ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato martedì 29 agosto 2017
ultima lettura martedì 15 ottobre 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

DARK KAT. capitolo 2

di Superotto. Letto 291 volte. Dallo scaffale Fantasia

aveva il pelo talmente ritto che sembrava appena uscito da una centrifuga, all'incirca dimostrava più o meno una settimana, al massimo 10 giorni di vita. Era nero tranne sulla pancia, aveva i colori di gatto Silvestro. A quel punto John si guard.......

Dal cespuglio uscì un gattino piccolissimo, aveva il pelo talmente ritto che sembrava appena uscito da una centrifuga, all'incirca dimostrava più o meno una settimana, al massimo 10 giorni di vita. Era nero tranne sulla pancia, aveva i colori di gatto Silvestro. A quel punto John si guardò attorno sempre più spaesato, non capiva cosa stesse accadendo. Appena prima aveva trovato un cadavere , dopo pochi minuti aveva trovato un gattino, ora sembrava lui più frastornato del piccolo felino! L uomo incominciò a cercare nelle vicinanze qualche altra traccia di fratellini o della mamma del gatto. Niente , non trovò nulla. Probabilmente era stato abbandonato dalla stessa madre causa la sua fragile "salute", infatti la natura è magnifica ma anche altrettanto crudele! Immaginò che per nutrire i fratelli la madre avesse fatto una tragica scelta! Sacrificato per salvare i fratelli, tutti randagi! John lo fissava e lui , di rimando , lo scrutava quasi accigliato . Il gatto che era accovacciato davanti all uomo ad un tratto si alzò, si avvicinò ai suoi stivali e in men che non si dica era arrivato al ginocchio avanzando con i suoi piccolissimi artigli molto affilati. Cosa fare.? sembrava chiedesse " non abbandonarmi pure tu ! portami con te , salvami!" A quel punto John lo prese in mano , lo mise in una delle sue grosse tasche e si incamminò con quella testina piccolissima che scrutava l'orizzonte da una tasca ...come se fosse un piccolo canguro.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: