ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 


Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato mercoledì 6 dicembre 2017
ultima lettura venerdì 12 ottobre 2018

Questo lavoro e' adatto ad un pubblico adulto

L` Esorcista

di LauraVivaldi. Letto 883 volte. Dallo scaffale Eros

Hai avuto anche rapporti con ragazzi? Domando`ancora... ...beh, non so se si puo chiamare un rapporto sessuale, ma il figlio del nostro vicino, mi ha costretto a masturbarlo e anche a fare cose con la bocca...io non volevo, ma lui mi ha offerto tanti sol..

Io ho sempre avuto un rapporto difficile con la religione.
Tuttavia la prendevo cosi`come se fosse un usanza da rispettare e poi buttarsela alle spalle.
Ricordo che ai tempi che vivevo da mia Zia, donna molto religiosa, dovevo andare spesso a Messa e a confessarmi.
A Messa ci andavo, ma odiavo confessarmi. Non mi piaceva parlare delle mie cose private e intime con qualcuno del tutto estraneo.
E se potevo non ci andavo!
Poi arrivo` nel nostro paesino toscano un nuovo Prete, molto piu giovane di Don Gennaro, con cui avevo fatto la mia prima comunione.
Si chiamava Don Anselmo e avra`avuto al massimo 37 anni. Tipo giovanile e molto socievole.
Quella domenica mia Zia mi accompagno` lei stessa in chiesa, per vedere se mi confessavo, dunque dovetti farlo.
Aspettai che la fila delle vecchiette finisse, poi ando`anche Zia Maria, ed infine andai, con aria sommessa.
Mi inginocchiai al confessionale facendomi il segno della croce, senza osare guardare attraverso la grata dietro cui sedeva Don Anselmo che mi accolse dicendo:

Nel nome del Padre e del Figlio
e dello Spirito Santo. Amen.
Il Signore,che illumina con la fede i nostri cuori,
ti dia una vera conoscenza dei tuoi peccati
e della sua misericordia.
E io, pronta...
Beneditemi, padre, perché ho peccato

Da quanto tempo che non ti confessi piccola?
Da circa un anno, Padre...
E come mai, figliola? Lo sai che dovresti farlo spesso, specialmente alla tua eta`...
E...che sono successe tante cose ultimamente...diciamo che ho smarrito la retta via per un po`, ma adesso sono pentita e sono qua.
Va bene, lo sai che il signore ti perdona, se sei davvero pentita, ma devi dirmi tutto affinche` cio` avvenga.
Va bene Padre...
Allora dimmi i tuoi peccati...
Si...ho detto delle bugie a mia Zia...ho detto delle parolacce a delle mie amiche...ho fatto anche la spia...
Si...e poi cos`altro hai sulla coscienza? Chiese lui attraverso i buchetti che ci separavano.
Beh...non ho rispettato il sesto comandamento, ad esempio...dissi io a bassissima voce.
Hai commesso atti impuri, insomma...disse lui con gli occhi che gli brillavano da dietro la griglia del confessionale.
Si...mi sono toccata.
E...dimmi, quante volte?
Tante Padre...sono debole.
E dimmi figlia mia...come lo hai fatto? Ti sei aiutata con qualcosa, oppure solo con le mani?
Di solito solo con le dita, ma qualche volta ho usato anche un cetriolo, oppure una zucchina...ammisi con vergogna, e non osando guardarlo negli occhi.
E`grave...disse lui con aria severa...e`molto grave, ma a tutto c`e´ rimedio.
Quanti anni hai adesso...16, 17?
Si, diciassette il mese prossimo.Risposi...
Hai avuto anche rapporti con ragazzi? Domando`ancora...
...beh, non so se si puo chiamare un rapporto sessuale, ma il figlio del nostro vicino, mi ha costretto a masturbarlo e anche a fare cose con la bocca...io non volevo, ma lui mi ha offerto tanti soldi...
Oh...questo e`davvero grave!!
Qua occorre fare qualcosa...sembra che il diavolo stia prendendo possesso di te! Dobbiamo agire subito...vieni oggi pomeriggio da me e facciamo una seduta per scacciare il male, va bene?
Va bene Padre...verro`.
Si, vieni alle 14 in punto e...meglio che non dici niente a nessuno...non vorrai che venghino a sapere il motivo della tua visita?
Si ...ha ragione Padre.Va bene, saro`puntuale.
Poi recitai la formula che avevo dovuto imparare a memoria durante il catechismo, che stranamente mi ricordavo ancora alla perfezione.
"Mio Dio, mi pento e mi dolgo con tutto il cuore dei miei peccati: li odio e detesto, perché peccando ho meritato i Vostri castighi, ma molto più perché ho offeso Voi, infinitamente buono e degno di essere amato sopra ogni cosa. Propongo, con la Vostra santa grazia, di mai più offenderVi e di fuggire le occasioni prossime di peccato. Signore, misericodia, perdonatemi."
E lui...
Dirai 10 Ave Maria per penitenza.
Io ti assolvo dai tuoi peccati nel nome del Padre, del Figlio, e dello Spirito Santo. Amen.
A questo punto tornavo al mio posto, inginocchiata vicino a mia Zia che mi osservava orgogliosa mentre recitavo la mia penitenza.

Alle 14 in punto, vestita molto casa, come si conveniva ad una buona cattolica,con Jeans, e maglietta bianca a girocollo con le maniche lunghe, suonai al portone di Don Anselmo.
La sua casa era situata dietro la Chiesa, per fortuna un po appartata, cosi`che nessuno poteva notarmi entrare.

Mi apri`subito...si vedeva che mi stava aspettando, e mi disse di seguirlo di sotto.
Lui non indossava la tonaca, ma solo dei pantaloni neri e una camicia bianca, un po strano per me che l`avevo sempre visto tutto vestito di nero.
Al piano di sotto, che sarebbe dovuta essere una cantina, il prete si aveva arredato un bel salottino, con diversi divani, Tavoli, Televisore e addirittura una vecchia macchina da caffe`tutta cromata, die quelle da Bar.
Possedeva addirittura un Juke Box!!
Allora, disse...siediti dove vuoi e...posso offrirti un caffe`?
No no grazie...sto bene cosi`. Se possiamo cominciare subito...
Non sapevo cosa volesse fare, ed avevo una certa paura, a stare da sola con lui, in quella strana cantina...

Forse tu non lo sai, ma io non sono un Prete normale, bensi`anche un esorcista!
Disse sedendosi vicino a me sul divano.
Adesso non voglio dire che tu sia posseduta dal demonio, ma farei volentieri un Test per vedere se sei in pericolo.
Se tu sei daccordo, cominceremo subito, ma dovrai fare tutto quello che ti diro`, altrimenti sara`tutto inutile.
Va bene...solo che io, ho paura...che succedera`?
Niente di pericoloso, non preoccuparti...sono qua per aiutarti, non per farti del male.

Coprendo il tavolo nel centro della stanza con una tovaglia, mi disse di distendermi li sopra, togliendomi solo le scarpe.
Lui nel frattempo aveva indossato una Stola violacea e aveva tirata fuori dell acquasanta...
ontinua...
( Il continuo, di questa storia e di tutte la altre pure, le puoi avere con un piccolo contributo di 10€. tramite PayPal. Sto cercando di mettere insieme una piccola somma che mi permetta di pubblicare su carta stampata, un libro, una raccolta di storie erotiche. Ognuno che contribuira`, ricevera` poi anche una copia personalizzata.)



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: