ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato giovedì 31 agosto 2017
ultima lettura venerdì 4 ottobre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

DARK KAT capitolo 8

di Superotto. Letto 257 volte. Dallo scaffale Fantasia

Dopo numerose e vane telefonate a Jack, la coppia si presentò senza preavviso nello studio del veterinario .In un primo momento Jack dava a vedere un certo distacco, quasi un disinteresse a visitare il gatto dei ragazzi, e si ostinava a rimanere...

Dopo numerose e vane telefonate a Jack, la coppia si presentò senza preavviso nello studio del veterinario .In un primo momento Jack dava a vedere un certo distacco, quasi un disinteresse a visitare il gatto dei ragazzi, e si ostinava a rimanere in silenzio. Turbato da tale atteggiamento David domandò a Jack se si sentisse bene, e all'improvviso il maturo veterinario con voce decisa e cavernosa disse: " ragazzi giovedì 19 ottobre Vi aspetto nel mio studio personale , nelle vecchie cantine di casa mia. Puntuali alle 20,30. Non una parola di più altrimenti questa sarà l ultima volta che ci vediamo". La coppia rimase esterrefatta . " ok , ad una condizione : il gatto viene con noi " rispose David. La casa di jack era una villa centenaria tramandata alla famiglia da un paio di generazioni. Una di quelle ville costruite in stile retrò, attorniata da vialetti e piccoli giardini, ma il suo aspetto sinistro la faceva sembrare quella che i bambini di oggi chiamerebbero "la casa delle streghe" nonostante fosse tutto molto curato anche nel più piccolo dettaglio. Arrivato il fatidico giovedì Lory , David ed il prode puma si presentarono al grande cancello in ferro battuto della villa di Jack. Mentre la coppia cercava il campanello o qualsiasi altro marchingegno per annunciare il loro arrivo , senza scorgere nulla Improvvisamente il cancello si spalancò e da lontano scorsero il veterinario che stava andando loro incontro. "Benvenuti , seguitemi", li accolse . Scesero nelle cantine della villa passando su scale di stampo medievale alla cui fine comparve uno studio. Era una piccola stanza , piena zeppa di libri che a prima vista davano impressione di essere assai vecchi, con calamai e fogli sparsi qua e là, una location " da vecchia nave dei pirati". Quindi Jack si voltò verso i ragazzi e cupo disse " chiudete la porta, sedetevi e liberate il gatto, ora vi devo raccontare ciò che non potete nemmeno immaginare del vostro Animale ". ? PS: era passato inosservato ai ragazzi , ma il vecchio cancello era un cancello automatico , con telecamere nascoste e sensori di movimento .. Niente é come sembra .. Tutto ha più facce ..


Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: