ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.193 ewriters e abbiamo pubblicato 72.696 lavori, che sono stati letti 46.043.843 volte e commentati 54.796 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 13 novembre 2017
ultima lettura mercoledì 22 novembre 2017

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Una stanza in mansarda

di Fogliegiallenelvento. Letto 117 volte. Dallo scaffale Pensieri

11:30 PM, stringo una tazza di caffellatte aromatizzato alla cannella tra le mani, inalandone avidamente l'aroma pungente. Adoro arricchire qualsiasi ...

11:30 PM, stringo una tazza di caffellatte aromatizzato alla cannella tra le mani, inalandone avidamente l'aroma pungente. Adoro arricchire qualsiasi cosa con le spezie in questo periodo: biscotti allo zenzero, mele al forno con cannella e zucchero di canna, infusi all'anice e muffin al caramello salato e vaniglia.

Fuori piove e, ad essere sinceri, in questi momenti ringrazio la mia padrona di casa per avermi permesso di prendere la mansarda. Non solo la finestra sul tetto m'offre meravigliosi programmi televisivi, ogni giorno, ma la qualità dell'audio è decisamente sopra le mie aspettattive, specie oggi, specie quando piove.

Nubi grigie, veloci come cavalli da corsa, sono l'attrazione principale questa sera, e lampi e saette solo saltuarie comparse. Mi sdraio a letto, arrotolata più e più volte in quel soffice piumone che profuma di buono e mi godo lo spettacolo. Sì, perchè la finestra è proprio sopra il mio letto...fortune d'avere una stanza in soffitta.

A volte mi sembra di toccare il cielo con un dito, specie quando è talmente limpido che ci puoi vedere ogni cosa passare attraverso, specie quando gli stormi di uccelli migratori ti indicano la strada di casa, specie quando il sole ti fa l'occhiolino, spuntando timidamente tra un cirro bianco e l'altro.

Seguo con lo sguardo la rotta dell'aereo che sta solcando il cielo proprio ora e provo, come amavo fare da bambina, a dare una forma alla scia bianca e schiumosa come il latto che esso produce. Foglie, fiori, personaggi fantastici, sono tutti lì, racchiusi in quel po' di pittura bianco latte rovesciata su quel tavolo azzurro che è il cielo.

Mi chiedo quale sarà la prossima scena, chi saranno i personaggi, chi tesserà le fila della trama?

E ben presto ho la mia tanto agognata risposta.

Ore 12:00 PM, il sipario si apre con il soave canto della pioggia, vento dietro le quinte, nubi posizionate, a file di tre, sul palco.

Lo spettacolo inizia Signori, prendete posto e buona visione!



Commenti

pubblicato il lunedì 13 novembre 2017
dariop, ha scritto: Bello!Un aggettivo semplice per descrivere ciò che penso di questo racconto.
pubblicato il martedì 14 novembre 2017
Ellebi, ha scritto: Sai trarre ispirazione dalle piccole cose, dal buon cibo, dal spettacolo quotidiano della vita, è una virtù che mica tutti possiedono... complimenti, un saluto
pubblicato il martedì 14 novembre 2017
Fogliegiallenelvento, ha scritto: Grazie ad entrambi, siete fantastici!
pubblicato il martedì 14 novembre 2017
Hiroshi84, ha scritto: Fogliegiallenelvento, l'ispirazione non ti manca, quell'essere sognante neppure, l'amore anche per le piccole cose nemmeno e coniugando questo ed altro questi sono i risultati strabilianti, tutto ti appare magico. Fortunata a stare in una mansarda cosi, credo proprio che meglio di cosi non ti poteva capitare, ti trovi bene e sei molto felice. Una curiosità: Il testo si associa assieme agli altri racconti londinesi...dico bene? Ad ogni modo sei fortunata anche per il fatto che a differenza di molti, riesci a fermarti cinque minuti e a contemplare ad esempio il cielo, che può essere azzurro, grigio con l'arrivo della pioggia (e io amo troppo la pioggia) e ne definisci i contorti. Che bello vivere in un "rifugio" che ti permette di sognare, assieme alle tue cose che parlando di te o di ciò che ami... Guarda, sono stato 7 mesi per motivi lavorativi in un'altra città, sono stato ospite, vitto, alloggio, gente squisita ma...mi mancava la mia casa, l'odore della mia stanza, le mie finestre, i miei libri, i miei DVD, il mio PC, mio computer, la mia musica... Insomma, la propria casa o il proprio rifugio è un modo anche per avere la propria privacy, i propri spazi, per cui sento in dovere di condividere il tuo scritto. Bravissima, confermo ancora una volta che mi piace leggerti. :-) Buonanotte e sogni d'oro!!!
pubblicato il martedì 14 novembre 2017
Fogliegiallenelvento, ha scritto: Grazie Hiroshi84, sempre gentilissimo. I tuoi commenti mi riempiono non solo di gioia ma anche di orgoglio. Esatto, il racconto si associa agli altri, bravissimo! Cerco di fare mie anche le cose che non lo sono, come questa stanza, per esempio ed il suo panorama. Ti auguro una buona giornata!!
pubblicato il mercoledì 15 novembre 2017
Hiroshi84, ha scritto: Fai bene, l'importante e che dove ti trovi tu ti possa identificare. Ti ho risposto a "Cattive abitudini" e rinnovo il grazie. Domani appena posso leggo il tuo nuovo racconto. Ti auguro una dolce notte londinese!!! PS. Ah, questo non te l'ho mai detto ma adoro Londra anche per via del mio fumetto preferito ovvero Dylan Dog!

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: