ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato giovedì 7 dicembre 2017
ultima lettura giovedì 20 settembre 2018

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

QUANDO IL CUCULO CANTAVA.

di Pietro. Letto 228 volte. Dallo scaffale Pensieri

Senza andare a ritroso nei secoli,molti ricorderanno che nei quieti anni 50 e 60 l'esistenzascorreva tranquilla nell' alternarsi delle stagioni.Furti e rapine erano fatti sporadici,omicidi pressochè inesistenti,lo stupro inimmaginabile,la povert.........

Senza andare a ritroso nei secoli,molti ricorderanno che nei quieti anni 50 e 60 l'esistenza
scorreva tranquilla nell' alternarsi delle stagioni.Furti e rapine erano fatti sporadici,
omicidi pressochè inesistenti,lo stupro inimmaginabile,la povertà dignitosa,sopportabile
le ricchezze contenute,smorzate. La coesione sociale era molto sentita a tutti i livelli.
Un tragico evento era sentito e condiviso in tutto il quartiere lo stesso dicasi per un lieto
evento.Ragazzi e ragazze erano bravi studenti e lavoratori volenterosi.Partiti e politici
erano seguiti ed apprezzati per uomini e contenuti,meritando sulle piazze a zpplausi e
consensi .Nelle afose serate estive,si udiva l'immutabile canto del cuculo,gli anziani dicevano
<<Conta gli anni felici che vi restano da vivere<<Mai credenza popolare fu più veritiera
e lungimirante.Oggi il progresso spietato,invasivo,massificante ha cambiato,alterato la
la nostra vita,rendendoci completamente dipendenti da strumenti tecnologici e da usi
impropri di cose e abitutini che ci rendono sempre più in contrasto con le cose semplici
che da sempre hanno scandito il nostro modo di vivere.Oggi gli usi e costumi,artatamente
creati,voluti dai poteri forti,delle scienze e delle tecnologie,a cui noi scioccamente abbiamo
aderito,e passivamente accettato,ci hanno resi schivi,rancorosi,diffidenti,albagiosi.
Il nostro pianeta de dilaniato da guerre e terrorismo,popoli in fuga dalle loro terre devastate
leggi,economie, politiche,sempre più incoerenti vessatorie.Uomini di potere,corrotti e incapaci
povertà estreme,ricchezze vergognose.Violenza,sopruso,delitto ovunque,dilaganti.
L'essere umano diventa sempre più malvagio,insofferente,violento.Eventi climatici devastano
il nostro pianeta,quasi un prologo di un countdowv finale.
Mai più si udrà il canto del cuculo che conta gli anni felici che ci restano da vivere.Mai più.


Commenti

pubblicato il venerdì 8 dicembre 2017
Pietro, ha scritto:
pubblicato il venerdì 8 dicembre 2017
Pietro, ha scritto:
pubblicato il venerdì 8 dicembre 2017
Pietro, ha scritto: OGGI,PER RENDERCI FELICI,ASSIEME AL CUCULO DOVREBBERO CANTARE ANCHE LE SIRENE.
pubblicato il venerdì 8 dicembre 2017
Pietro, ha scritto:

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: