ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 


Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato mercoledì 1 novembre 2017
ultima lettura martedì 20 ottobre 2020

Questo lavoro e' adatto ad un pubblico adulto

SCARPE ROSSE - TACCO A STILETTO.

di sempretibet. Letto 1473 volte. Dallo scaffale Eros

E ora lui la sta penetrando lì! Nel suo culo! E’ stretto, l’anello lo stringe come una mano. I suoi colpi sono sempre violenti! Lei è appoggiata con le spalle al muro… si muove sotto i colpi, ad ogni colpo corrisponde un grugnito e un gemito...

E’ dietro di lei, appoggiato al suo dorso.
Ambedue in piedi, le sta passando sul corpo l’olio profumato che lei adora usare dopo la doccia.
La sta massaggiando, si sta dedicando al seno, glielo alza con le mani, le passa l’olio sulla piega che questo fa appoggiandosi allo sterno.
Insiste.
La bocca è sulla sua nuca, le sta respirando addosso, sussurra al suo orecchio.
Hanno appena fatto l’amore.
No, più che l’amore… sesso!
Sesso!
Si sono mangiati a vicenda, divorati.
Prima davanti al grande specchio a parete, lei appoggiata con le mani, lui dietro che la prende violentemente, che l’alza dai colpi, colpi che continuano fino a farla godere, una… due… tre volte!
Poi nella doccia, sotto l’acqua lui la spinge contro la parete, le mangia la bocca, le morde le labbra e l’alza… le tiene alta con le proprie braccia e la riprende, è nuovamente dentro di lei, le sue gambe intorno alla vita, nuovamente ridiventa … l’animale.
Nuovamente la fa godere… mille volte!
Fino a godere anche lui.
Emette un urlo infinito, un urlo liberatorio, causato da un orgasmo incredibilmente forte, incredibilmente lungo, che lo fa inarcare, sente i suoi muscoli irrigidirsi e vibrare sotto sforzo.
Non è sazio.
Le si inginocchia davanti e la beve, succhia il suo seme.

Sono sempre affamati, si prendono di continuo.
Vive gli orgasmi di lei come fossero i suoi.
Ama i suoi lunghi gemiti, i suoi mugolii, la sua lunga, lunghissima esclamazione quando gode.
Il suo infinito, sussurrato… gemito!
-Oddioooooooooooooooooooooooooooooo…!-
E… quando lei gode nella sua bocca?
Mentre la bacia, la lecca, la morde?
Mentre le scappuccia con forza il clitoride, lo scopre e lo tortura con la punta della lingua, lo succhia, lo morde forte, lo stritola fra i denti fino a farla venire, una due… altre mille volte?
Adora sentirsi chiedere… con la voce resa roca dalla passione…

-Inculami…-



-Usciamo…-
Le dice all’orecchio…

-Preparati. Vestiti… truccati…-

Lei non è affatto la sua bambolina da orgasmi.
Ha una forte personalità, ma spesso lo subisce senza discutere quando lui gioca con la sua sensualità, sa come prenderla, sa scansare i suoi artigli, smussa il suo carattere ribelle.


-Preferenze… bell’uomo…?-

-Metti il vestito verde, quello stretto. Niente reggiseno, uhmmm… i tuoi capezzoli devono essere visibili, in evidenza, spingere il tessuto come se lo volessero bucare. Mi piace che ti guardino… che ti ammirano, anche se… li brucio con lo sguardo.-

-Intimo? Lo metto? Colore?-

-Un perizoma. Di pizzo. Verde…-

-Scarpe? Come mi devo truccare? E i capelli?-

-Capelli raccolti sulla nuca. Hai un collo bellissimo… non lo copriamo. Trucco? Forte… pesante. Anche intorno agli occhi. La bocca? Il rossetto? Rosso… rosso vivo. Scarpe? Uhmmm… andiamo a comprarne un paio di nuovo, sai? Rosse. Metti quelle bianche… borsa eguale…-

Escono.
Lui ha jeans, camicia bianca. Una giacca leggera blu è buttata sui sedili posteriori della macchina.

-Dove andiamo…?-

-Facciamo un giro prima… poi nuovi negozi…-

La mano di lui l’accarezza, ha alzato sulle cosce l’orlo del vestito, la dita si muovono lentamente, pigramente… preme sull’inguine, sul perizoma.

-Sei bagnata…-

-Impossibile non esserlo con te… cerco di immaginare che programmi hai…-

-Uhmm… vedrai… lo vedrai molto presto…-

Si ferma davanti ad un locale. La prega di aspettarlo un momento, scende…
vi entra… dopo un attimo riesce, scuote la testa. Risale in macchina.

-Non va bene per noi…-

-Non va bene? E perché?-

-Mezzo vuoto…-

-Ma quali intenzioni hai? Si può sapere…?-

Lui non risponde, si ferma di nuovo, scende entra in questo locale e poi riesce.
Le fa segno di raggiungerlo.

-E questo va bene? Ma sai che sei strano…?-

Si siedono ad un tavolo, nel locale ci sono diverse persone che hanno ancorato i loro occhi su di loro, su di lei. Lui sembra soddisfatto. Ordina un caffè per entrambi. Bevono. Paga.

-Ti stanno mangiando con gli occhi, hai notato? Ora… daremo loro un piccolo spettacolo…. Vai in gabinetto… sai cosa devi fare? Si… quello! Proprio quello. Ti tocchi fino a godere… fai pipì… ti levi il perizoma e me lo porti… Capito tutto…?-

-Dio… -

-E non sculettare troppo…-

La voglia di ribellarsi?
Si… esiste!
Ma c’è anche l’immensa pressione della libidine che le fa fare quello che lui le chiede. Lei è solo sua. Si alza e si reca alla toilette e qui fa esattamente quanto le ha chiesto, mette un piede sul wc, alza il vestito alla vita, sposta il perizoma ormai zuppo e si tocca. Passa le dita sul suo solco, strizza forte il clitoride turgido, grosso, sensibile e gode trattenendo il gemito mordendosi il labbro inferiore. Leva il perizoma. Fa pipì. Esce. Tiene il minuscolo indumento nel pugno chiuso. Cerca di non sculettare.
Al tavolo vuole passargli il perizoma sotto il piano del tavolo ma lui sporge la mano per averlo sopra il tavolo e lei è costretta a darglielo.
E… mentre tutti li guardano lui lo prende, poi porta la mano alla bocca. Lo annusa lungamente. Lo mette in tasca.
Lei…? Si sente avvampare! Il viso le scotta e sotto?
Al pube?
Un colpo secco! Di assoluta libidine!
Si alzano, lui la conduce tenendola per un braccio. Escono seguiti sempre dallo
sguardo degli uomini che si guardano e commentano.

-Ma cosa mi fai fare? Che figura! Penseranno che sono una puttana!-

-E non lo sei, forse? Non sei la mia puttana? E non ti sei eccitata? Sai che hai del sangue sul labbro da tanto ti sei morsa mentre godevi?-

E la bacia.
Le succhia quella minuscola goccia di sangue.
E lei spera, desidera, di essere spinta contro qualcosa e che la prenda! Che la prenda violentemente!

Niente… riprendono il viaggio.

-E tu… ti sei eccitato? A farmi fare la figura della puttana? Scommetto di si… ma quanto?-

-Prova…-

Lei porta la mano al suo inguine, sente quanto è duro. Vorrebbe aprire la zip, estrarlo… accarezzarlo un po’, succhiarlo. Quando ci prova la mano di lui la ferma.

-Ho di meglio da farti fare…-

E’ sera quando ferma la vettura davanti ad un negozio di calzature. Manca poco all’ora di chiusura.

-Entriamo… -

Il negozio è vasto, due commessi attendono eventuali clienti. Uno di loro, il più giovane si avvicina e chiede cosa desiderano.

-Ha presente le scarpe Kalika di Sergio Rossi? Rosse… rosse fuoco, tacco a stiletto.-

-Numero di piede…?-

-Trentasei… vero cara?-

Il giovane si allontana per prendere le scarpe e lui le sussurra…

-Alza il vestito sulle cosce… quando lui si inginocchierà davanti a te per farti calzare le scarpe… apri le cosce!-

-Tu sei pazzo! Non lo farò mai!-

-Davvero? Lo farai invece…! Aprirai le cosce e gli farai vedere il tuo pube, la tua conchiglia depilata, le tue labbra gonfie… forse sentirà il profumo del tuo miele… e dopo…-

-Dopo… cosa…?-

-Appena fuori… ti scopo… se lo fai…-

-Non mi darai mai a nessuno, vero?-

-Tu sei solo mia…-

Lei alza il vestito sulle cosce che ora sono abbondantemente scoperte, il ragazzo torna con una serie di scatole, si siede su un sgabello davanti a lei, prende una scarpa, chiede se va bene il colore e fa per calzargliela.
E lei apre le gambe…
Il giovane fissa lo sguardo, allibito dalla visione. Ha una piena visuale della vagina, aperta, sulle labbra gonfie appena umide, lucide. Si è bloccato, poi guarda lui, l’uomo che accompagna la donna che appare distratto, che guarda altro. Poi, impacciato fatica a calzare la scarpa al piede. Lei mantiene la gambe aperte, le cosce ampiamente scoperte.
Lei si sente sciogliere, ha un fremito al ventre, sa che è un gioco che conduce il suo uomo per eccitarla, per eccitarsi e lo accetta.
Chiede al ragazzo di calzarle anche l’altra scarpa. Le gambe sono aperte pienamente. Il commesso è visibilmente emozionato, si chiede come comportarsi, cosa deve fare, questo gli sembra un invito, una disponibilità completa a un proseguimento imprevisto.
Lei è bella, ha visto le cosce candide. La sua conchiglia dischiusa.
Lei con ambedue le scarpe calzate si alza, fa alcuni passi per il negozio.
Torna a sedersi, apre di nuovo le gambe.

-Vorrei provarne altre, colore diverso…-

Il ragazzo suda, le mani gli tremano mentre le toglie le scarpe che ha provato e le mette le altre da provare, guarda di sottecchi l’uomo in piedi che appare distratto, fissa di nuovo lo sguardo in mezzo le gambe. Guarda la donna in viso cerca un gesto, una conferma. Il gioco dura a lungo, lei si scopre tirando l’orlo del vestito quasi all’inguine. Sente vivo il desiderio del commesso, sa che questi vorrebbe baciarla fra le cosce, leccarla, scoparla, ma non è questo che la eccita, che la fa bagnare fino all’attaccatura delle cosce. E’ il dover far quanto il suo uomo le chiede, ha ragione lui quando le dice che solo lui sa darle quello che desidera, che ha bisogno.
Lo guarda e gli chiede…

-Ti piacciono…?-

-Quelle rosse, le prime che hai provato, le prendiamo, tienile su…-

Paga ed escono, anziché andare verso la macchina la conduce verso una stradina a lato del negozio. Qualcosa poco più di un vicolo e deserto. La spinge al muro, le alza il vestito sulle cosce e la tocca! Trova la conferma che è eccitata! Le si inginocchia davanti, le alza una gamba e se la mette sulla spalla, la apre con le dita e inizia a leccarla. Lei poggia le mani sulla sua testa, le dita fra i capelli, lui incolla la bocca e inizia a leccarla. La lingua passa ripetutamente sul solco, si ferma sul clitoride e passa la punta come spazzolandola fino a farla godere! Lei si inarca, geme, mugola. Gode. Gli gode sulla bocca. Gli bagna il viso con il suo miele denso e profumato.
Si alza, la prende e tenendola sotto le cosce la appoggia al muro. Le sue gambe intorno alla vita, riesce a liberare la verga dura, cerca e gliela infila in una feroce penetrazione. La scopa forte, violento, colpi secchi che la fanno sciogliere. Le gambe e le scarpe rosse oscillano nei movimenti. Lui lo ritira, lo rimette. Più volte. Lei gode ancora. Lui continua.
Le sussurra…

-Quanto ti piacerebbe che… uhmmm… venisse qui a guardarci il ragazzo del negozio…? Dillo… dillo… puttana…-

-La tua… la tua puttana…! Guardarmi godere? Siiiii! Ma tu non mi daresti mai a nessuno! Lo sai… mi vuoi per te…-

Lui spinge ancora più violento, più rapido.

Lei dopo… l’ennesimo orgasmo… gli sussurra…

-Nel culo… nel culo… sono stata brava…no? Lo merito nel culo…!-

A fatica riescono. L’alza di più, l’appoggia al muro, la cerca tenendo la verga con la mano! Spinge con forza. Insiste. Ancora! Più forza ancora!
E ora lui la sta penetrando lì! Nel suo culo!
E’ stretto, l’anello lo stringe come una mano. I suoi colpi sono sempre violenti! Lei è appoggiata con le spalle al muro… si muove sotto i colpi, ad ogni colpo corrisponde un grugnito di lui e un gemito di lei! Infine… l’attimo esplosivo dell’orgasmo! Il suo urlo incurante della situazione, della posizione. Dell’ora serale non tarda.
Ansimanti si staccano. Si sistemano. Tornano alla macchina, partono per andare a cena.
Lei si ammira le scarpe. Si stende e lo bacia.

-Grazie delle scarpe, amore…-

Tibet

Da sempretibet blogspot



Commenti

pubblicato il venerdì 3 novembre 2017
tatinagr, ha scritto: Ciao Tibet, è un po' che non entro nel portale. Oggi finalmente sono riuscita a leggerti e devo dire che questo racconto l'ho trovato moooolto erotico e intrigante senza essere particolarmente volgare. Mi è piaciuto moltissimo. ;-*

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: