ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato sabato 4 novembre 2017
ultima lettura martedì 15 ottobre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

...cuore spezzato...

di SkynnyHeart. Letto 245 volte. Dallo scaffale Pensieri

Dico e ripeto sempre, sia a me stesso che ad altri, che non voglio innamorarmi, non voglio impegnarmi, non voglio donare il mio cuore a nessuno. Le uniche volte che l'ho fatto, è stato calpestato, sgualcito, fatto a pezzi. A questo punto preferi...

Dico e ripeto sempre, sia a me stesso che ad altri, che non voglio innamorarmi, non voglio impegnarmi, non voglio donare il mio cuore a nessuno. Le uniche volte che l'ho fatto, è stato calpestato, sgualcito, fatto a pezzi. A questo punto preferisco infrangere il cuore di qualcun altro piuttosto che continuare a consumare il mio. Però è anche vero che al cuor non si comanda.
Quindi, ci sono caduto un'altra volta, e, come volevasi dimostrare, anche stavolta, al mio cuore, ai miei sentimenti, è stato di nuovo mancato di rispetto. Odio, tanto odio, tanta rabbia, verso questo cazzo di sentimento che mi ha sempre fatto soffrire nella vita.

Sono stanco del vero amore, della bella addormentata, del principe azzurro, del "vissero felici e contenti". Almeno per me, quel momento non è ancora arrivato.
Nel frattempo mi dedicherò, come un fedele adepto, alla setta del cinismo puro, della "botta e via", della scappatina, o di come altro si possa chiamare.
Guarderò in faccia la donna o l'uomo che avrò nel mio letto, solamente per trarne piacere sessuale e non me ne fregherà niente di quello che la persona pensa. In quel momento, entrambi saremo insieme per una determinata cosa, e dopo, ognuno a casa sua.
Basta con le stupidaggini tipo caffè, passeggiata e marchettate sociali varie per mascherare il fine ultimo che è quello che vogliamo tutti.

Smettiamola di essere falsi con noi stessi.
Io, almeno, smetterò di esserlo.
Che io sia maledetto, il giorno che, disgraziatamente, dovessi provare ancora amore.

A.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: