ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.193 ewriters e abbiamo pubblicato 72.696 lavori, che sono stati letti 46.043.843 volte e commentati 54.796 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 13 novembre 2017
ultima lettura martedì 21 novembre 2017

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Le parole magiche

di Hiroshi84. Letto 113 volte. Dallo scaffale Fiabe

Il poverissimo Jan mentre stava attraversando il pericoloso bosco di Fanye alla disperata ricerca di cibo, vide improvvisamente una figura eterea simile ad un elfo che lo guardò bonariamente."Chi sei?" gli chiese l'uomo con fare stupit...........

Il poverissimo Jan mentre stava attraversando il pericoloso bosco di Fanye alla disperata ricerca di cibo, vide improvvisamente una figura eterea simile ad un elfo che lo guardò bonariamente.
"Chi sei?" gli chiese l'uomo con fare stupito.
"Sono Erma, lo Spirito Guardiano delle Grotte, seguimi!" gli rispose con una voce calda e armoniosa.
Dopo qualche centinaio di metri giunsero davanti ad una cavità di pietra chiusa ermeticamente da un grandissimo macigno.
"Noi Spiriti conosciamo le selve a menadito e riusciamo addirittura ad entrare nell'animo di voi umani che decidete di percorrerle." confidò lo Spirito Guardiano.
"Tu sei un uomo molto buono, ti sei spinto coraggiosamente fino a qui per necessità, e ti ho protetto dagli animali feroci e da ogni genere di pericolo." soggiunse.
"Spirito Guardiano, ti ringrazio dal profondo del mio cuore, per l'amore di portare da mangiare ai miei due bambini, farei qualsiasi cosa!"
"Ed è per questo che meriti di essere premiato però c'è una prova da superare!"
"Spirito, spero di essere degno di superarla!" disse Jan con umiltà.
L'evanescente elfo sorrise.
"Vedi il macigno di fronte? Dentro questa grotta troverai un ricchissimo forziere ma prima devi trovare le parole magiche affinchè ti sia permesso di entrare."
"For-zi-e-re? balbettò l'umano.
"Si tratta di un bottino nascosto da un gruppo di spietati briganti, ho fatto sì che il tesoro venisse non solo sigillato a dovere ma anche di condannare costoro qui a Fanye diventando cibo per lupi, da queste parti solo i puri di cuore possono uscire vivi e se occorre anche ad essere ricompensati." gli espose Erma.
L'uomo si inginocchiò in segno di profondo rispetto.
"Straniero, datti da fare, sono sicuro che ce la farai, dopo potrai tornare dai tuoi figli, addio!" e lo Spirito Guardiano svanì.
Jan guardò dubbiosamente quella sorta di enorme porta di pietra e non avendo la benchè minima idea di quali potessero le parole giuste cominciò a dirne moltissime a casaccio.
"Dai apriti!" "Spostati!" "Spirito Guardiano della Grotta!" "Erma" " Fanye!" "Apriti grotta!" "Spalancati e fammi entrare!" etc.
Passò circa un ora e Jan si accasciò stremato, difatti non nutrendosi da qualche giorno le forze cominciarono a mancargli.
"Per favore!" supplicò e si mise a piangere accarezzando la pietra.
Ad un certo punto il macigno iniziò a tremare sposandosi per un quarto e fungendo da sbarramento, alcuni pipistrelli volarono via.
L'uomo intuì la soluzione, senza smettere di piangere continuò con altre parole che ritenne quelle giuste.
"Per piacere! "Ti supplico!" "Per cortesia!" "Ti prego apriti!" finchè a poco a poco il blocco di roccia si spostò del tutto e la grotta risultò finalmente accessibile.
A dispetto del gigantesco masso, la grotta apparve piuttosto piccola, non fu affatto difficile per l'uomo trovare il forziere ed aprirlo. Stette quasi per svenire.
Dinnanzi ai suoi occhi un vasto numero di monete d'oro e tantissimi diamanti.
Jan avendo con sè dei sacchi di iuta che gli sarebbero dovuti servire per trovare cibo commestibile (funghi, frutti di bosco etc.) li sfruttò invece per l'ingente tesoro e all'esterno della grotta, ringraziò Erma a gran voce che gli apparve per un breve istante seduto sopra un ramo di un grosso albero limitandosi ad un cenno di assenso.
L'uomo uscì con facilità dal bosco, e sebbene il carico lo rallentasse, con ritrovata forza e vitalità tornò in qualche modo casa.
I suoi bambini accolsero festosamente il padre e quest'ultimo raccontò a loro la sua incredibile storia facendoli dapprima restare letteralmente a bocca aperta, per poi tutti insieme piangere dalla felicità.
"Se solo Anna fosse ancora viva!" pensò l'uomo con dolore alcuni istanti dopo in quanto la moglie morì anni prima in seguito ad una malattia.
Padre e figli andarono all'emporio per comprare da mangiare, vestiti e accessori di ogni genere per la loro modesta casa.
Alcuni mesi dopo, grazie al tesoro, Jan realizzò un suo grande sogno ovvero quello di aprire una falegnameria poichè aveva una inaudita passione per il legno ed una spiccata tendenza per la creazione.
L'attività fu un successo, Jan non dimenticò mai la sua umiltà e i soldi nonostante divennero sempre di più non tradirono il suo cuore che rimase pur sempre cristallino.
Gli abitanti del villaggio si Tymmen non seppero mai di come il buon Jan avesse accumulato così tanta fortuna, ad ogni modo fu voluto bene da tutti, anche se già lo era nei periodi trascorsi da povero.
"Jan, per favore posso pagare il tuo operato tra alcune settimane?" "Jan, mi puoi fare uno sconto?" "Jan ti prego, puoi sistemarmi il letto e pagarti appena mi sarà possibile?"
E Jan sempre con il sorriso sulle labbra acconsentì ad ogni genere di richiesta, a volte anche a titolo gratuito, la sua bontà nonchè la sua indubbia onestà fu talmente riconosciuta che alcuni anni dopo divenne addirittura sindaco di Tymmen.
Morale della favola:
L'educazione, la gentilezza e il rispetto aprono praticamente tutte le porte, anche i macigni e i cuori di pietra.


Commenti

pubblicato il lunedì 13 novembre 2017
Ellebi, ha scritto: Bravo Hiroshi, favola composta benissimo, anche se gentilezza educazione e rispetto, nella realtà non sempre bastano. Ciao
pubblicato il martedì 14 novembre 2017
Hiroshi84, ha scritto: Grazie Ellebi, visto che siamo in tema, sei molto gentile e sincero. Ho scritto questa favole anche per sfogo, come giustamente asserisci in giro c'è anche fin troppa maleducazione, scortesia, sgarbataggine e chi più ne ha più ne metta. E come disse Mandela: "L'educazione è l'arma più potente che si possa usare per cambiare il mondo". Non scrivo molte fiabe o favole, al mio attivo a parte questa ho "Le due streghe" e poi un fantasy un pò lunghetto dal titolo "Pomodoro" che pubblicherò nei prossimi giorni, per cui sapere di aver scritto una favola composta come dici tu, mi fa molto piacere, ogni tanto mi piace cambiare genere visto che scrivo prevalentemente puntando sul genere autobiografico o umoristico. Buona notte e grazie ancora!!! :-)
pubblicato il martedì 14 novembre 2017
Fogliegiallenelvento, ha scritto: Che bella! Scritta magistralmente, ammiccante e coinvolgente. Mi piacerebbe che questo fosse davvero applicabile alla realtà, ma penso che faccia tutto parte della visione distorta causata da quegli occhiali rosa con cui, più di qualche volta, andiamo a zonzo! In ogni caso ti rinnovo i miei complimenti per questo bellissimo pezzo!
pubblicato il martedì 14 novembre 2017
Hiroshi84, ha scritto: Grazie fogliegiallenelvento, il tuo commento mi fa molto ma molto piacere, anche questo testo è stato scritto con gli occhiali rosa, attenzione non quelli di barbie a forma di cuore. :D :D :D In fondo attraverso questo testo, mi sento un pò come Jan, e devo dire che mettendo in pratica sempre "L'educazione, la gentilezza e il rispetto" le porte aperte non sono mancate, non dico sempre ma spesso si. Applicabile nella realtà? beh...molti lo fanno, ma la maggioranza non la pensa cosi per cui bilanciando l'educazione "L'educazione, la gentilezza e il rispetto" stando in unico piatto non sono messi in posizioni favorevoli. Peccato ma ciò non vuol dire che bisogna abbassarsi a loro livello. E anche vero, meglio pochi ma buoni. Buonanotte, grazie ancora e appena posso passo a leggerti come sempre con piacevole interesse. :-)

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: