ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato venerdì 17 novembre 2017
ultima lettura venerdì 22 febbraio 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Viaggio per uno

di Fogliegiallenelvento. Letto 418 volte. Dallo scaffale Generico

Passeggi con sguardo sognante, stretta in quel cardigan grigio fumo che comprammo assieme, l'anno scorso. Ti scende morbido sui fianchi, incorniciando...

Passeggi con sguardo sognante, stretta in quel cardigan grigio fumo che comprammo assieme, l'anno scorso. Ti scende morbido sui fianchi, incorniciandoti la vita come si fa con i quadri dell'800: lasciandone inalterata la forma, soltanto esaltandone la bellezza. Tieni tra le mani il tuo flat white, una brutta copia del nostro cappuccino: poca schiuma e poco montata. Ma a te piace così, almeno da quando ti conosco, almeno da quando ho cominciato ad osservarti.

Con passo agile ma curioso osservi ogni bancarella, ogni volto dietro al bancone. Il mercato è la tua passione, lo sono le urla scomposte della donna vietnamita che prepara il Dau Phu, l'odore della paella spagnola che cuoce in quelle enormi, metalliche padelle, così come il colore acceso della glassa dei muffin e le codette colorate sui cookies, lì accanto.

Ti immergi completamente quando sei lì, un pò di pane con la curcuma ceylonese, così arancione e carica di sapore, poi un tocchetto di caramello salato...lo prepara quel pasticcere del banco in fondo a destra. Respiri a polmoni aperti quel momento, ti lasci portare in montagna, tra latte di capra e formaggio stagionato, poi un giro tra i cedri del libano, un'escursione sui monti nepalesi, in compagnia di uno sherpa in ciabatte.

Torni un attimo in te, giusto per assaggiare un pain au chocolat, appena sfornato dalle mani callose e bruciate di quel panettiere francese, così simpatico.

Chiudi gli occhi per ricominciare il tuo viaggio...qui un po' di pecorino italiano, là un sorso di sidro speziato...una vera goduria per il palato.

Riemergi, solo un po', giusto il tempo di rispondermi:

"Mezzo chilo" - alla domanda - "Quante zucchine compero?"

Lo fai seccamente, quasi svogliata; ho interrotto il tuo viaggio, lo so...non ti capisco, ma so come sei fatta.

Non ti si può tenere a bada, puledra imbizzarrita dal manto pezzato.

Non ti si può domare, rara e preziosa come una tigre del Bengala.

Ed ancora non ti si può interrompere, folle sognatrice d'emozioni, creatrice di magiche suggestioni.

"Non lo condivido, ma ti amo." - ti ho detto più di una volta. Ma anche lì, a poco è servito. Perchè tu eri, come sempre, assorta in chissà quale odore o sapore che aveva catturato momentaneamente la tua attenzione.

Da quel giorno ho capito, ho capito che non ci sarebbe mai stato posto per me, il tuo compagno, nei sogni che vivevi.

Perchè tu, Francesca, sei una che viaggia leggera. In termini di vestiti, così come d'anime.



Commenti

pubblicato il venerdì 17 novembre 2017
Ellebi, ha scritto: Sempre pieni di cibo e bevande le tue prose, di sapori e odori e profumi, di oggetti e cose svariate.. complimenti e saluti
pubblicato il venerdì 17 novembre 2017
Fogliegiallenelvento, ha scritto: Grazie Ellebi, davvero molto apprezzato il tuo commento. Ti auguro una buona giornata!
pubblicato il venerdì 17 novembre 2017
Hiroshi84, ha scritto: Brava Fogliegiallenelvento, mi è piaciuto e il mio pensiero si aggancia perfettamente a quello di Ellebi, hai una capacità straordinaria di catturare il lettore attraverso cibi, emozioni, sensazioni, odori, accostamenti... Francesca è unica, e poi si sa quando si viaggia con la mente a parte che si viaggia in prima classe, si viaggia da soli, per ovvi motivi sappiamo che è cosi ma questa singolare ragazza ha uno spiccato modo di vivere dentro un mondo tutto suo, invalicabile e impenetrabili, caratteristiche tipiche di un sognatore di quelli D.O.C E parlando di D.O.C. me la immagino che sorseggia un calice di vino rosso e di ritrovarsi non so nei vigneti dell'Emilia Romagna dinnanzi a sterminati grappoli d'uva e immaginarne pure una successiva pigiatura. Si potrebbero fare milioni di esempi, in volto essendo sognatore anch'io, a volte mi perdo in dei "viaggi mentali.". Belle anche le descrizioni del racconti, tutto implementato in maniera deliziosa, a volte sfuggente. Al prossimo scritto, complimenti sempre!!!
pubblicato il venerdì 17 novembre 2017
Fogliegiallenelvento, ha scritto: Ma grazie, che bel complimento! Francesca un pò mi somiglia...piuttosto che viaggiare in mala compagnia preferisco sempre viaggiare da sola...ecco..!! Così nel sogno come nella realtà....

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: