato nella mia infanzia io da piccolino non vivevo di cappuccetto rosso,Biancaneve,ecc... ma di racconti inventati spero che vi piacciono anche a voi.

Ciao ti ricordi quando camminavi per strada a raccattare sassolini? Be eccomi qui a colpirti per caso la testa, ma ero verde ma sono lo stesso che avevi lasciato lì per terra quel giorno che ora te lo racconto.
Quel giorno mi avevi raccolto e poi gettato a terra, perché avevi visto due monete luccicanti;le avevi viste e le hai raccolte lasciandomi a terra. Mentre ti allontanavi passò un bambino povero di lì mi prese e mi portò a casa sua, è da lì in poi il mio destino è cambiato. Mi colorò di verde come la speranza e si mise a giocare come se fossi il suo giocattolo più caro ed allora diventai proprio il suo preferito. Ero felicissimo perché nessuno più mi pestava ed avevo un altro colore. Giocavo tanto con lui, mi lanciava per aria e mi cercava di prendere;ma il più delle volte ero a terra facendomi male, ma ero felice per quel bambino perché riuscivo a farlo sorridere, in frattempo pensavo a te con quelle monetine, se sorridevi. Un giorno il bambino aveva proprio esagerato, mi lanciò dalla finestra per la gioia di aver ricevuto un nuovo giocattolo, in quel momento passavi per sotto la finestra di quel bambino ed io ti colpii sulla fronte e poi ricaddi a terra. Ma il bambino ricorse in fretta a riprendermi per una seconda volta e poi si scusò per averti colpito. Mentre il bambino si scusava con te mi guardavi ma non mi riconoscevi. Allora ti allontanasti pensando se ero quel sassolino che avevi lasciato a terra. Infine avevi capito che ero io ma arrivavi troppo tardi perché io con quel bambino ero partito molto lontano per una nuova vita. Tu vidi un biglietto a terra, sotto a quella finestra, lo prendevi e lo aprivi;era il bambino a scriverti con sentimento e come se te l'avessi scritta io, e allora incominciasti a leggerla: "Da quando mi avevi lasciato, il mio destino è cambiato, grazie a quel bambino. Si mise a giocare con me se fossi il suo giocattolo preferito, ed aveva ogni giorno un giocattolo dal più piccolo al più grande fino alla fine portai fortuna a quella famiglia fino a lasciarla andare. Io pensavo se mi tenevi con te son sicuro che trovavi tante altre monetine, ma tu mi lasciassi a terra, ma ricordati infine che non è oro tutto quel che luccica"
autore:la mia Zia Karmen


Commenti

pubblicato il mercoledì 31 gennaio 2018
Donaldan, ha scritto: Perfetto!

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: