ewriters

scrivere per essere letti
Siamo 8.467 ewriters e abbiamo pubblicato 74.502 lavori, che sono stati letti 48.375.198 volte e commentati 55.334 volte. Online dal 3 Gennaio 2000.
 
 


Seguici


Scaffali


lavoro pubblicato sabato 12 agosto 2017
ultima lettura sabato 21 aprile 2018

Questo lavoro e' adatto ad un pubblico adulto

Mia moglie fa godere tutti (quarta parte)

di chinasty74. Letto 1416 volte. Dallo scaffale Eros

Trasformata in puttana 1-Laura e Lorenzo 2-Il vecchio nella sauna 3-Venduta 4-In autostrada 5-È tua 6-Il racconto ........

1

A partire da quel Lunedì Laura rimase la mia zoccola, quando era a casa ma quando era al lavoro era la zoccola di Lorenzo. Quando tornavo a casa, la sera a cena mi raccontava tutto. Gli si infilava sotto la scrivania per fargli i bocchini, quando facevano il pomeriggio e c’erano pochi colleghi si chiudevano nel bagno a scopare, a volte uscivano insieme per la pausa pranzo e si appartavano in macchina, per la strada o nei parcheggi, dove Laura si faceva scopare e inculare alla luce del sole, senza vergogna. Le piaceva farsi trattare come una puttana da strada e a me eccitava l’idea di avere una moglie così troia.

Spesso mi mandava dei selfie col suo cazzo in bocca, mentre si faceva leccare la fica o con la bocca aperta, la lingua di fuori e la faccia piena di sperma. Ogni tanto mi mandava anche qualche video dei pompini sotto la scrivania, che riprendeva lui, e delle inculate per strada o nei cessi.

Quando vedevo la notifica dei suoi messaggi mi chiudevo in bagno anch’io e mi masturbavo sui video di mia moglie che si faceva umiliare da un suo collega. Al lavoro dovetti giustificare “le mie pause” con dei problemi intestinali. Mi piaceva da impazzire, tornavo a casa col cazzo durissimo, non volevo neanche aspettare la cena, me la scopavo prima e lei godeva e godeva, di mattina con lui e la sera con me.

È stato un periodo fantastico quello. Più o meno una volta al mese lo invitavamo a cena a casa o andavamo noi da lui e ci sbattevamo mia moglie insieme o a turno, un paio di volte abbiamo fatto le 6 di mattina a scoparcela. La sventravamo, eppure Laura non si tirava mai indietro, era insaziabile.

Andammo avanti per mesi, ormai avevamo raggiunto una complicità incredibile. Lorenzo era “uno di casa” per noi.

Al compleanno di Laura pensammo di farle una sorpresa. Cadeva di Sabato e organizzammo un weekend di sesso sfrenato come regalo per lei.

Avevamo prenotato 2 stanze in un resort sul lago di Garda senza dirle nulla. Avevo chiesto a Lorenzo di venire con la sua macchina e farsi trovare lì, in modo che per tutto il viaggio Laura non potesse sospettare ciò che la aspettava.

Presi 2 ore di permesso e alle 15:00 la andai a prendere, avevo già caricato in macchina il bagaglio per lei e per me.

Lungo il tragitto le spiegai che l’avrei portata alle terme per il suo compleanno ma l’avevo buttata più sul relax che sul sesso perverso. Iniziò a farmi un sacco di domande e fu difficile per me riuscire a non far trapelare nulla. Fortunatamente passata Firenze Laura smise di farmi domande e si offrì di farmi un pompino mentre guidavo. Ovviamente accettai di buon grado e le svuotai le palle in bocca, sarei rimasto “scarico” abbastanza da sopportare la serata che mi attendeva e durare di più. Lei ingoiò, mi pulì il cazzo, reclinò il sedile e si mise a sonnecchiare per le 2 ore successive.

2

Arrivammo alle 19:30. Il resort era bellissimo. Parcheggiai e scaricai i bagagli, entrammo nella reception e vedemmo Lorenzo che ci aspettava su un divanetto.

Quando lo vide, Laura si illuminò.

“E tu che ci fai qui?!”

Lui le sorrise, la abbracciò e a bassa voce rispose:

“Sono qui per te, puttanella.”

Laura lo baciò sul collo e lui le stampò una mano sul culo. Lei si staccò e guardando prima lui e poi me e sorridendo eccitata disse:

“Che cazzo avete in mente brutti maiali?!” Le risposi io:

“Vedrai quanto di divertirai questo fine settimana…”

Facemmo il check-in e salimmo alle camere. Lorenzo aveva una singola, io e Laura una matrimoniale. Posammo i bagagli, io presi il telefono della camera e chiamai quella di Lorenzo:

“Ci vediamo in spa tra 5 minuti.” Laura venne ad abbracciarmi ruffianamente e disse:

“Volete chiavarmi nella spa?! mmmmmhhhhhhh…”

“Spogliati, mettiti l’accappatoio e portati anche l’asciugamano”

“Si amore mio, sono già bagnata…”

Ci spogliammo e scendemmo in spa. Lorenzo era già lì ad aspettarci. Laura gli saltò al collo e lo baciò intensamente, con la lingua.

La spa chiudeva alle 22:00 e non c’era quasi nessuno. Proposi di fare prima una bella sauna.

Aprii la porta e vidi che dentro c’era un vecchio, sui 70, sembrava Tedesco o Svizzero, la richiusi e dissi a Laura e Lorenzo:

“C’è un crucco rompicoglioni, andiamo a fare prima un bagno in piscina?”

“Aspetta, voglio vedere.” Rispose Laura aprendo di nuovo la porta della sauna.

Il turista era seduto sulla panca di legno, seminudo, aveva un asciugamano dietro la testa che era appoggiata sul gradone sovrastante e un altro che gli copriva la vita, dall’ombelico alle cosce. Era bianco, quasi completamente calvo e grinzoso ma era magro e alto. Non sembrava aver fatto caso a noi tre.

Laura richiuse la porta e si girò verso di me:

“Dai amore, fammi divertire, vuoi vedere come lo faccio infartare nella sauna?”

“Ok, hai stimolato la mia curiosità… Che vorresti fare?”

“Entriamo prima io e te. Lorenzo, tu entri dopo 5 minuti e ti siedi vicino a me, al resto ci penso io… Fidatevi di me.”

“Per me ok.” Disse Lorenzo.

“Anche per me, vediamo quanto sei troia…” Aggiunsi io.

Laura si tolse l’accappatoio e rimase completamente nuda, lì davanti a noi, al centro della spa, si avvolse l’asciugamano sotto le ascelle. Ovviamente lo piegò in modo che risultasse corto, le arrivava appena all’inizio delle cosce. Aprì la porta ed entrò, tenendomi per mano.

Ci sedemmo di fronte a lui, lei gli era perfettamente davanti. Lui se ne accorse, aprì gli occhi e ci guardò. Fece un cenno con il capo ad entrambi.

Quasi subito Laura prese a strusciarsi contro di me, mi prese dietro la nuca e mi baciò con tanta lingua e molto trasporto. Io sbirciavo il Tedesco che sembrava apprezzare molto la scena.

Dall’ asciugamano cominciò ad intravedersi un’inequivocabile erezione. Niente male per quell’età. Laura se ne accorse e rincarò la dose, accarezzandomi il cazzo da sopra l’asciugamano mentre lo guardava col suo sguardo malizioso.

All’improvviso entrò Lorenzo, Laura tolse in fretta la mano dal mio cazzo e si ricompose.

Lorenzo andò a sedersi accanto a lei, non troppo vicino. Il Tedesco fece un cenno col capo anche a lui.

Passarono un paio di minuti, l’eccitazione si tagliava col coltello, il vecchio aveva ancora quella vistosa erezione tra le gambe e Laura faceva di tutto per concedersi ai suoi occhi. Poi prese l’iniziativa: Si mosse sensualmente verso Lorenzo e diede un bacio incandescente anche a lui. Ovviamente a quel punto il vecchio non ci stava capendo più niente. Non sapeva che Lorenzo fosse con noi, non aveva idea di quello che stava succedendo, vedeva solo una fica 40 anni più giovane di lui, che tra un ammiccamento e l’altro, pomiciava con quello che doveva essere suo marito e subito dopo uno che doveva essere un perfetto sconosciuto, il tutto davanti ad un altro perfetto sconosciuto, cioè lui.

Laura si staccò da Lorenzo e aprì l’asciugamano rimanendo nuda.

Prese la mano sinistra di Lorenzo e se la portò sul seno lasciandosi palpare, poi prese la mia mano destra e se la portò in bocca, mi leccò per bene due dita e se le fece scorrere tra le gambe per farsela accarezzare, Nel frattempo continuava a guardare il vecchio e si leccava le labbra da vera troia.

Lui non poté più resistere, aprì il suo asciugamano e quella che sembrava essere un’erezione si rivelò essere una maestosa erezione. Aveva un cazzo molto grosso e quasi glabro. Quando lo vide, esplose lo stupore sul volto di Laura che si tolse le nostre mani di dosso, si alzò e andò ad inginocchiarsi in mezzo alle sue gambe. Gli prese il cazzo in mano e iniziò a menarglielo tenendogli la punta della cappella a pochi centimetri dalle sue labbra. Noi eravamo dietro e non potevo vederla in faccia ma ero sicuro che gli stesse facendo il suo sguardo da pompino. Abbassò la testa e mentre continuava a segarlo prese a leccargli le palle, con tutta la lingua, dal basso verso l’alto, succhiandole di tanto in tanto.

Quando fu soddisfatta riportò la faccia sopra, gli baciò la cappella, glielo prese in bocca e iniziò a succhiare. Il vecchio sembrava quasi sofferente per quanto stava godendo. Serrò la mascella, socchiuse gli occhi, le prese la testa e glielo spinse in gola.

Anche Laura sembrava in estasi, mentre si faceva scopare la bocca alzò il culo divaricando le gambe, inarcò la schiena e si infilò due dita nella fica masturbandosi con violenza. Sembrava che stesse per venire, infatti poco dopo si sfilò il cazzo del vecchio dalla bocca, ci sputò abbondantemente sopra e si arrampicò su di lui per farsi scopare.

Con una mano gli prese la testa e se la spinse tra le tette, con l’altra afferrò il cazzo e lo diresse dentro di se. Saltava sopra di lui quasi con cattiveria, lui le prese le chiappe e le allargò per farci vedere bene come la stesse impalando. Erano entrambi madidi di sudore, luccicavano alla luce fioca della sauna, fortunatamente il vecchio non stava facendo granché, restava fermo e faceva tutto mia moglie, altrimenti gli sarebbe sicuramente scoppiato il cuore.

Laura era sull’orlo dell’orgasmo, si mise a strillare:

“SIIIIII… FAMMI VENIRE… STO VENENDOOO… TI VENGO ADDOSSOOOO!”

Il vecchio probabilmente non parlava Italiano ma capiva benissimo il linguaggio universale della fica che ti pulsa sul cazzo mentre gode. Le prese la testa e le infilò la lingua in bocca.

Laura gemette a lungo e si lasciò andare sopra di lui.

Soddisfatta, se lo sfilò da dentro e si rimise a gambe aperte a mostrarci il culo e la fica mentre lo spompinava:

“Dai adesso vienimi in bocca… Tocca a te godere ora… Dammi la sborra…”

Lui ruppe il silenzio:

“Oui… Oui… Dans ta bouche… Oui…”

Era Francese il bastardo fortunato.

Le strappò il cazzo di mano e le schizzò almeno una dozzina di volte in faccia e in bocca, un seme strano, denso, compatto e giallastro, forse con l’età cambiava aspetto.

Laura aveva la bocca spalancata e la lingua di fuori. L’aveva presa tutta e lo stava ripulendo.

Quando ebbe finito tornò a guardarlo negli occhi e sussurrò:

“Chambre 246… Venez quand vous voulez… Au revoir.”

Il vecchio Francese annuì, si alzò, si rimise l’asciugamano in vita e uscì dalla sauna.

Laura gattonò in maniera felina verso di me, si avvicinò come per baciarmi e mi disse:

“Guardami amore, guarda cosa mi sono fatta fare… Solo per te… Sono piena di sborra… Baciami!”

Il suo volto sembrava coperto da una glassa bianco-giallastra, aveva due grossi goccioloni che le penzolavano dal mento e un altro che si stava staccando dalle ciglia dell’occhio destro. La baciai e la ripulii completamente. Facevo fatica a non venire quando ripulivo la faccia di mia moglie dallo sperma degli altri.

Nel frattempo Lorenzo si stava masturbando con foga, Laura si voltò verso di lui e lo ammonì:

“E tu smettila, che poi va a finire che vieni subito!”

Lui interruppe la sega. Poi Laura scese da sopra di me e si andò ad inginocchiare al centro della sauna, ci guardò e disse:

“Ho bisogno di una doccia… Venite a pisciarmi addosso?”

Ci alzammo di scatto e la raggiungemmo al centro della sauna. Sotto di lei c’era un chiusino per scaricare l’acqua. Ci disponemmo davanti a lei e le puntammo i cazzi sul viso.

Il primo a schizzare fu Lorenzo. Lei vide arrivare il getto e lo raggiunse a bocca aperta. Il piscio le schiumava sulla lingua e le scendeva dai lati della bocca sul collo e sul seno, le percorreva tutta la pancia, le finiva tra le gambe, sulla fica e alla fine nel chiusino. Anch’io iniziai a pisciarle addosso ma visto che in bocca stava prendendo quella di Lorenzo, mi accontentai di farle bruciare gli occhi.

Appena ebbe finito di pisciare Lorenzo la prese per mano e si andò a sedere sulla panca di legno dov’era il vecchio Francese poco prima, la fece inginocchiare e si fece fare un bocchino.

Laura si girò verso di me e mi chiese di incularla.

Ce la sbattemmo per bene per una decina di minuti, poi lei venne di nuovo e noi subito dopo di lei.

Lorenzo le venne in bocca. Laura ingoiò tutto e si girò chiedendomi di sborrarle nel culo. La accontentai quasi subito.

Quando avemmo finito di usarla ci ricomponemmo e tornammo nelle rispettive stanze a lavarci e prepararci per uscire a cena.

Si erano fatte quasi le 22:00 e decidemmo di cenare in albergo e uscire a fare una passeggiata sul lungolago ma era una serata fredda e ben presto tornammo in Hotel a dormire, se non altro per ricaricare le batterie in vista del giorno seguente. Dopotutto eravamo tutti e 3 abbastanza soddisfatti di come era andata la giornata.

3

Il Sabato, io e Laura ci svegliammo intorno alle 8:30, ci lavammo e scendemmo a fare colazione. Lorenzo rimase a dormire in stanza e non ci incontrammo.

Prendemmo posto in un tavolo da tre nel salone dell’hotel pensando che a momenti si sarebbe potuto aggiungere Lorenzo. Poco dopo aver preso il cibo dal buffet notammo che a poca distanza dal nostro tavolo c’era il vecchio Francese che aveva quasi finito di mangiare. Anche lui ci aveva notati. Mi avvicinai all’orecchio di Laura e bisbigliai:

“Hai visto come ti guarda il porco? Secondo me non gli è mai capitata una troia come te in tutta la sua vita.” Laura mi sorrise e sempre bisbigliando mi disse:

“Adesso lo faccio venire nelle mutande…” Prese una fetta biscottata e la spalmò con burro e marmellata di fragole, poi, mentre lo guardava fisso negli occhi si portò il coltello alla bocca e leccò molto lentamente la lama, dal basso verso l’alto, pulendolo dall’avanzo di marmellata, diede un morso alla fetta biscottata e masticando gli sorrise molto maliziosamente.

Il vecchio finì la sua colazione e si alzò dal suo tavolo e si diresse verso il nostro, afferrò lo schienale della sedia libera e spostandolo all’indietro ci disse:

“Posso?” Rispose Laura:

“Certo… Si accomodi…” Lui si sedette e Laura continuò:

“Allora parla Italiano?”

“Bien sur… Sono di Nizza.”

“Poteva farmelo capire ieri sera… Le avrei sussurrato all’orecchio qualche porcata per farla impazzire…”

“Oh… È stato fin troppo bello così… È stata semplicemente meravigliosa… Una Dea…” Laura arrossì vistosamente.

“Grazie!… Neanche mio marito mi ha mai dato della Dea…” Il vecchio si voltò verso di me, mi sorrise e rispose:

“Oh dovrebbe dirglielo ogni giorno…” Poi, sempre rivolto a me, iniziò a fare domande:

“Siete sposati da molto?”

“No, sono appena 3 anni.”

“Oh… Immagino che non sia stata la prima volta con degli sconosciuti per voi ieri?”

“No no, mia moglie si diverte a farsi scopare da chiunque da più di un anno… Ne siamo entrambi molto entusiasti.”

“E posso chiedere com’è andata a finire con l’altro ragazzo nella sauna?” Laura scoppiò in una risatina colpevole e riprese la parola:

“Ma chi, Lorenzo? ahahaha… Ma no, è un nostro amico, è con noi… Sono stata io a organizzare quel piccolo spettacolino quando abbiamo visto che la sauna era occupata da lei e non avremmo potuto fare i nostri giochini… Ho pensato che vedendoci “indaffarati” se ne sarebbe andato o avrebbe partecipato… E lei ha fatto il resto.”

“Ah… Allora devo ringraziarti due volte…”

“È stato un vero piacere… Mi sono divertita molto anch’io, pensavo l’avesse capito…”

“Beh si l’avevo capito, però immaginavo che stessi eseguendo le sue direttive.” Le disse indicando me.

“No no, mio marito mi lascia prendere l’iniziativa… Gode nel vedermi sedurre, godere con altri e farli godere dentro di me”

“Bien… Ora è chiaro. A questo punto vi andrebbe di presentarci o preferite mantenere le distanze?” Risposi io:

“Nessun problema… Io mi chiamo Paolo, lei è mia moglie, Laura e il ragazzo che era con noi nella sauna e che ancora dorme si chiama Lorenzo. È un collega di Laura, se la sbatte quando sono in ufficio e ogni tanto ce la sbattiamo insieme, come ieri sera dopo che lei è uscito dalla sauna.”

“Io mi chiamo Germain, ma gli amici mi chiamano Gerry. Come ho già detto sono di Nizza. Facevo parte del corpo diplomatico e ora che sono in pensione mi diverto a tornare in Italia da turista quando posso.” Laura gli porse la mano:

“Piacere Gerry.”

“Enchantè madame…” Rispose lui.

“Quanto si ferma qui?” Chiese Laura curiosa.

“Riparto Domenica mattina… E voi?”

“Noi domenica prima di cena. Oggi è il compleanno di Laura e io e Lorenzo le abbiamo organizzato questo weekend a sua insaputa per festeggiare.”

“Oh tanti auguri Laura!”

“Grazie Gerry ma non mi chieda quante candeline spengo.”

“Ma ci mancherebbe… Non lo farei mai… È comunque lei sarà meravigliosa anche tra altre 30 candeline.”

“Grazie, sono lusingata.” Rispose Laura arrossendo.

“In tal caso è inutile che vi chieda quello che avevo intenzione di chiedervi.”

Laura si incuriosì subito:

“Cosa voleva chiederci?”

“No, lasci stare… è il suo compleanno, non vorrei rovinarle la festa.”

“La prego Gerry, ci dica… Ormai mi ha incuriosito.”

Gerry mi guardò come per chiedere il permesso. Io feci un cenno d’intesa con il capo e lui ci guardò entrambi, dubbioso e imbarazzato e chiese:

“Posso darti del tu Laura?”

“Ma certo! meno di 12 ore fa sono venuta sopra di lei… Avanti, non mi lasci sulle spine!”

“Ok… Vorrei averti tutta per me, per tutta la sera. Da ieri non faccio altro che pensare a te sopra di me, a come sei stata brava a provocarmi, a come ti piaceva prendermi dentro, a come ti sei eccitata quando l’hai visto… Erano anni che non mi capitava una donna così, se tuo marito mi concedesse questa licenza sarei eternamente grato ad entrambi… Vi prego, non offendetevi, non voglio trattare Laura come una prostituta ma mi rendo conto che è la sua festa e che le sto chiedendo qualcosa di ingiusto… Per questo vi dico che se accetterete vi rimborserò volentieri il soggiorno… a tutti e tre, se non bastasse potrei aggiungere qualsiasi cifra. Sia chiaro, non starei pagando le prestazioni di Laura ma più che altro il disturbo di averla strappata al marito e al suo amico nel giorno del suo compleanno… Ecco… che cosa ne dite?”

Il viso di Laura si illuminò di una luce perversa. Mi strinse la mano sulla coscia, si voltò verso di me e mi chiese quasi supplicando:

“Si amore ti prego, vendimi! Solo al pensiero mi bagno… Mi sentirei finalmente la tua puttana.”

Gerry sembrava sbalordito. Aveva sicuramente capito che Laura era una donna particolarmente disinibita e porca ma non credo fosse arrivato a pensare che volesse essere trattata come una puttana, venduta per pochi spiccioli ad un vecchio di quasi 70 anni.

Io presi qualche secondo per pensare, l’idea di mia moglie venduta come una schiava ad un vecchio ricco che avrebbe potuto usarla come una troia da strada mi eccitava. Il cazzo mi stava diventando duro ed inoltre Laura voleva farlo, mi aveva appena pregato di venderla. Finii il mio cappuccino, poi guardai il vecchio negli occhi, intensamente e decisi:

“Ok Gerry… Per stasera potrai avere mia moglie tutta per te… Ma ti devo imporre delle condizioni necessarie…” Gerry mi interruppe:

“Grazie Paolo… Grazie Laura, vedrai, sarò l’uomo più gentile che ti sia mai capitato. Dimmi pure le tue condizioni.”

“Laura sarà tua dalle 18:00 di questa sera fino alle 8:00 di domani mattina. Potrai fare quello che vorrai purché lei sia sempre, e sottolineo sempre, consenziente al 100%. Non dovrà esserci neanche il minimo accenno alla violenza. Se le farai del male fisico o psicologico avrai dei grossi problemi, credimi… Mi sei simpatico ma non sfidare la sorte. Non potrai portarla in bordelli o locali di scambisti o cose del genere e voglio un assegno da 3000€ intestato a Laura, adesso. Alle 18:00 accompagnerò personalmente Laura nella tua stanza. Alle 8:00 di domani mattina dovrai riportare Laura nella mia. Ti va bene?”

“Certo, sono tutte condizioni ragionevoli. Ti garantisco che non le torcerò un solo capello. Vi ringrazio molto ragazzi, veramente, state esaudendo il sogno di un povero vecchio.”

Nel dirlo tirò fuori il portafoglio e prese il libretto degli assegni. Mentre lo compilava Laura si eccitò ancora di più. Gerry lo staccò e glielo porse, Laura nel prenderlo gli accarezzo la mano, lo guardò intensamente negli occhi e gli sussurrò:

“Non vedo l’ora di diventare la tua schiava… Stasera mi vestirò come una puttana da due soldi per te.”

“Oh no, per favore… Permettimi di comprarti qualcosa di mio gusto, se non ti piacerà sarai liberissima di non indossarla e se invece ti piacerà, ogni volta che la metterai ti ricorderai di me. Vado a prendere un foglietto così mi scrivi le tue taglie.”

Gerry si alzò per andare a cercare il foglietto, Laura si voltò verso di me col suo tipico sorriso carico d’eccitazione, mi baciò con la lingua, toccandomi il cazzo da sotto il tavolo e quando si staccò, guardandomi negli occhi, mi disse:

“Amore mio, che grandissima puttana hai sposato… Non vedo l’ora di raccontarti tutto, nei minimi dettagli… Magari mentre me lo infili nel culo.”

“Io non credo che esistano altre mogli che si bagnino all’idea di essere vendute per 3000€ ad un vecchio semi sconosciuto per tutta la notte, sei veramente una troia schifosa ma ti risposerei anche domani.”

“Appena torna Gerry voglio andare a svegliare Lorenzo, sono arrapatissima… Ho tanta voglia di cazzo… Mi scopate vero?”

“Certo che ti scopiamo troietta!”

Gerry tornò con il foglietto, Laura ci scrisse sopra le sue taglie e poi lo salutò baciandolo sulla guancia. Lasciammo il salone subito dopo di lui e andammo in camera nostra a prendere il doppione della chiave di Lorenzo. Laura lo svegliò come piaceva a lei… E a me: Si spogliò nuda, si arrampicò sulla sponda del letto, gli tirò delicatamente giù le mutande facendo attenzione a non svegliarlo e gli prese il cazzo moscio in bocca. Succhiò avidamente per un paio di minuti e lasciò che il suo cazzo le crescesse in bocca. Lui dischiuse gli occhi e quando realizzò che Laura gli stesse facendo un bocchino la prese dietro la testa e la spinse più a fondo possibile.

Io mi slacciai i pantaloni, mi accomodai su una poltroncina rivolta verso il letto e mi gustai la scena.

Laura non mi lasciò neanche il tempo di godermi lo spettacolo, era talmente vogliosa che dopo appena qualche ciucciata sollevò il culo e lo offrì al mio sguardo si girò e mi rimproverò:

“Amore, non startene sempre a guardare! Scopami cazzo!”

Dovetti alzarmi quasi controvoglia per andare a prenderla da dietro. Ovviamente era già bagnatissima e il cazzo scivolava alla perfezione dentro di lei. Sapevo che prenderlo contemporaneamente in bocca e in fica era la cosa che preferisse in assoluto e infatti dopo pochissimo venne gemendo e stritolandomi la cappella.

Lorenzo doveva essere molto “Carico” perché anche lui durò pochissimo. Le venne in bocca quasi subito senza neanche avvisarla. Dai versi che emetteva Laura sembrava una di quelle sborrate copiose che in genere traboccavano dai lati della bocca e finivano sul lenzuolo ma mia moglie era una vera professionista e non se ne lasciò sfuggire nemmeno una goccia.

Dopo gli ultimi spasmi da orgasmo, Lorenzo si sfilò dalla sua bocca e andò in bagno a farsi una doccia. Laura abbassò il sedere per farmi capire che dovevo uscire da dentro di lei, io sfilai il cazzo e lei si girò, salì sul letto e si mise a pancia in sù, spalancò le gambe verso di me, si infilò due dita dentro e guardandomi si passò la lingua piena di sperma sulle labbra e poi ingoiò.

Io le saltai letteralmente addosso, presi a chiavarla alla missionaria e a leccarle il collo, salendo fino alle labbra che ancora sapevano di sperma. Ci baciammo furiosamente e perdemmo entrambi il controllo. Lei mi strinse le gambe dietro la schiena incrociando i piedi per prendermi più a fondo possibile, io la chiavai con una ferocia tale che le schizzai dentro proprio nell’istante più intenso del suo orgasmo.

La giornata prometteva veramente bene… Non erano neanche le 10:00 e mia moglie era già stata farcita due volte.

Lorenzo uscì dalla doccia, noi ci rivestimmo e ci preparammo per uscire.

4

Andammo a piedi a fare una passeggiata verso il lago e lungo la strada raccontammo quello che era successo nel salone dell’Hotel a Lorenzo. Non la prese benissimo, certo non aveva fatto più di 500 chilometri per farsi fare un bocchino nella sauna, un altro nel letto di una camera d’albergo e per passare il Sabato sera a guardarsi in faccia con me. Laura gli fece capire che ci teneva molto a passare la notte con uno sconosciuto che l’avrebbe pagata 3000€, in più gli promise che quel pomeriggio sarebbe stata a sua disposizione e io gli ricordai che quella sera c’era Milan-Juve e visto che stavamo a meno di un’ora da Milano potevamo fare un salto allo stadio a vedere una partita di cartello.

Pranzammo in un ristorantino molto pittoresco proprio sul belvedere del lago e iniziammo a pensare a come sfruttare al meglio quelle quattro ore in cui Laura sarebbe stata ancora nostra.

Purtroppo faceva troppo freddo, altrimenti avremmo potuto farci il bagno nudi nel lago e scoparci Laura nell’acqua. Alla fine Laura propose di prendere la macchina e di fare il giro del lago in cerca di un boschetto dove poterci infrattare. Non le andava l’idea di farlo nell’albergo, era troppo banale per lei. Prendemmo la mia macchina e iniziammo a cercare un posto eccitante dove sbattercela ma dopo più di un’ora e quasi 2 giri completi del lago cominciammo a perdere le speranze, inoltre non avevamo molto tempo perché alle 18:00 avremmo dovuto consegnare Laura a Gerry.

Si erano fatte le 16:30 e Laura ebbe un’idea che mise d’accordo tutti. Propose a Lorenzo di passare ai sedili dietro insieme a lei, io avrei dovuto prendere l’autostrada cercando di non allontanarci troppo per tornare prima delle 18:00 e lei si sarebbe fatta chiavare da Lorenzo lì, nella nostra auto, mentre io li portavo a spasso, sotto gli occhi di tutti. L’idea piacque molto sia a me che a Lorenzo. Accostai per farlo scendere e passare dietro e poi ripartii verso l’autostrada.

Iniziarono subito a baciarsi con trasporto e a toccarsi reciprocamente e appena superata la barriera Laura aveva già slacciato i pantaloni di Lorenzo, tuffandosi con la bocca sul suo cazzo dritto. Regolai lo specchietto retrovisore interno per godermi la scena e mi misi sulla corsia di destra a 110Kmh a guardare quella troia di mia moglie che succhiava Lorenzo mentre io guidavo.

Fortunatamente alle 17:00 il sole tramontava e al buio si vedeva male quello che succedeva nella macchina, in più i finestrini dietro si stavano appannando. Laura si tolse il vestitino e il reggiseno e rimase nuda, saltò a smorzacandela sul cazzo di Lorenzo. Dallo specchietto le vedevo il culo mentre cavalcava e si faceva impalare, era eccitatissima, sul punto di venire.

Ad un tratto le loro bocche si staccarono, Laura girò la testa di 90 gradi e urlò verso di me:

“Sto sudando, apri i finestrini dietro, voglio che mi vedano tutti mentre vengo!”

Io non le risposi neanche, avevo il cazzo di marmo. Aprii subito i finestrini e continuai a guardare Laura che continuava ad urlare:

“SCOPAMIII… SCOPAMI DAVANTI A TUTTI… STO VENENDO… SIIIIIIII…”

Si fermò per qualche istante mentre si sbrodolava sul cazzo di Lorenzo e lo leccava sul collo, poi scese da sopra di lui e si accucciò dietro al bracciolo, riprese a succhiarlo e gli chiese di schizzarle in faccia. Lorenzo prese a menarsi il cazzo nella bocca di Laura e in men che non si dica la prese per i capelli, le inclinò la testa all’indietro e le venne in faccia urlando:

“SIIIIII… TE LA RIEMPIO DI SBORRA QUELLA FACCIA DA PUTTANAAAA!”

Laura se la prese tutta in faccia e si rimise a succhiare diligentemente quella che era rimasta sulla cappella, aspettando che il cazzo di Lorenzo le si ammosciasse in bocca.

Nel frattempo io ero tornato all’uscita per l’albergo, la imboccai e mi diressi verso il parcheggio.

Laura passò al sedile davanti mentre parcheggiavo e mi chiese di pulirle la faccia prima di entrare alla reception. Io non me lo feci ripetere due volte, la baciai e la leccai tutta. Purtroppo si erano fatte le 17:45 e mancava solo un quarto d’ora all’appuntamento con Gerry. Laura, infatti, vedendo che mi stava eccitando ripulirle la faccia dallo sperma di Lorenzo, mi ricordò che doveva cambiarsi perché l’avevo venduta al vecchio e doveva andare a farsi scopare da lui. Io, ovviamente, mi eccitai ancora di più.

Entrammo nella reception e salimmo alle nostre stanze. Fissai l’appuntamento per le 18:30 nella hall con Lorenzo e ci dividemmo. Io e mia moglie entrammo nella nostra stanza e lei si rinfrescò la faccia e tra le gambe. Alle 18:00 spaccate la accompagnai nella stanza di Gerry.

5

Bussammo, lui aprì subito, probabilmente stava aspettando Laura con impazienza. Ci salutammo e ci fece entrare. Sul letto c’erano un vestitino nero che sembrava molto succinto, un reggiseno, un paio di calze autoreggenti e sopra un rossetto rosso fuoco, tutto ripiegato con estrema cura. A terra sotto il vestitino c’erano un paio di scarpe col tacco di vernice rossa. Laura chiese di poter vedere e provare il tutto e Gerry acconsenti. Andò in bagno e si vestì. Chiesi a Gerry di poter restare almeno a vedere come avrebbe portato fuori mia moglie e lui mi disse che era più che legittimo.

Dopo un paio di minuti Laura uscì dal bagno, bella come non mai. Le scarpe le facevano due gambe da sballo e il vestitino le arrivava appena sotto le chiappe. Gerry aveva deliberatamente dimenticato le mutandine, se Laura si fosse seduta chiunque avrebbe potuto guardarle la fica.

Laura andò dal vecchio, gli mise le braccia al collo, lo baciò mentre lui le toccava una chiappa, poi lo guardò negli occhi e gli chiese:

“Ma dopo stasera potrò tenere tutto?”

“Certo! Te lo meriterai sicuramente.”

“Ma tra vestito e scarpe avrai speso quasi un migliaio di euro!”

“Non preoccuparti, non ho di questi problemi, purtroppo la cosa più bella del mondo posso solo affittarla.”

“Sì… Vorrei essere la tua puttana per sempre… Ti piaccio di più con i capelli sciolti o legati?”

“Mettili pure come vuoi… Sei meravigliosa comunque.”

Poi Laura si girò verso di me, mi guardò e mi disse:

“Amore, ci lasci soli? Sono sua già da un quarto d’ora e adesso ho voglia di prenderglielo in bocca.”

Io risposi un po’ amareggiato ma molto molto eccitato:

“Ok ok… Vi lascio soli… Divertitevi… Ci vediamo domattina alle 8:00… Puntuali!”

“Ciao amore, a domani.”

“A domani Paolo… Vedrai, andrà tutto bene.”

Mentre uscivo vedevo Laura con la coda dell’occhio che si inginocchiava e slacciava la patta dei pantaloni di Gerry. Era veramente dura lasciarla lì senza poterla vedere.

Mi chiusi la porta dietro le spalle e andai nella hall ad attendere Lorenzo. Prendemmo la sua auto e partimmo per andare a vedere l’anticipo di campionato a San Siro.

Fu una bella partita, con molti gol ma mentre ero lì non potevo fare a meno di pensare ai gol che stava segnando il vecchio con mia moglie.

Dopo la partita ci fermammo in un pub a bere un paio di birre e tornammo in albergo verso l’una di notte. Non appena varcai la soglia della camera mi arrivò un messaggino di Laura:

“Amore, stai tranquillo, sto bene e mi sto divertendo un mondo, Gerry è veramente un gran signore. Non vedo l’ora di raccontarti tutto domani mattina. Buonanotte. Ti amo. Laura.”

Lo lessi con un sorriso, puntai la sveglia alle 7:30 e contrariamente a quanto avevo previsto presi sonno quasi subito, forse proprio grazie al suo messaggio.

6

L’indomani mattina, alle 8:00 spaccate, la porta della stanza si aprì. Era Laura, puntuale come un orologio Svizzero. Gerry non era con lei ed era ancora vestita come la sera prima ma puzzava di piscio, era senza rossetto e con i capelli in disordine, in ogni caso una gnocca da urlo. Doveva essersi divertito parecchio il vecchio.

Venne a baciarmi mentre ero ancora nel letto, avevo sentito la sveglia ma non mi andava di alzarmi. Mi baciò, mi sorrise e mi sussurrò teneramente:

“Buongiorno amore.”

Io le risposi un po’ meno teneramente ma sempre sorridendo:

“Buongiorno moglie puttana.” Lei rise.

“Allora… Com’è andata la serata romantica?”

“Romantica?! Amore mio… Quel vecchio è almeno 200 volte più porco e perverso di te. Mi sono divertita tantissimo. Dai lavati e vestiti che ti racconto tutto giù mentre facciamo colazione.”

“Ok ma come mai non ti ha accompagnata?”

“Ha detto che voleva anticipare la partenza per non trovare traffico al ritorno, ci siamo salutati in camera sua poi io sono venuta qui da te e lui è andato alla reception a pagare. Mi ha detto di salutarti comunque.”

“Ok. Vado a farmi una doccia e scendiamo.”

“Si amore, mi cambio anch’io che ho la patatina al vento.”

Ci lavammo, ci vestimmo e scendemmo nel salone. Prendemmo la colazione e mentre mangiavamo Laura mi raccontò tutto, senza tralasciare alcun dettaglio.

Mi disse che quando ero uscito dalla stanza di Gerry, lasciando Laura che gli succhiava il cazzo lei si era fatta venire in bocca, ingoiando tutto, per svuotarlo in vista della serata.

Poi Gerry aveva preso la macchina e l’aveva portata in uno dei ristoranti più esclusivi di Milano. Non aveva neanche i prezzi sul menù ma si capiva benissimo dal contesto e dall’abbigliamento dei presenti che doveva essere un posto per ricchi. Gerry le offrì una cena da mille e una notte e mia moglie, per farlo divertire, metteva in imbarazzo il cameriere facendogli vedere la fica tutte le volte che portava qualcosa a tavola. Poi in cassa, al momento di pagare, Gerry riconobbe un suo vecchio collega Italiano, sempre nel campo degli affari esteri, che aveva più o meno l’età di Gerry e dopo le presentazioni di rito, Laura si offrì di fargli un bocchino nel parcheggio mentre Gerry si masturbava.

Dopo la cena Gerry la portò a Cologno Monzese, in una strada piena di prostitute e la sfidò a vendersi sulla strada per pochi spicci al primo che si fosse fermato da lei. Mia moglie ovviamente accettò, scese dall’auto e si mise in piedi ad aspettare un potenziale cliente. Vestita in quel modo attirò subito l’attenzione. Si fermò un cinquantenne Milanese con una BMW, ben vestito e ben educato che le chiese il suo prezzo, lei si svendette per 50€, culo compreso. La caricò in macchina e parcheggiarono dietro una curva. Gerry si appostò subito dietro a spiare la scopata. Laura gli succhiò il cazzo, si fece scopare e inculare senza preservativo e ingoiò anche lui.

Quando ebbero finito scese dall’auto del cliente e montò di nuovo in quella di Gerry.

Il vecchio porco le disse che era stata bravissima e molto coraggiosa e le lasciò tenere i soldi, poi la riportò in albergo.

Arrivati nella sua camera le disse che dato che fino a quel momento era stata lei a far divertire lui, il suo ex collega e uno sconosciuto che la credeva una zoccola, gli sarebbe piaciuto fare qualcosa per far godere anche lei. Le chiese cosa le piacesse fare a letto e di cosa aveva voglia. Laura rispose che le cose che più la eccitavano erano essere legata e scopata con violenza e farsi pisciare addosso e sputare in bocca.

Gerry la portò in bagno, la fece inginocchiare, andò a prendere due cinte e le legò una mano alla maniglia della porta del bagno e l’altra al portasciugamani.

Le pisciò in bocca mentre era ancora vestita (ecco il perché della puzza di piscio che avevo sentito quando mi era venuta a baciare), poi la prese da dietro, la fece venire due volte e Laura le chiese di incularla. Mentre la inculava la prese per i capelli, le tirò la testa all’indietro, le ordinò di aprire la bocca e tirare fuori la lingua e ci sputò sopra. Laura venne di nuovo.

Dopo quasi un’ora che la scopava sfilò il cazzo dal suo culo e le sborrò in faccia.

Le fece togliere il vestito ma le impedì di lavarsi e la costrinse a farlo addormentare mentre gli leccava le palle. Lei aspettò che lui dormisse, poi si coricò vicino a lui, sporca di piscio e sperma e si addormentò.

Le chiesi se avesse provato fastidio nell’eseguire gli ordini di Gerry e se fosse sempre stato rispettoso della sua volontà. Mi rispose che era stato un vero gentiluomo e che gli aveva lasciato il suo numero per qualsiasi evenienza perché le sarebbe piaciuto essere ancora sua.

Finimmo di fare colazione e Laura mi chiese di salire a svegliare Lorenzo, fare le valige e tornare a casa. Era più che soddisfatta. Era diventata una puttana vera. Mia moglie… Una gran puttana.

Fine.



Commenti

pubblicato il venerdì 18 agosto 2017
fleursfatale, ha scritto: Vorrei collaborare con te! Che ne dici? Qui puoi leggere i miei di racconti! https://fioridifango.blogspot.it/?m=1 Potremmo costruire una raccolta di racconti insieme a tanti autori di erotica! Fammi sapere se sei interessato e gira la parola!

Lascia un commento a questo lavoro:

per lasciare un commento devi effettuare il login: