ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.522 ewriters e abbiamo pubblicato 74.968 lavori, che sono stati letti 49.897.012 volte e commentati 55.651 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 



Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato sabato 19 agosto 2017
ultima lettura giovedì 25 aprile 2019

Questo lavoro puo' essere letto da tutti

The tower of God Cap.5

di DAQ22E. Letto 214 volte. Dallo scaffale Fantasia

ANNO 1110 02/07 Torre di Dio // Piano 2 // ore 7:13 // vivi 35 Durante tutta la nottata ho tremato e battuto i denti per il freddo, sembra quasi che l...

ANNO 1110 02/07 Torre di Dio // Piano 2 // ore 7:13 // vivi 35

Durante tutta la nottata ho tremato e battuto i denti per il freddo, sembra quasi che le fiamme di prima non ci siano mai state, su tutto il piano è sceso un gelido vento.
-Ehi, muoviti svegliati, dai....-, sento qualcosa che colpisce il mio braccio sinistro due, tre volte, apro gli occhi e vedo che è il fratello della Principessa, non credo di stargli molto simpatico fin da quando ci siamo conosciuti, mi guarda dall'alto mentre mi colpisce con il piede.
Di scatto muovo la mano destra e gli blocco il piede, -Ho capito.....calmati-, -Calmati un cazzo, siamo circondati-.
Spalanco gli occhi per vedere il poco visibile grazie alla flebile luce delle torce.
Fuori dalla casa c'è una schiera di 10 persone con le torce in mano, non sembrano essere amichevoli, poco dopo sento una voce familiare che urla.
AVANTI! VENITE FUORI MIA SIGNORA, ORA SIETE SOTTO LA NOSTRA CUSTODIA, FORSE POTREMMO RISPARMIARVI DA UNA MORTE LENTA A UNA VELOCE E POCO DOLOROSA-.
È Saint, sono i soldati del Vaticano.
La principessa ha lo sguardo rivolto fuori dalla finestra malridotta della casa, fisso su Saint.
-Cosa facciamo Sorella-, chiede Edward un po' preoccupato, lei gli risponde con voce tranquilla e come se fosse una cosa scontata -Tratteremo con loro per la nostra vita, se falliremo allora proveremo a ribaltare la situazione sguainando le spade, ora usciremo con le mani alzate, voi non muovetevi in modo avventato, d'accordo?-, -Si-.
Dopo avergli risposto all'unisono, ci muoviamo verso la porta d'uscita.
Usciamo in silenzio con le mani alzate.
Vedo che hai deciso di collaborare principessa forse potrei addirittura risparmiarti, ma non perché mi fai pena ma per altri motivi, ahahaha-, lui e i suoi soldati scoppiano in una breve e maligna risata, mentre Saint guarda Alisia nei suoi punti più, diciamo riservati.
-VEDI DOVE CAZZO TIENI LO SGUARDO VERME!-, Ed gli urla con la mano destra sull'elsa della spada.
Un secondo e vedo il sangue, Saint ha colpito Ed con l'elsa della sua spada sulla mascella, prima a destra poi a sinistra.
Edward si inginocchia, ma non perché è stato sottomesso ma solo perché reagire vorrebbe dire far versare il sangue di altre persone.
-Dovresti tenerlo a bada il tuo cagnolino, o potrebbe ritrovarsi senza lingua-, -Lo terrò a mente, ora, vorrei che ci risparmiassi, tutti e cinque-, -Cinque?......ohhhhh ma ci sei anche tu, ahahahah chi l'avrebbe mai detto, sei sopravvissuto fino a qui, forse potrei farti diventare il mio schiavo, ahah-.
-Ho altri progetti per voi 5, vi userò in un altro, particolare modo.......-

ANNO 1110 02/07 Torre di Dio // Piano 2 // ore 7:34 // vivi 35

Ci hanno incatenato e inoltre i soldati sono aumentati, ci fanno camminare in linea retta mentre ci sono intorno.
Precisamente in ordine, Shiva, Colovance, Alisia, me e Ed davanti.
Siamo in una strada tra due palazzi di 3/4 piani, e ovviamente è buio pesto, sento una voce arrivarmi da dietro, è la principessa, mi sta parlando con voce più bassa possibile -Dred.........noi dobbiamo dividerci qui-, -Cosa?!-, -Calmo, non urlare..........ti sto per togliere le manette, non appena dico "via", corri in quel vicolo laggiù-, guardo davanti al nostro gruppo, in lontananza vedo una torcia appesa a un angolo di un palazzo, e vicino il piccolo vicolo, -È quello........-.
-Ti sgancerò le manette in quell'istante, tu corri verso il vicolo, io ho gia pensato a come scappare per noi, non devi preoccuparti-, gli rispondo con voce leggermente più alta e voltando leggermente -Ma voi?!-, -Non preoccuparti, non appena ci fermeremo slegherò anche gli altri-, gli rispondo con un tono non molto convinto -D'accordo....-.
Passiamo davanti al vicolo e lei mi dice all'orecchio, -Vai!-.
Corro più che posso, i soldati non si aspettavano la cosa, sono riuscito a superarli e ora sto correndo.
Hanno smesso di cercarmi, per una decina di minuti li ho sentiti urlare tra i palazzi, specialmente Saint ma la fortuna è dalla mia parte stavolta.
Ho girato molti angoli, allontanandomi di molto ed evitando di passare per le strade principali.
Mi siedo con le gambe che fanno male, il respiro affannosso, il sudore che mi cola dalla fronte, sono dentro una vecchia casa di 3/4 piani, ha l'aria di esser stata una locanda, ma......-di nuovo solo........-.
BOOM! Un dolore alla testa e cado dalla sedia, -Cazzo......-, apro gli occhi ma invece di vedere il grosso salone pieno di sedie di questa vecchia locanda......vedo, qualcosa di impossibile.........

///

Mi rialzo da terra, mi tocco la faccia con la mano -.....mi sembra di aver fatto un sogno stranissimo- non ricordo un granché, sono nella locanda, sento uno strano rumore provenire dalla mia sacca sulla schiena, la apro.
Il pezzo di foglio nero strappato che mi ha dato Zacharia rilascia una strana luce tra nero e verde, sopra ora c'è scritto qualcosa.
"Libera le anime incastrate in questo limbo, liberale dal male, o mio lettore, completa le Tavole del Rovina o mio lettore, 10 sono i cimeli per fare luce in mezzo a queste tenebre".
Le fiamme verdi e nere avvolgono il foglio che reggo nella mia mano destra e ora ci sono, dieci punti con accanto scritto qualcosa.

1: Teschio di Karzak, per colui che di più si è avvicinato alla vetta
2: Spada di un corrotto, per disarmare il nemico
3: Primo "Libro del Dolore", per ricordare il passato
4: Nono "Libro del Dolore", per conoscere affondo il presente
5: Morte di un Sentinella, per farci temere dal nemico
6: Cuore di un Corrotto, per colpire al cuore l'Oscurità
7: Gemma dello Spezzanime, per combattere l'Oscurità con le sue stesse armi
8: Vertebra di un Corrotto, per vendicare gli amici
9: Testa di una Sentinella, per offendere il nemico
10: Sangue

Cos'è, -per qualche rito oscuro, forse sarà meglio seguire ciò che dice-.
Lo guardo quasi ridendo dato che sembra assurdo.
Potrei trovare ciò che cerco nella piazza di prima, esco dalla casa, quindi comincio a camminare.

ANNO 1110 02/07 Torre di Dio // Piano 2 // ore 8:12 // vivi 35

Dopo circa un ora sono riuscito a tornare alla piazza, mi guardo intorno e l'unica cosa che vedo è la flebile luce della mia torcia, e l'Oscurità.
Mi avvicino con la spada sguainata, comincio a tremare un po', ho raggiunto la grande fontana mal ridotta, intorno è tutta adornata di strane immagini e teste che sembrano quelle di piccoli diavoli, e dalla parte opposta della fontana c'è ciò che cercavo, c'è un corpo disteso a terra di un soldato del Vaticano, ma ovviamente non è un corpo normale, è quello del corrotto che ho decapitato.
Mi avvicino con calma, il corpo è immobile, spero che non si muova.
Gli sono davanti, lo osservo un po' schifato, ha un odore di morto e le mosche gli stanno girando intorno.
-Merda.....-, lo osservo, il suo aspetto ora non sembra più corrotto, -Forse una volta uccisi tornano normali-, era giovane, sui 25 anni, -Cazzo.......-.
Un po' esitante allungo le mani verso di lui e lo rigiro con la schiena in aria, e poi preparo la Primus, un istante e la lama lo trapassa, -Cazzo......-, faccio un taglio orizzontale e fermo la spada, -Che schifo..........vabbè- allungo la mano e la metto dentro la sua schiena, sento qualcosa di duro, sono le sue vertebre -Merda, cazzo che schifo.........oh daii-, ne afferrò un stretta con la mano destra, e tiro più forte che posso.
Faccio un volo all'indietro e cado di schiena, il sangue esce dal corpo, -Oh che schifo diamine......oh oh cazzo che schifo.....-, mi rialzo in fretta, osservo la vertebra sporca di sangue, poi la metto dentro la sacca sulla schiena, mi avvicino al corpo del ragazzo e mi inginocchio, -Ora fa ancora più schifo cazzo......-, metto la mano nel suo ventre e prendo il cuore, -Oh merda............cazzo-, raccolgo la sua spada che rilascia una strana luce tra verde e nero, e me la metto sulla schiena. -Ok...tre punti sono fatti.....-.
WHOAAAAAAA!! Un urlo in lontananza, come di una bestia, probabilmente sono le Sentinelle, faccio un salto per la paura, mi guardo intorno mentre le gocce di sudore scendono dalla fronte, un silenzio snervante, mi volto lentamente intorno, prima a destra, poi a sinistra.........................qualcosa si nasconde nel buio.
Ahahhaha, ahahahahaha, sento le risate dei bambini, un brusio di persone che parlano, guardo ai bordi della piazza, due occhi grandi come una mano, di un verde e nero acceso....sono fissi su di me.
Un secondo e qualcosa mette un piede fuori dal buio, al limite della luce creata dalla torcia.
In un istante parte una corsa sfrenata, mi fanno male le gambe, proprio nel momento più inopportuno, -Cazzo.......-, quella mi sta attaccata al culo, tra me e lei ci sono 3/4 metri, non riesco a vederne la forma, ma comunque è grande, molto grande, più di una Sentinella.
Sto correndo con la torcia in mano tra i palazzi, sono sulla via principale e in lontananza vedo una luce, l'angolo di un palazzo, -Cazzo, cazzo, cazzo-, svolto l'angolo e poi.......cado, rotolo giù per una discesa, e finisco nella parte sotterranea del paese, sbatto la schiena su un muro, -diavolo.......-, resto immobile mentre quella cosa passa davanti al palazzo, poi silenziosamente si allontana.
Mi rialzo pochi secondi dopo che si allontana e mi sgrullo i vestiti sporchi di terra e mi guardo intorno, sembra una Necropoli, sono in una sala lunga con delle colonne, un soffitto abbastanza basso fatto completamente in mattoni, e ai lati tutte tombe incastrate nei muri, sono leggermente esitante dato che la struttura non sembra un granché, ma comunque non posso neanche uscire, -Diamine......-, camminerò nelle tenebre.

Un vago odore di zolfo, l'umidità che mi rende appiccicoso e la mia torcia, che mi illumina il cammino in mezzo a queste tenebre. Tengo la spada pronta, in caso uno degli altri sbucasse dall'Oscurità, un senso di paura, il formicolio lungo la schiena come a dirmi di stare attento, e poi ecco........vedo una luce che esce da un angolo e......io vedo lui e lui vede me......

///(PROLOGO)\\\

Osservo il cadavere dell'uomo che ho ucciso, sento quasi un senso di vomito, ma riesco a trattenerlo, nonostante continuo a muovermi, -Non l'ho neanche visto in volto......solo gli occhi.....-, sono a circa 3 metri mentre mi allontano dal cadavere, e sento un movimento, mi volto e vedo, una cosa irreale, una pietra, lunga quanto un dito, che fluttua sopra il cadavere del pover uomo, questa comincia a scendere verso di lui in verticale, poi ripenso a ciò che è scritto sul foglio nero, un flash.....-Gemma dello Spezzanime.....-, faccio uno scatto e mi lancio sopra al cadavere in fretta e furia, e con la mano destra afferro la pietra, -Se questa fosse entrata nel suo corpo, sarebbe diventato corrotto......probabilmente, comunque ora ce l'ho........
Sento un rumore, come di un ronzio, mi osservo intorno e lo seguo, entro in un stanza e poi scendo di più, dopo aver fatto delle scale, arrivo in un enorme piazza rotonda, un soffitto a circa 6 metri da me, e al centro, -Eccone un altro.......-
Osservo la scena, un altare di un marmo nero pece, adornato di scritte che rilasciano luce verde, intorno al altare 5 enormi stele messe in verticale che toccano quasi il soffitto della piccola Necropoli, e sopra un libro nero, nessuna scritta, -È un libro del dolore....-.
Incomincio ad avvicinarmi con passo lento e pesante, salgo le scale che portano al piccolo altare.
Allungo la mano e prendo il libro, mi fermo un attimo e mi guardo intorno, non è successo nulla -fiuhh, cazzo......, lo leggerò dopo...-.
Esco dalla Necropoli e la luce, pervade l'ambiente, aspetta -.....Luce?-.
In lontananza in una delle mastodontiche pareti della torre, vi è un buco, qualcosa ha sfondato la torre.



Commenti

Non ci sono commenti disponibili al momento.


Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: