ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.499 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 57.540.171 volte e commentati 55.650 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato giovedì 31 agosto 2017
ultima lettura domenica 29 novembre 2020

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

Sono madre senza figli- Capitolo 4

di Lamiastella. Letto 447 volte. Dallo scaffale Amore

" ti amerò per sempre .."Anna come sono tante, Anna permalosa, Anna bello sguardo, Sguardo che ogni giorno perde qualcosa, Se chiude gli occhi lei lo sa, Stella di periferia, Anna con le amiche , Anna che vorrebbe andare via ... cos&ig...

" ti amerò per sempre .."

Anna come sono tante, Anna permalosa, Anna bello sguardo, Sguardo che ogni giorno perde qualcosa, Se chiude gli occhi lei lo sa, Stella di periferia, Anna con le amiche , Anna che vorrebbe andare via ... così cantava Lucio Dalla e sembrava che queste parole fossero proprio per me . Potevo essere la sua Anna , la protagonista della sua canzone che però avrebbe dovuto intitolarsi Anna e Davide .

Robe da matti! A tredici anni morivo dalla voglia di andare a ballare ed invece Stefania non ne voleva sapere di uscire ! Ho dovuto faticare e usare L ingegno per convincerla che la sua amica neopatentata era la Nostra Migliore Occasione per buttarci nella VITA LOCA. E finalmente calpestai la pista da ballo della discoteca di Torre . Era un buco , pieno di fumo, musica da spaccatimpani ma tanto , tanto eccitante .
I nostri genitori ci permettevano di andare in disco o una volta ogni tre settimane e noi passavamo tutti i nostri minuti fremendo nell attesa di scatenarci nel locale . Partivamo alle 22 da casa , alle 2230 entravamo in disco e di solito c erano solo i camerieri e pochi altri . Poi alle 24 si riempiva al punto che quasi si strusciava la gente per poter fare il giro del locale .
A quindi anni avevo conosciuto Sergio ed era diventato il mio morosino . Era molto carino ma entrambi eravamo timidi e iniziavo a soffrire la mancanza di libertà di poter girare e parlare con nuova gente come invece potevano fare Stefania e Giulia , la sorella di Sergio.
Accadde un sabato che quella furbetta di Giulia avesse dato appuntamento in disco a tre ragazzi diversi che aveva conosciuto la volta prima e quando ci capitó davanti mano nella mano con Davide rimasi colpita dai suoi occhi profondi . Ci presentammo e chiacchierammo un po' ma Giulia era visibilmente inquieta e trovava mille scuse per allontanarsi e sbolognarci questo ragazzo . Anche Sergio iniziava a innervosirsi perché non aveva più tutta la mia attenzione perché io per carineria cercavo di coprire sua sorella . Ma non era affatto quello che voleva Giulia infatti la vedemmo attraversare la pista avvinghiata ad un altro ragazzo e baciarlo con foga . Ero esterrefatta. Davide se ne andò quasi senza salutarci.

La notte stessa continuavo a pensare a lui , ai suoi occhi verdi . L indomani cercai il numero del bar che gestiva con i suoi e facendomi forza lo chiamai . Quella telefonata cambiò la mia vita . Due ore a parlare di tutto e la promessa di vederci , soli . Gli ero piaciuta subito anche io ma ero impegnata e lui era un ragazzo serio. "Allora se ho bisogno ti chiamo ? " scherzai e Davide rispose " in qualunque momento chiamami o fai un fischio ed io arrivo " , " Eh un fischio mica si sente .." ridevo io e lui " Tu fallo , al resto ci penso io " .
Era già scritto. Lasciai Sergio e mi misi con Davide .
Davide è l'uomo della mia vita . L ho conosciuto che ero una ragazzina e non ci siamo più lasciati . Con lui ho scoperto L amore , quello vero che ti fa arrossire , ti mette lo stomaco in subbuglio al solo pensarlo, che ti fa fremere di desiderio , che ti accende i sensi , che calma le tue paure, che ti completa e allo stesso tempo ti libera .
Con lui ho affrontato tutto il cammino dell'adolescenza poi siamo diventati adulti e dopo 14 anni ci siamo sposati . Non posso immaginare la mia vita senza Davide perché è davvero una parte di me . Lui era presente in ogni attimo per me importante , è la linfa che mi nutre. È il mio amico , il mio confidente, il mio amante .
Con lui percorro la mia strada , purtroppo non c è in mezzo a noi un bimbo da prendere per mano per fargli fare un salto fino al cielo .
Tante volte mi sono chiesta : come posso continuare a vivere sapendo che la mia esistenza non darà frutto , vedendo che non ci sarà una parte di me che mi sopravviverà e si ciberà dei miei insegnamenti? Come posso accettare di non riuscire ad avere figli ??


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: