ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 


Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato lunedì 13 novembre 2017
ultima lettura martedì 12 marzo 2019

Questo lavoro e' adatto ad un pubblico adulto

Mo' stamo mejo!

di ReedsJack. Letto 338 volte. Dallo scaffale Fantasia

“Amo’ che dici, c’annamo a fa’ un ber bagnetto? … è ‘n cardo oggi … nun se respira … guar...


“Amo’ che dici, c’annamo a fa’ un ber bagnetto? … è ‘n cardo oggi … nun se respira … guarda er fiume nostro, bello, biondo … dev’ esse ‘na goduria!”


“No amo’ … c’ho tanto cardo che nun me posso move … si voi va pure … io me ne sto sotto ‘sti arberi a famme ‘na pennichella … però coprete almeno ‘ste zinne … se te vede quarcuno …”


“Ma chi voi che vede, qua ce semo solo io e te e le bestie … va be’ io vado”


“Amo’ … certo che a guardatte de dietro c’ hai proprio du’ belle chiappe … io me le mozzicherei come ‘na mela!”


Improvvisamente un fulmine solcò il cielo sereno e cadde vicino ai due, e un potente tuono squassò l’ aria!


“Amo’, che sei scemo?, c’ o sai che nun vole … manco a pronuncialla ‘sta parola! … ma che … voi che ce caccia via?!”


“ A me me sembra esagerato, nun capisco, va be’ … va … va”


“Ammazzate quanto se sta bbene … ‘st’ acqua fresca … guarda qui … me se so’ drizzati pure li caporelli … chissà … l’ amore mio ce darebbe un mozzichetto … ma perché ce darebbe un mozzichetto? … c’ ho strani pensieri oggi …”


Tutt’ intorno, a dissetarsi nel fiume, lupi, leoni, zebre, elefanti …


“Aho, ma guarda quanti ce ne stanno, solo io e l’ amore mio stamo da soli … e poi ‘ste zebre bianconere a me nun me so’ mai piaciute … guarda li lupi … quelli si che so’ belli … come camminano … pare che zompettano … e poi se danno li bacetti … ma perché se danno li bacetti, chissà … mo’ ritorno dall’ amore mio … c’ ho voja de vedello … pure lui è bello … c’ ha ‘sto coso che quando la mattina je se rizza me verrebbe voja de prennerlo in mano … ma poi che ce faccio?”


Uscita dall’ acqua la ragazza notò con la coda dell’ occhio un leggero movimento sulla sabbia …


“Aho! Ma stai sempre appresso a me! … c’ ‘o sai che co’ ‘tte nun ce devo parlà’! … ma che a te te piacciono li furmini?”


“E va be’ … te nun parlà … parlo io … viè co’ mme che te faccio vedé’ ‘na cosa … ma poi … se te piace … nun dì in giro che è corpa mia … che qua ce vado de mezzo sempre io che invece ve vojo bene a tutti!”


E così il serpentello condusse la ragazza in una vicina radura piena di animali.


“Ecco, vedi come so’ contenti? Guarda, er lupo che s’ ingroppa la lupa e lei mugula de piacere … il cavallo monta sopra la cavalla e nun je pare vero … pure l’ elefante … come farà? … monta sull’ elefantessa … chissà quanto pesa ma a lei je piace … e guardete in giro … tutti ce fanno … solo du’ cojoni come voi nun fate niente … per questo state da soli come du’ stronzi!”


“Ma come se chiama ‘sta cosa … io nun l’avevo mai vista!”


“Se chiama me.. … no … mejo che sto zitto … me sa che lo capisci da sola … si … è proprio quella cosa li … ‘mo va dall’ amichetto tuo e cerca de fajelo capì … piano piano … che quello c’ ha sempre strizza!”


Turbata, stupita, eccitata, la ragazza tornò dal suo ragazzo che stava ancora dormendo.


“Aho, che sta a sognà’ cose strane? … guarda come je s’è rizzato … che bello … altro che i lupi … quello dell’ amore mio è più elegante … sembra ‘na colonna come quelle che stanno alle porte del ‘sto giardino … solo che quelle so’ fredde e bianche ma questa è calda e viva … io quasi quasi je ce do ‘n bacetto …”


“Aho, ma che stai a ffa? Ma ‘n do’ l’ hai visto … ahia che bello … ammazzete oh … me piace proprio … ma ‘n do’ l’ hai imparato … che c’ era quarche porcaccione ar fiume? … amo’! amo’! … me sento tutto rigirato … ! … me sembra ‘n vortice! Ahaaaa!


“Amo’ … ch’ è successo … che m’ hai fatto? … ma sei sicura che se poteva fa’? … che se no quello ce caccia!”


“Amo’ … quanto sei scemo .. se se poteva fa’ c’ ‘o diceva subito … e invece a tutte le altre bestie je l’ha detto … ma siccome a noi c’ ha preso pe’ cojoni nun c’ ha detto gnente … ma io l’ ho capito … quasi da sola … ‘sto frutto se po’ magnà’ in tanti modi … tutti belli … e se ce caccia … pazienza … armeno nun stamo più soli … c’ avremo tanti lupacchiotti … amo’ … questa se chiama MELA!





Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: